Tinder avviserà i viaggiatori LGBTQ quando si troveranno in un paese che criminalizza i gay

Traveler Alert, il nome dato alla novità dell’app. D’altronde sono quasi 70 i Paesi in tutto il mondo in cui l’omosessualità è ancora oggi considerata illegale.

Una nuova funzionalità di Tinder avviserà i viaggiatori LGBTQ nel momento in cui sbarcheranno in un Paese che criminalizza l’omosessualità.

D’altronde sono quasi 70 i Paesi in tutto il mondo in cui l’omosessualità è ancora oggi considerata illegale. Ecco perché gli utenti di Tinder, a loro insaputa, potrebbero essere a rischio, in quanto perseguitati proprio perché omosessuali.

Traveler Alert, il nome dato alla novità di Tinder, che alla propria apertura avviserà l’utente con questo messaggio: “In base alla tua posizione geografica, sembra che ti trovi in ​​un luogo in cui la comunità LGBTQ potrebbe essere penalizzata. Vogliamo che ti diverta, ma la tua sicurezza è la nostra priorità numero 1. Procedi con cautela e presta particolare attenzione quando incontri nuove persone che non conosci”.

Gli utenti possono quindi decidere se nascondere il proprio profilo o mostrarsi liberamente, mentre si trovano nel Paese in questione. Se un utente sceglierà la seconda opzione, il proprio orientamento sessuale o identità di genere saranno ‘oscurati’ fino a quando non lascerà il Paese.

Ti suggeriamo anche  Facebook farà concorrenza a Tinder e Grindr: pronto il servizio di dating