QUANDO LA COPPIA GAY VA IN VACANZA

di

Tempo di vacanze: un momento critico per la coppia gay, in cui occorre conciliare le singole esigenze. Eccovi qualche consiglio e qualche richiamo al buon senso per una...

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
844 0
844 0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


Durante l’anno siete riusciti più o meno ad andare d’accordo, avete smussato gli angoli, accettato qualche compromesso? Tutto bene, ma attenzione: a maggio la decisione su come passare le vacanze estive può diventare una lotta tra i due partner.

Che tipo di vacanza fare, dove andare, per quanto tempo, quanti soldi spendere. Tutte scelte che possono causare non poche discussioni. Come in ogni altra questione inerente la vita di coppia, infatti, anche sul tema vacanze ognuno dei due partner ha una diversa idea su cosa il termine significhi.

Può darsi che per uno dei due voglia dire stare sdraiato al sole tutto il giorno in una spiaggia semideserta, mentre per l’altro equivalga ad andare in una grande città per visitarne l’architettura e i musei. Certo non è una situazione facile da conciliare. Tuttavia, anche se i vostri punti di vista sembrano differire completamente, ricordate che esiste sempre una soluzione alternativa, un terreno comune che può mettervi d’accordo entrambi, così da evitare la soluzione delle vacanze separate. Se proprio uno dei due ci tiene a vedere un posto a cui l’altro non è per niente interessato, ci vada pure da solo.

Ma è sempre meglio riservare almeno una parte delle proprie vacanze per stare insieme. Un periodo di riposo da passare vicini, magari da soli, senza amici intorno, a rilassarsi e coccolarsi reciprocamente, può essere un’occasione straordinaria per riscoprire il sentimento che vi lega e che durante l’anno può talvolta essere appannato da preoccupazioni e stress.

Fin qui il discorso vale per ogni tipo di coppia, gay o etero che sia. In realtà, come spesso accade, essere gay può rendere le cose un po’ più complicate. Infatti, a meno di non andare in posti notoriamente gay o gay-friendly, sarà opportuno non sottovalutare gli spiacevoli effetti dell’eventuale omofobia dell’albergatore o del posto in cui state andando.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...