Gay Pride, le surreali condizioni del sindaco di Arezzo: “Niente sesso in strada”

"Sarà una manifestazione fatta in maniera provocatoria. E per mettere in imbarazzo la gente".

Gay Pride, le surreali condizioni del sindaco di Arezzo: "Niente sesso in strada" - arezzo - Gay.it
2 min. di lettura

Si avvicina la stagione dei Gay Pride: a tal proposito il sindaco di Arezzo ha comunicato che andrà al Pride a una condizione, ovvero “se i manifestanti non faranno sesso in strada“. Ma ci andrà, precisa, senza gonfalone e senza fascia.

Alessandro Ghinelli è stato eletto nella coalizione di centrodestra (formata da Forza Italia, Lega e Fratelli d’Italia), da giovane ha militato nel Movimento sociale italiano.

Si dice “un po’ preoccupato“: il 27 maggio il Toscana Pride per la prima volta farà tappa a Arezzo e il primo cittadino dovrà interagire con un fenomeno che sembra inquietarlo. “Sarà una manifestazione fatta in maniera provocatoria. E per mettere in imbarazzo la gente, dice Ghinelli. “Noi però la accoglieremo civilmente. Pregando gli organizzatori di evitare effetti scenici imbarazzanti, come manifestazioni di sesso libero in strada. I miei elettori sono perplessi. Mi dicono: “Ma come! Fai fare il gay pride ad Arezzo?”. E far capire perché dico sì è complesso. Io però sono il sindaco di tutti gli aretini.

Non sa ancora se lui, in prima persona, parteciperà alla manifestazione: “Deciderò sul momento in base a come si comporteranno. Non ho la percezione di quello che sia un gay pride. Mi aspetto un’ostentazione che potrebbe mettermi in imbarazzo“. Per evitare impicci lancia un appello ai partecipanti e fa una specie di decalogo dei “limiti oltre i quali sarà provocazione“. Se i manifestanti rispetteranno “i canoni dell’accettabilità“, dice, potrebbe scendere in piazza al loro fianco. “Il limite per i maschi sarà il torso nudo. Via libera, invece, alle donne in bichini, ma non si parli di topless.

A celebrare le unioni civili invece non ci pensa proprio. “Non avrei votato la legge, ma la legge esiste e va applicata. Anche se io delego fare ai funzionari“. E sulle adozioni dice di non avere un’idea precisa: “Le cose si accettano per assiomi, dogmi, o esperienza. Io sono per verificare sempre. Sono un ingegnere. E ragiono secondo il metodo sperimentale. Il fatto è che non ho mai conosciuto famiglie da cui trarre esempi positivi. E mi pare che la Costituzione dica che la famiglia è quella con babbo e mamma. Non con genitore 1 e genitore 2. Ancora non mi sento culturalmente maturo per poter dire sì. Ma sono disposto a ricredermi di fronte all’esperienza, se qualcuno riuscisse a dimostrarmi il contrario“.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Giovanni Di Colere 15.3.17 - 21:04

Ma basta che studi e legga. Io conosco americani di 30 anni figli coppie gay newyorchesi affidatarie e poi adottive. Cresciuti benissimo. Padri di famiglie. Nessuno deve dimostrare nulla basta informarsi. Attualmente solo in California ci sono 40mila coppie gay con figli.

Avatar
Valium 15.3.17 - 20:39

Per essere di destra è piuttosto moderato.

Avatar
gedeone lo stilita 15.3.17 - 18:19

Avercene di politici di destra cosí! E anche a sinistra, và. Magari non sa nulla dell'argomento, ma almeno non preclude nulla a priori.

Trending

Foto: SchiDechDaily

Parità di genere nella Preistoria? Le donne erano cacciatrici come gli uomini (e anche meglio!)

News - Redazione Milano 20.2.24
@giorgiominisini_

Giorgio Minisini contro gli stereotipi: perché essere maschio alfa, quando puoi stare bene? – L’intervista

Corpi - Riccardo Conte 21.2.24
thailandia-matrimonio-egualitario

La Thailandia verso il matrimonio egualitario: approvazione del disegno di legge entro fine anno

News - Francesca Di Feo 19.2.24
Eurovision 2024, Angelina Mango vola secondo i bookmakers. Le ultime quote - Angelina Mango - Gay.it

Eurovision 2024, Angelina Mango vola secondo i bookmakers. Le ultime quote

News - Redazione 23.2.24
glaad-gaming-report

Il 17% dellǝ appassionatǝ di videogames è queer, ma l’industria ci rappresenta? Il rapporto di GLAAD

Culture - Francesca Di Feo 14.2.24
Marco Mengoni e Mahmood una canzone insieme

Marco Mengoni e Mahmood, una canzone insieme

Musica - Mandalina Di Biase 23.2.24

I nostri contenuti
sono diversi

Arezzo, ragazzo sudamericano non trova casa: "Sei gay? Niente affitto" - affitto - Gay.it

Arezzo, ragazzo sudamericano non trova casa: “Sei gay? Niente affitto”

News - Redazione 18.9.23