Reggio Emilia, gay insultato e colpito al volto: a breve il processo

L’aggressione risale al 2013: il processo chiarirà le esatte dinamiche.

Era stato colpito al volto con quattro pugni e insultato: “Finocchio”. La vittima dell’aggressione, risalente al 24 giugno 2013 a Reggio Emilia, potrebbe presto avere giustizia.

Dopo una lunga fase preliminare, infatti, il presunto aggressore è stato rinviato a giudizio e l’aggredito si è costituito parte civile. La prima udienza è fissata a novembre.

Ma cos’era successo nei dettagli? La parte civile racconta di essere stato squadrato con scherno e salutato così: “Ciao finocchio”. Una volta avvicinatosi per chiedere spiegazioni, il ragazzo sarebbe sceso dalla moto per sferrare i quattro pugni decisivi. “Il primo è arrivato in mezzo alla fronte. Poi lo zigomo, che mi ha spaccato, facendolo rientrare. Infine uno sul naso e uno in bocca”. Alla prima prognosi di quindici giorni si è in seguito aggiunto un altro mese di cure, terapie e riabilitazione.

Diversa, invece, la tesi difensiva: l’imputato sarebbe stato aggredito per primo e avrebbe reagito esclusivamente per difesa.

Il processo, ad ogni modo, chiarirà le esatte dinamiche.

Ti suggeriamo anche  L'omofobo Pat Robertson: 'I gay vogliono distruggere la società per proteggere il loro strano modo di fare sesso'
Storie

Milano Pride 2020: un ALTRO PRIDE nella forma ma non nella sostanza

L’edizione 2020 di Milano Pride sarà contraddistinta da un programma di eventi virtuale che contribuirà attivamente alla ripresa della città con un’attività di fundraising.

di Federico Boni