“Un matrimonio da favola” per Giorgio Pasotti ufficiale gay

Nel film dei Vanzina è un militare gay che nasconde il fidanzato ai suoi ex compagni.

Delicato, elegante, dai lineamenti fini, Giorgio Pasotti ha con sé la chiave del successo: forse una di quelle che mostra ne “La Grande Bellezza” quando, zoppicante e vestito di tutto punto, svela la magnificenza dei più bei palazzi di Roma.

Chissà. O forse è il suo nuovo personaggio, l’ufficiale gay Alessandro fidanzato segretamente con Roberto nella commedia dei Vanzina appena uscita al cinema, “Un matrimonio da favola”. E’ infatti uno dei protagonisti di questo film corale in cui un gruppo di ex compagni di liceo si ritrova dopo vent’anni per l’addio al celibato di Daniele, one-self man di successo che sta per sposare la figlia di un ricco banchiere svizzero. La comitiva comprende anche Luciana (Stefania Rocca), giocatrice di pallone professionista, la guida turistica Luca (Adriano Giannini) e il gestore di un negozio di scarpe che voleva però fare il broker, Giovanni (Emilio Solfrizzi).

Alessandro parla mal volentieri della sua carriera militare che ha intrapreso solo per fare contento il padre e, ovviamente, cela la sua relazione con Roberto fino a un sorprendente coming out. Un ruolo affrontato con responsabilità ma anche voglia di divertirsi, il secondo consecutivo coi Vanzina, dopo “Sapore di te”: “Ho cercato di dare il massimo – ha dichiarato a “CIAK” – pur divertendomi molto. Alessandro cerca di nascondere agli altri la propria omosessualità, che tuttavia si svela con esiti travolgenti”. Il fidanzato Roberto è interpretato dal trentanovenne Luca Angeletti.

Ti suggeriamo anche  Una Donna Fantastica è la straordinaria Daniela Vega, la rivelazione cilena da oggi al cinema

E’ un periodo di frenetica attività artistica per Pasotti, ex campione di arti marziali folgorato sulla via di Damasco dalla recitazione. In “Mio figlio” di Giulio Bas avrà un ruolo di rilievo ed è coautore della sceneggiatura, ha appena diretto “Io, Arlecchino” in cui recita insieme a Roberto Herlitzka e nel noir “Nottetempo” dell’esordiente napoletano Francesco Prisco interpreta Matteo, solitario poliziotto sui generis e rugbista dalla vita colma di segreti.