Automobili: quando i gay cercano marche gay-friendly

Nel considerare a chi dare i propri soldi uno dei fattori di valutazione può essere: ma questa marca ha pregiudizi o comportamenti aziendali discriminatori contro gay e lesbiche? Ecco i risultati.

Automobili: quando i gay cercano marche gay-friendly - gaywheelslogo - Gay.it
< 1 min. di lettura

WASHINGTON – Cercasi auto gay-friendly. Il sito statunitense Gaywheels.com ha messo a disposizione dei propri lettori un servizio per aiutarli a decidere quale auto acquistare. Quando si vuole comprare una macchina nuova sono tanti i fattori da tenere in considerazione ma, tra questi, uno può essere quello di voler dare i propri soldi a una compagnia che sia gay-friendly, che “osi” rivolgersi direttamente anche al pubblico GLBT (Gay, Lesbico, Bisessuale e Transgender) e che non abbia per i suoi dipendenti regolamenti discriminatori. Le “ruote gay” a cui fa riferimento il sito riguardano appunto questi fattori, aiutando i lettori a individuare quelle compagnie che vendono le proprie auto negli Stati Uniti e che rispondano principalmente a un requisito molto importante: quello di riconoscere ai partner conviventi dei loro dipendenti, anche dello stesso sesso, gli stessi benefici (assicurativi e previdenziali, eccetera) che vengono riconosciuti a chi è sposato. Questo è di primaria importanza in un paese nel quale la possibilità d’accesso a cure mediche dipende fondamentalmente dalla copertura assicurativa derivante dal proprio contratto di lavoro.
In base al criterio suddetto le marche gay-friendly in America sono risultate essere Aston Martin, Audi, Bentley, Chevrolet, Chrysler, Ford, Jaguar, Land Rover, Mazda, Mercedes Benz, Mitsubishi, Saab, Subaru, Toyota, Wolkswagen e Volvo. Bocciate invece Acura, Hyundai, Mini, BMW, Infiniti, Nissan, Honda, Kia, Suzuki. Volendo fare una cosa simile riferita alla realtà italiana delle quattro ruote uno dei fattori potrebbe essere quello di individuare quelle marche non bigotte che hanno pubblicizzato i loro prodotti sui media rivolti alla comunità GLBT. Certamente Peugeot, Opel, BMW, Lancia, Mini, Renault e Europecar (per il settore noleggio auto) rientrerebbero con questo criterio nella categoria friendly, viste le loro campagne pubblicitarie apparse anche nel corso del tempo proprio su Gay.it. (Roberto Taddeucci)

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Lewsi Hamilton rainbow

F1, il Bahrain vuole vietare la bandiera LGBTI+, cosa farà Hamilton in Ferrari?

Lifestyle - Redazione Milano 26.2.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri - Specchio 8 - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri

Culture - Redazione 23.2.24
Roberto Vannacci accusato di istigazione all'odio e difeso dalla Lega di Salvini

“Vannacci ha istigato all’odio razziale” l’accusa, la Lega di Salvini lo difende

News - Redazione Milano 26.2.24
Eurovision 2024, Angelina Mango vola secondo i bookmakers. Le ultime quote - Angelina Mango - Gay.it

Eurovision 2024, Angelina Mango vola secondo i bookmakers. Le ultime quote

News - Redazione 23.2.24
Federico Massaro, Grande Fratello

Grande Fratello, il percorso di Federico Massaro dopo l’uscita di Vittorio Menozzi

Culture - Luca Diana 27.2.24
Ricky Martin: "Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo" - Ricky Martin per GQ - Gay.it

Ricky Martin: “Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo”

Culture - Redazione 23.2.24

Continua a leggere

moto-gp-omofobia

Moto GP, il pilota Wilco Zeelenberg accusato di omofobia, ma è solo un malinteso

News - Francesca Di Feo 17.10.23