Padova: Bitonci, sindaco che impediva le unioni civili, mandato a casa dalla sua stessa coalizione

Ha umiliato pubblicamente migliaia di persone che volevano festeggiare le unioni civili dei loro cari, impedendone di fatto la cerimonia e costringendoli ad emigrare nei comuni vicini.

Si sono recati ieri dal notaio per ratificare le loro dimissioni i 17 consiglieri comunali che hanno fatto cadere la giunta di Massimo Bitonci a Padova, aprendo la strada ad un commissario e ad elezioni anticipate.

Il dato politico inequivocabile è che è stata la sua stessa coalizione a non poterne più: per capire il perché, basta riportare le parole di un suo fedelissimo assessore a commento della vicenda. “Sui cadaveri dei Leoni festeggiano i cani credendo di aver vinto, ma i Leoni rimangono Leoni e i cani rimangono cani“.

Senza ricorrere alla massima buddista del ‘chi semina odio raccoglie tempesta’, la misura era colma per tutti. Nel suo piccolo, molto piccolo, Bitonci è stato portatore degli stessi valori di intolleranza, discriminazione e odio che caratterizzano il neo eletto Donald Trump. E finché si trattava delle opposizioni, dai “comunisti” come chiamava chiunque non fosse allineato al pensiero unico leghista, passi.

Ma le offese più gravi le ha fatte alla cittadinanza padovana e alle istituzioni. Bitonci è quello che ha umiliato pubblicamente migliaia di persone che volevano festeggiare le unioni civili dei loro cari, impedendone di fatto la cerimonia e costringendoli ad emigrare nei comuni vicini (LEGGI >), con un danno di immagine pesante per una città che è sempre stata all’avanguardia dell’accettazione.

Ti suggeriamo anche  Onda Pride 2019: è il giorno di Modena, Salerno, Alessandria, Perugia e Padova

Basti ricordare le centinaia di migliaia di euro date a Sgarbi per un fallimentare festival di stampo leghista, svilendo di fatto il termine “festival” che si contraddistingue per l’apertura e togliendogli quel significato di rinascita culturale che aveva per la città. Pessime le relazioni con le attività commerciali, con l’Università, vera istituzione cittadina, e con il polo ospedaliero, dove Bitonci si è contraddistinto per il litigio con Zaia, suo collega di partito e governatore del Veneto, sull’area dove costruire il tanto urgente nuovo centro ospedaliero (in collaborazione con l’università). Per non parlare della gestione dell’immigrazione, dove è stato lampante il tentativo di scaricare negli altri Comuni il problema. Insomma, un sindaco all’insegna del “tanti nemici tanto onore“, coadiuvato da un assessore di estrema destra, Saia, che ha più volte umiliato i dipendenti comunali invece che collaborarci.

Alla fine, la sua stessa coalizione lo ha mollato. Puoi seminare odio e discriminare, ma alla fine questo è l’inevitabile epilogo. Si aprono nuovi spazi a Padova. Serve portare nuove idee, governare con la paura non paga.

25 commenti su “Padova: Bitonci, sindaco che impediva le unioni civili, mandato a casa dalla sua stessa coalizione

  1. Cancelliamo l’infame legge delle Unioni
    Civili che tanto male farà al nostro Paese, ed introduciamo il divieto
    di propaganda gay, come in Russia. Lì sì che sanno come trattare
    travestiti ed il resto di queste cose.

    1. Certamente….Introduciamo pure il divieto della libertà di parola e esprimere vari opinioni cosi come il suo, e vedrà che non può scrivere più nulla. In lei vige un enorme intelligenza…Si nota palesemente in tutti i suoi commenti che lei ha scritto nel suo profilo e mi stupisco come mai nessuno ha fatto contro di lei una denuncia alla polizia postale e trascinarlo in tribunale per razzismo e omofobia. Si vede che lei conosce bene la Russia. Ci vada li visto che li piace cosi tanto Putin. La sarà molto felice cosi morirà pure di fame…Lei si che è un emerito ebete….Deve solo ringraziare che vive in Italia e la nostra democrazia ha dato anche a uno come lei la parola e può esprimere le sue opinioni…Attenzione però….fino a un certo punto….

      1. C’è molta differenza fra la libertà e la sregolatezza, questa infame legge delle unioni civili, viola le regole naturali secondo cui la Famiglia, è cmposta necessariamente da un uomo e da una donna.
        La legge russa, in tema di omosessuaità, è la migliore legge possibile.
        Pensi che in alcuni Stati degli Stati Uniti d’America, è possibile l’unione legale fra due persone dello stesso sesso, ma è vietata la sodomia.
        Quella USA è una legge che non ha nè capo nè coda, è incoerente.
        Ma forse sto spendendo troppe parole, nei confronti di una persona come lei, chiaramente ignorante e dall’intelletto ridotto.
        Il resto delle sue parole sono soltanto stupidamente propagandistiche, luride e becere, non ha senso ribattere.

        1. Se nelle famiglie che lei predica crescono figli come lei preferisco un orfanotrofio…Sicuramente quell’odio che lei semina con i suoi post sono frutto dell’educazione della famiglia cristiana da dove lei è venuto fuori, quell’odio che lei ha dentro fa molta paura, diversamente dall’amore di due persone dello stesso sesso. Dall’amore cresce solo amore, dall’odio cresce solo violenza…Infatti la differenza si nota, basta leggere i suoi post.
          Quello che fa propaganda qua dentro e lei e non io. Sono certo che lei viene su questo sito a fare propaganda clericale, ma come vede siamo in democrazia e lei può dire la sua anche su questo portale LGBT. E’ questa democrazia che ha dato la parola anche a lei, un emerito EBETE…Sono certo che uno come lei non conosce nemmeno il significato del termine perciò le consiglio di cercare nel vocabolario russo…Visto che in Italia non sta cosi bene perchè li piacciono le catene come un cane randagio, le consiglio di andare dal sua amico Putin. Anzi, chieda di dare la cittadinanza Russa e spedirla in Siberia, è li il posto ideale per i trogloditi.

          1. La sua supponenza è inversamente proporzionale alla sua intelligenza.
            Io sono ateo.
            Anche la pedofilia è una forma d’amore, eppure è errata, poichè caricata sulle spalle di unbambino che non può sopportarne il peso.
            Allo stesso modo, l’unione fra due persone dello stesso sesso, carica sulla società un peso che non sarebbe, se questi fossero insieme al sesso opposto, con l’opportunità di fare figli, osservando il futuro, invece di pensare in maniera egocentrica, egoistica, volgare, unicamente alla propria squallida libido.

          2. E’ inutile perdere del tempo con lei…è una causa persa…Non si può avere sangue da una rapa….Uno che mischia amore con pedofilia ha mancanza della materia grigia…in lei manca totalmente…poverino…mi fa pena ….Lei è un esempio dei figli cresciuti nella famiglia che lei definisce “normale”…peccato che se crescono i figli cosi, meglio non averli…..Vada da Putin va….

          3. Vedo con piacere che lei ha esaurito le sue argomentazioni, fra l’altro di poco conto, ed ora è totalmente incapace di difendere la sua causa, palesemente ingiusta, necessitando di degenerare nell’insulto e nello svilimento del suo interlocutore per poter mantenere la testa alta, almeno in apparenza.
            La sua goffaggine comunicativa non le è d’aiuto, certamente non ora, nè in seguito. Le consiglio di leggersi qualche libro ogni tanto. Mi permetto di consigliarle “Bruce Brenda David”.
            Buona lettura, qualora ne avesse voglia.

          4. Le consiglio di leggere meglio la conversazione. Nessun insulto da parte mia Invece da parte sua si. Tutti i suoi commenti esprimono odio contro le persone che la pensano diversamente da lei. Lei vorrebbe inserire le leggi della Russia in un paese dove hanno dato la vita milioni di persone per avere questa democrazia che permette lei di scrivere baggianate. Non conosce assolutamente le leggi della Russia e dei paesi ex comunisti, ma si permette a lodare le loro leggi solo per aver sentito dire. Si permette di gridare odio contro gli omosessuali. Quale argomentazioni ho esaurito scusi? Lei non ha nessun argomento da trattare….In lei tratterei solo il suo poco cervello….Tale trattamento si chiama TSO…Non vorrei fare il suo gioco, lei non merita il mio tempo e i suoi commenti non meritano risposte….

          5. Le faccio notare che continua a contraddirsi, prima mi dice che sono io quello che insulto, poi mi insulta lei.
            Prima dice che c’è odio nelle mie parole, poi le parole di odio sono da parte sua.
            Non avevo dubbi che le sue argomentazioni si limitassero semplicemente ad un misero: “lei non sa”.
            Dare per scontato che l’altro sia ignorante è il tipico metodo comunicativo di chi non ha argomenti per rispondere.
            “Vada a farsi un TSO”, che grande argomentazione.
            Legga qualche libro ogni tanto. Mi sembra di averle già consigliato un buon libro.

            Buona giornata.

          6. Non deve copiare le mie battute..Certo…come si dice…Mai discutere con un………che non ragiona……ti trascina al suo livello e ti batte con esperienza….Detto questo…chi ha orecchie per sentire e il cervello per capire capisca…..Avrò dubbi che a lei è rimasto qualche neurone per capire. Adesso si chiuda nella sua chiesa a leggere la bibbia…..Buona lettura….Io lego altri libri non quelli consigliato da lei…Non vorrei mai che mi viene una malattia chiamata “Demenza”…

          7. Come le ho già detto, la sua supponenza illimitata è garanzia di stupidità ed ignoranza. Io sono ateo.
            Il neurone che manca è evidentemente il suo, dato he necessita di fare supposizioni basate sul nulla per poter continuare a rispondere.
            E’ un metodo di discussione molto infantile. Ho sentito dire che l’omosessualità, potrebbe essere una forma di ritardo mentale.
            Io non ci credo, ma le consiglio di non esternare troppo la sua persona, o qualcuno potrebbe cambiare idea.

    2. Mi perdoni Sig. Ilvo Testa, ma lei cosa ci fa su un sito come questo? Forse sta nascondendo la sua indole primaria? Non è forse lei che ha scritto da qualche parte che i simili cercano i simili? Non sarà forse che anche a lei piace succhiare una bella minchia ma, povero lei, è troppo pervaso dai suoi sensi colpa e dal suo fanatismo fascistoide e machista per poterlo ammettere e cominciare a godere appieno della sua frociaggine?
      Mi spieghi Sig. Ilvo Testa, la prego.

      1. Supponenza allo stato puro. Non avendo argomentazioni valide per ribattere alle mie, si passa alle supposizioni, nella volontà di denigrare il proprio interlocutore.
        Se tutti gli omosessuali fossero come lei, nessuno potrebbe contestarne l’inferiorità mentale.

        1. Accidenti… avesse risposto lei ad una sola delle mie domande… mi sa che ho indovinato allora. Ma veniamo a lei mio carissimo idiota omofobo… di quale cazzo di argomentazioni vorrebbe parlare lei che ha iniziato con un

          “Cancelliamo l’infame legge delle Unioni
          Civili che tanto male farà al nostro Paese, ed introduciamo il divieto
          di propaganda gay, come in Russia. Lì sì che sanno come trattare
          travestiti ed il resto di queste cose.”

          E’ piu’ che sufficiente questa sua presa di posizione per impedire qualsiasi confronto brutto omofobo del cazzo. Non c’è nulla da ribattere nè da argomentare sui diritti, ha capito uomo di sta minchia? In Italia abbiamo una legge che le piaccia o no, si rassegni. Se non le piace se ne vada, oltre che a fanculo, a vivere con il suo amico russo.

          L’inferiorità mentale di voi omofobi non è contestabile invece. Siete tutti uguali: uomini stupidi e intellettualmente deficienti. Oltre che essere degli omosessuali repressi.

          Provo molta pena per lei.

          1. Rispondo alle sue domande, se ci tiene.
            1- non sto nascondendo la mia indole primaria
            2- sono d’accordo sul fatto che i simili cercano simili, così come è normale cercare anche di volere una discussione civile.
            3- no, io credo che della “frociaggine”, potrà goderne solo lei.

            Ora, io a queste domande avevo già risposto precedentemente, fra le righe, ma evidentemente lei non ha colto le risposte.

            Continuando nel discorso, no, non mi rassegno, c’è una buona base del Paese cui non piace questa piega, che l’Italia ha preso.
            E fortunatamente, il mondo sta iniziando ad accorgersi di questa deviazione, ed i partiti politici favorevoli stanno perdendo consenso.
            E’ solo una questione di tempo prima che queste luride deviazioni verranno estirpate come erba marcia dal tessuto sociale.

          2. Quello che ho colto è la sua ignoranza… Vede? di quale dibattito vuole parlare? Lei fa la fortuna di piccoli uomini come trump, salvini e compagnia cantando… perchè è stupido. Purtroppo di gente come lei non ce n’è poca.

            Detto questo… puo’ tranquillamente avviarsi a prenderlo su per il culo, brutto omofobo di merda.

          3. Che parole di grande saggezza. Si vede proprio che lei è non è una persona rude e volgare, ma civile.
            Mi renda edotto allora. Cosa non so? Me lo spieghi.

          4. Eheheheh caro il mio Sig. Ilvo Testa… si aspetta davvero che io ci caschi? Ho già sprecato abbastanza tempo con lei. Mi faccia un favore, sparisca. Odio gli omofobi cosi come lei odia queste luride deviazioni (come le ha volute definire) ma il deviato è lei. Si ritiri nella fogna dalla quale è arrivato.

          5. Ora è lei che non risponde alla mia domanda, dimostra chiaramente di non sapere come difendere le sue tesi, forse in quanto non in grado di argomentarle.
            L’unica fogna che ho visto in questa conversazione è la sua bocca, da cui sono uscite solo parole oscene, peraltro non supportate da alcun argomento valido.
            Non capisco perchè si sia infilato in questa conversazione, se le manca l’abilità di conversare.

          6. Lei è troppo forte….Avrei dovuto mandare io sig. Testa del cavolo in quel paese ma sono troppo educato……

          7. Non li dia retta caro, tanto è una causa persa Sig. Testa di c….E’ un povero logorroico che ti svanisce con le sue terribili risposte….Mai discutere con un idiota perche ti trascina al suo livello e ti batte con l’esperienza. Non li diamo la soddisfazione. E’ solo poverino e frustrato….

Lascia un commento