Cina, elettroshock e terapie riparative per i gay: il racconto dell’inferno

Nella Repubblica Popolare l'omosessualità è stata depenalizzata vent'anni fa, ma resta un forte stigma nella società cinese.

terapie riparative cina
2 min. di lettura

L’Ong Human Rights Watch ha pubblicato un rapporto che svela la brutalità delle terapie riparative nelle cliniche cinesi.

Un quadro che ci riporta alla mente i campi di concentramento e i disumani esperimenti medici nazisti. Questo è quanto emerge dal report dell’organizzazione umanitaria, che ha intervistato diciassette omosessuali cinesi che hanno affrontato le terapie riparative nelle strutture sanitarie locali.

Queste terapie, dichiarate inefficaci e dannose dalla comunità scientifica, sono disponibili in Cina sia negli ospedali pubblici che nelle cliniche private e comprendono isolamento, medicazione forzata, elettroshock.

Si tratta di servizi a cui nella stragrande maggioranza dei casi i gay cinesi si rivolgono su pressione delle famiglie, che ancora oggi considerano una disgrazia avere un figlio omosessuale. “Mio padre ha detto che non sapeva come sarebbe sopravvissuto, come avrebbe affrontato il resto della famiglia se solo avessero scoperto che io ero gay – ha dichiarato uno degli intervistati – Mi implorava di andare così lui poteva continuare a vivere… a quel punto che cosa mi restava da fare? Non avevo davvero altre vie d’uscita”.

terapie riparative
Manifestazione LGBT in Cina.

In tutti questi casi ai “pazienti” non viene chiesto il consenso informato, ma si trovano a sottostare a cure a cui non erano preparati. “Le mie zie riuscirono a spingermi fuori di casa e caricarmi su una macchina parcheggiata fuori – ha raccontato un altro – Guidarono per circa due ore fino a Chongqing. Mi dissero di aspettare con mia mamma, mio padre stava facendo le procedure di registrazione. Poi l’infermiera disse che potevo portare il mio bagaglio nella stanza e andare a farmi visitare dal dottore”.

Nelle cliniche i gay cinesi sono in balia di continue pressioni e umiliazioni da parte dei medici, che li chiamano “pervertiti”, “invertiti”, “malati”: “Il dottore mi disse che l’omosessualità è promiscua e depravata – ricorda Zhang Zhikun – e che se non fossi cambiato mi sarei ammalato e sarei morto di Aids”.

Tra le cure a cui essere sottoposti c’è infine la tortura dell’elettroshock, che viene usato per associare stimoli dolorosi ad immagini omoerotiche: “Appena è stato acceso, ho cominciato a sentire dolore. Sembrava di avere aghi che infilzavano la mia pelle. Poi dopo pochi minuti ho iniziato a tremare… ho realizzato dopo che si trattava di una macchina per l’elettrocuzione”.

L’obiettivo di Human Rights Watch e delle associazioni LGBT che sostengono il rapporto è la messa al bando di queste pratiche nel paese asiatico. In Italia invece le terapie riparative sono state pubblicamente disconosciute nel 2010 da psicologi, psichiatri, terapeuti e studiosi nel campo della salute mentale. Nel 2016 il senatore Sergio Lo Giudice ha depositato una proposta di legge per renderle illegali sui minorenni, ma giace ancora non esaminata a Palazzo Madama insieme alla legge contro l’omofobia.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni: "Sottolineavano ovunque quanto fossi diventata grassa" - Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni - Gay.it

Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni: “Sottolineavano ovunque quanto fossi diventata grassa”

Culture - Redazione 22.5.24
Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo - In from the Side cover - Gay.it

Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo

Corpi - Federico Boni 20.5.24
Mahmood: "Sono stato un ragazzino cicciotello per niente cool, ma più libero e sicuro di chi sono oggi"

Mahmood: “Sono stato un ragazzino cicciotello per niente cool, ma più libero e sicuro di chi sono oggi”

Musica - Emanuele Corbo 22.5.24
Tom Daley e Stefano Belotti

Chi è Stefano Belotti, il tuffatore azzurro che augura buon compleanno a Tom Daley

Lifestyle - Mandalina Di Biase 22.5.24
Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO) - Cannes 2024 Vivre Mourir Renaitre 3 - Gay.it

Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO)

Cinema - Redazione 22.5.24
iraq-donne-trans (2)

Iraq, la strage silenziosa delle donne trans, uccise dai loro familiari per “onore”

Corpi - Francesca Di Feo 20.5.24

Hai già letto
queste storie?

Il Portogallo ha vietato ufficialmente le terapie di conversione - boy erased terapie conversione - Gay.it

Il Portogallo ha vietato ufficialmente le terapie di conversione

News - Redazione 28.12.23
terapie di conversione terapie riparative

Scozia, il governo fa partire la consultazione per vietare ufficialmente le terapie di conversione

News - Redazione 10.1.24
terapie di conversione terapie riparative

Negli USA oltre 1.300 “terapisti della conversione” torturano ancora le persone LGBT+, nonostante i divieti

News - Federico Boni 15.12.23
turchia-libri-censura

Turchia, libri su teorie riparative e correlazione tra omosessualità e pedofilia negli scaffali delle biblioteche pubbliche

News - Francesca Di Feo 5.2.24
meglio-a-colori-terapie-riparative (3)

“Meglio a Colori”, la campagna per un disegno di legge contro le terapie riparative

News - Francesca Di Feo 17.5.24
Gaynet - campagna terapie riparative

L’oppressione nascosta, terapia riparativa per una persona LGBTIQ+ su quattro, il dato shock dell’Unione Europea

News - Redazione Milano 15.5.24
Russia LGBT - terapia riparativa

Russia: “curare le persone LGBTI”, smascherati 12 enti che operano indisturbati tra abusi fisici, sessuali e psicologici

Corpi - Francesca Di Feo 5.3.24