Imma Battaglia piange la morte di Gilbert Baker: ‘organizzammo il World Pride del 2000, se ne va un amico’

di

Imma Battaglia, ex presidente del circolo di cultura Mario Mieli, ricorda con affetto Gilbert Baker, ideatore della bandiera arcobaleno morto all'età di 65 anni.

CONDIVIDI
231 Condivisioni Facebook 231 Twitter Google WhatsApp
9226 0

La morte improvvisa, all’età di 65 anni, di Gilbert Baker ha sconvolto l’universo LGBT. Nella notte di giovedì se n’è andato un pezzo di storia della comunità gay d’America, ideatore di quella bandiera rainbow che da quasi 40 anni sventola con fierezza ad ogni Pride, ad ogni diritto conquistato, ad ogni violenza subita. Imma Battaglia, ex presidente del circolo di cultura Mario Mieli, ha voluto ricordare Baker con parole piene d’affetto, esprimendo il proprio cordoglio attraverso sentiti ricordi.

Oggi si è spento un simbolo di attivismo, un vero combattente! Muore un grande uomo, un uomo che ha fatto la storia e che per lo storico Gay Pride di New York mise insieme i colori che sono poi divenuti il simbolo di un intero movimento, ovvero la bandiera arcobaleno. Ricordo che quei colori erano lunghi un miglio e mezzo, e arrivarono trasportati da un camion che consegnò la bandiera ai milioni di volti riuniti per quel memorabile pride… Oggi se ne va un compagno che ho avuto l’onore di avere accanto a me nell’organizzazione del World Pride del 2000, un corteo che che ha segnato il cambio di rotta nel movimento omosessuale italiano. Così significativo anche per lui, che in quella causa ha creduto a tal punto da trasferirsi qui a Roma nel ’99 per aiutarmi nell’organizzazione della sfilata. Sempre in quell’occasione aggiunse il settimo colore, il rosa, a simboleggiare la lotta contro la violenza sulle donne – vi sono ancora dei prototipi al Circolo Mario Mieli. Oggi ho perso un amico ed un grande fratello di lotta e mi ha addolorato l’aver appreso questa notizia. Mi mancherà, ma sono certa che colorerà di rainbow tutto il Paradiso… Gilbert, era proprio così!“.

Un World Pride del 2000 fu un evento storico e indimenticabile per l’intero movimento LGBT tricolore. Andò in scena il 9 luglio del 2000, con un milione di persone che si riversarono nelle strade di Roma per rispondere agli indecenti attacchi di una Chiesa cattolica che giudicò inaccettabile un Pride capitolino proprio nell’anno del Giubileo. Tra gli ospiti internazionali di quella manifestazione Gloria Gaynor, i Village People, RuPaul e Geri Halliwell, oltre proprio a Gilbert Baker, co-organizzatore per amore di una causa che ha segnato la sua intera esistenza.

Leggi   Presentato il Milano Pride: sul palco Jo Squillo, Drusilla Foer e Fabio Marelli
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...