Di nuovo visibili i siti gay alla Regione Lazio

Dopo la lettera del gruppo consiliare dei Radicali, si conclude positivamente la vicenda della censura nei confronti dei siti gay di informazione che venivano equiparati a quelli pornografici.

Di nuovo visibili i siti gay alla Regione Lazio - polverinigayBASE - Gay.it
2 min. di lettura

Di nuovo visibili i siti gay alla Regione Lazio - polverinigayF1 - Gay.it

Marcia indietro della Regione Lazio nella vicenda dei siti di informazione gay inaccessibili dagli uffici perché equiparati a quelli pornografici. Gay.it, Gay.tv, Gaynews.it, ma anche i blog prima oscurati da un messaggio automatico che avvisava dell’impossibilità di accedere alle loro pagine, sono da oggi di nuovo disponibili per la navigazione a consigliere e dipendenti, gay o etero, che desiderano leggere le notizie di interesse lgbt.

La soluzione è arrivata dopo che i consiglieri di 8 gruppi politici di centrosinistra, su iniziativa dei Radicali, hanno inviato una lettera al Presidente del Consiglio della Pisana Mario Abbruzzese per informarlo della censura e per chiedere che venissero rivisti i criteri che stabilivano l’equivalenza fra le parole "gay" e "pornografia". "Nel ringraziare il Presidente Abbruzzese per aver compreso di quanto fosse stato grave limitare l’accesso a tali siti di informazione, perché considerati dal sistema informatico ‘pornografici’ – scrivono in una nota i Radicali del Gruppo Consiliare Lista Bonino Pannella – ci auguriamo che con questo gesto si apra la strada per eliminare del tutto il pregiudizio e le discriminazioni verso la comunità gay del Lazio".

Di nuovo visibili i siti gay alla Regione Lazio - polverinigayF2 - Gay.it

Si conclude così il caso della Regione Lazio, una vicenda che aveva contorni discriminatori ma rimangono invece ancora molte le realtà pubbliche e private dalle quali gli stessi siti sono inaccessibili: biblioteche, enti pubblici, Università ma anche molti uffici di aziende dove è interdetta la possibilità di navigare nelle pagine che contengono la parola gay mentre è del tutto permesso visitarne altri di dubbia rilevanza professionale come, per fare un esempio, quelli della Gazzetta dello Sport o di Vanity Fair.

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Miranda July (Vogue, 2020)

Miranda July, amarsi senza cadere a pezzi – intervista

Culture - Riccardo Conte 4.3.24
I film LGBTQIA+ della settimana 4 marzo/10 marzo tra tv generalista e streaming - Film queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 4 marzo/10 marzo tra tv generalista e streaming

Culture - Federico Boni 4.3.24
Due megattere maschio fanno sesso, storico primo avvistamento alle Hawaii (FOTO) - Due megattere maschi fanno sesso storico primo avvistamento alle Hawaii - Gay.it

Due megattere maschio fanno sesso, storico primo avvistamento alle Hawaii (FOTO)

News - Redazione 1.3.24
Un Altro Ferragosto, recensione. Funereo ritratto di un'Italia accecata dall'odio, che ha perso memoria e speranza - UAF 49 0109 - Gay.it

Un Altro Ferragosto, recensione. Funereo ritratto di un’Italia accecata dall’odio, che ha perso memoria e speranza

Cinema - Federico Boni 4.3.24
Ghana legge anti LGBTI approvata dal parlamento

Ghana, il parlamento approva la legge anti-LGBTI, il Presidente Akufo-Addo firmerà?

News - Giuliano Federico 28.2.24
@samsmith

Sam Smith è lə modellə punk che non ti aspettavi

Culture - Redazione Milano 4.3.24

Leggere fa bene

roma gay

Guida 2024 ai migliori locali gay di Roma

Viaggi - Giorgio Romano Arcuri 1.1.24