Guida LGBTQI+ a Malta, cuore rainbow di Europride 2023

Con Pietro Turano scopriamo gli angoli imperdibili di questo magico mix di diversità al centro del Mediterraneo, pronto a pulsare con il popolo queer di tutto il mondo per Europride 2023.

ascolta:
0:00
-
0:00
Guida LGBTQI+ a Malta, cuore rainbow di Europride 2023 - diario viaggio malta lgbt 2023 - Gay.it
10 min. di lettura

Malta, gioiello nel cuore del Mediterraneo e host ufficiale di Europride 2023, ha una storia e una cultura affascinante, profondamente radicate nelle tradizioni della Chiesa Cattolica Romana. Eppure, negli scorsi anni, l’isola ha dimostrato un sorprendente progresso sociale, diventando faro di inclusione e accettazione per la comunità LGBTQIA+.

La parità di diritti a Malta è una realtà tangibile: tutte le forme di riconoscimento di individui e famiglie, che si tratti di matrimonio, unione civile o convivenza, sono accessibili a tutte le coppie, indipendentemente dal loro orientamento sessuale o identità di genere.

In assenza di un “quartiere gay” ufficiale, la presenza LGBTIQ+ a Malta è diffusa in ogni angolo dell’isola. Questa peculiarità rende quest’isola meravigliosa unica nel suo genere, con bar, club e luoghi di ritrovo per la comunità facilmente accessibili quasi ovunque.

È fondamentale sottolineare quanto sia intima e unita la comunità LGBTIQ+ maltese: con sole 30.000 persone, ovvero circa il 6% della popolazione generale, la comunità è abbastanza piccola da permettere connessioni autentiche e amicizie durature.

L’atmosfera mediterranea, unita al carattere premuroso e affettuoso della popolazione, rende la comunità LGBTIQ+ maltese una vera e propria famiglia, sempre pronta a offrire sostegno, aiuto, e a contagiare turisti e residenti stranieri grazie alla naturale inclinazione dei locali al relax e al divertimento.

 

Qualche settimana fa Gay.it è stata a Malta, e insieme a Pietro Turano abbiamo visitato le meraviglie dell’arcipelago.
Qui di seguito il video che anticipa i mille colori e le tante diversità che abbiamo scoperto.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da GAY.IT 🌍🪐✨ (@gayit)

 

 

Malta, baluardo di inclusione

Prima di addentrarci nelle bellezze dell’isola maltese, è opportuno riconoscere a questo piccolo stato europeo un badge d’onore al percorso svolto fin’ora in ambito di accettazione e inclusione. La storia dei diritti LGBTQIA+ a Malta è un viaggio di crescita e riconoscimento.

Fino agli anni ’70, qui, la comunità era costretta a vivere nell’ombra e a subire ogni sorta di discriminazioni ed esclusioni. Tuttavia, con l’avvento del nuovo millennio, Malta ha avviato un rapido percorso di riforme legali e sociali. 

Evoluzione dei diritti civili e leggi pro-LGBTQIA+

Uno degli eventi cardine fu l’abolizione delle leggi che criminalizzavano l’omosessualità nel 1973. Ma il vero cambiamento ebbe inizio nel 21° secolo, quando una serie di riforme hanno progressivamente rafforzato i diritti della comunità LGBTQIA+. Nel 2014, l’Unione Civile è stata legalizzata, offrendo alle coppie dello stesso sesso diritti simili a quelli del matrimonio.

Il 2016 è stato un altro anno fondamentale, con la promulgazione della Gender Identity, Gender Expression and Sex Characteristics Act, che permette alle persone di cambiare il proprio genere legale senza necessità di interventi chirurgici o diagnosi mediche.

Riconoscimento delle relazioni e diritti connessi

La progressiva evoluzione dei diritti civili ha portato al riconoscimento completo delle relazioni tra persone dello stesso sesso. Nel 2017, Malta ha fatto un passo storico legalizzando il matrimonio tra persone dello stesso sesso, garantendo pari diritti a tutte le coppie, indipendentemente dal loro genere.

Questo ha consolidato ulteriormente la posizione di Malta come uno dei paesi europei più progressisti in termini di diritti LGBTQIA+.

Oltre al matrimonio, le coppie dello stesso sesso possono anche accedere all’adozione. Unnotevole passo avanti, che riconosce la capacità e il diritto delle coppie dello stesso sesso di formare famiglie nel pieno senso del termine.

Leggi sulla protezione contro discriminazioni e crimini d’odio

Costituzione maltese protegge tutti i cittadini dalla discriminazione sulla base dell’orientamento sessuale e dell’identità di genere. Inoltre, il paese ha legiferato specificatamente contro i crimini d’odio legati all’orientamento sessuale e all’identità di genere, garantendo pene più severe ai trasgressori.

In aggiunta a ciò, Malta ha introdotto politiche di inclusione nelle scuole e nei luoghi di lavoro, promuovendo l’uguaglianza e l’accettazione attraverso l’educazione e la sensibilizzazione.

La scena LGBTQIA+ a Malta

La vibrante scena LGBTIQ+ a Malta beneficia dell’entusiasmo naturale dei maltesi nel fare festa tutto l’anno. Questo spirito contagioso ha attratto anche nuovi residenti stranieri LGBTIQ+ – di cui tantissimi sono italiani -, mentre il turismo contribuisce alla vivace scena locale principalmente d’estate.

Feste, locali ed eventi

Lollipop

Un tripudio di colori, brillantini e paillettes, con un mix di musica pop e qualche tocco più audace. L’atmosfera è sempre vivace e accogliente, con una folla composta sia da locali che da stranieri.

 

View this post on Instagram

 

A post shared by LOLLIPOP! 🪩🍭 (@lollipopmalta)

Nerve

Una serie di feste queer fortemente influenzate dalla cultura pop, dalla moda e dall’era Y2K.

Peach

Un evento bisettimanale “for girls by girls“, ritrovo essenziale per la comunità lesbica e bisessuale.

 

View this post on Instagram

 

A post shared by peach (@peach.malta)

Michelangelo Club Lounge

Situato a St. Julian’s, è aperto ogni sera dalle 22:00. Vicino a Valletta, diventa particolarmente popolare nei weekend, soprattutto durante le serate a tema.

Esperienze ed eventi per la comunità LGBTQIA+ a Malta

Gran parte dell’effervescenza e del dinamismo della scena LGBTIQ+ a Malta trova la sua espressione attraverso eventi speciali. ARC – Allied Rainbow Community, un’associazione di promozione sociale maltese, è al centro di queste iniziative.

Per tutti coloro che cercano servizi LGBTIQ+-friendly, ARC ha stilato un elenco di aziende chiamato “Pagine Rosa”.

Ogni settimana, i “Midweek Meetups” al Little Red Door accolgono la comunità per discutere argomenti tematici. Mentre le domeniche si tingono di relax con i Sundown Sundays” al Maori, un bar tranquillo in riva al mare.

Non mancano certo le occasioni per celebrare e condividere la passione per l’Eurovision, con feste e proiezioni ad hoc. Per chi ama la natura, le passeggiate e i giri in bicicletta organizzati nella campagna maltese offrono un respiro fresco e tonificante, e un’opportunità per conoscere persone interessanti. Ogni venerdì sera, la serie virtuale Friday Night Fever” propone discussioni con esperti su temi legati alla comunità LGBTIQ+.

E per aggiungere un tocco di glamour e intrattenimento, le serate di cabaret e gli spettacoli drag vedono esibirsi talenti locali e internazionali. Il calendario completo degli eventi sul loro profilo Instagram. 

Malta Pride

malta-pride

È fondamentale menzionare il Malta Pride come uno degli eventi più significativi per la comunità LGBTIQ+ locale. Esso rappresenta un’occasione per la comunità di unirsi, celebrare l’amore e l’uguaglianza, promuovere le battaglie e festeggiare le vittorie dei movimenti per i diritti sociali. 

Con parate colorate, musica, danza e una serie di eventi collaterali, il Malta Pride – che a settembre diventerà il Pride di tutta Europa – è una celebrazione dell’accettazione e della diversità, a dimostrazione di quanto l’isola sia progredita nel corso degli anni in termini di inclusione e accoglienza.

Spiagge a Malta

Sebbene non esistano spiagge ufficialmente riconosciute come LGBTIQ+ a Malta, ci sono alcune perle nascoste particolarmente popolari tra la comunità. Tra di esse, possiamo trovare:

  • Riviera Beach, una bellissima spiaggia con acque cristalline, perfetta per rilassarsi sotto il sole.
  • Ġnejna Bay, conosciuta per le sue acque turchesi e i paesaggi mozzafiato, è una scelta popolare tra la comunità LGBTIQ+.
  • Pembroke, meno affollata delle altre spiagge, offre un ambiente tranquillo e rilassato.

Turismo e cultura a Malta

Se Malta non ha musei o luoghi esclusivamente dedicati alla storia LGBTQIA+, la presenza e l’influenza della comunità si riflettono in vari luoghi e eventi culturali.

Valletta

La capitale di Malta, Valletta, con le sue strade acciottolate e la ricca storia, è un must per qualsiasi visitatore. Nonostante non esistano specifici monumenti LGBTQIA+, la città ospita vari eventi legati alla Pride Week e ad altre celebrazioni LGBTQIA+.

St. Julian’s

Conosciuta per la sua vivace vita notturna e i suoi club, St. Julian’s è anche un centro per la comunità LGBTQIA+ a Malta. Anche se non strettamente storico, il suo ruolo nella moderna cultura gay maltese lo rende una tappa essenziale.

Tempio di Ħaġar Qim e Mnajdra

Questi templi rappresentano alcuni dei siti preistorici più antichi e straordinari al mondo. La loro importanza storica e culturale è talmente rilevante che sono stati riconosciuti e inseriti nella lista del patrimonio mondiale dell’umanità dall’UNESCO.

Ipogeo di Ħal Saflieni 

Questo monumento sotterraneo rappresenta una testimonianza preistorica di grande valore, distinguendosi come un’opera unica nel suo genere. Data la sua notevole fama e le limitazioni imposte sul numero di visitatori, è vivamente suggerito effettuare una prenotazione con largo anticipo per garantirsi l’accesso.

Mdina

Mdina, l’antica capitale di Malta, è affettuosamente chiamata “La Città Silenziosa” dai locali e dai visitatori. Passeggiando tra le sue suggestive vie strette, ci si imbatte in edifici storici che raccontano storie di epoche passate. Grazie alla sua posizione elevata, la città offre anche una vista panoramica mozzafiato sull’intera isola, permettendo di apprezzare la bellezza di Malta in tutta la sua magnificenza.

Blue Grotto

Situata lungo la costa sud-occidentale dell’isola, si trova una spettacolare serie di grotte marine. Questi affascinanti santuari naturali sono particolarmente noti per le loro acque di una limpidezza sorprendente, che scintillano in vari toni di azzurro, rendendo il luogo una meta prediletta per chi desidera esperienze marine incontaminate.

Gozo

Gozo, orgogliosamente conosciuta come la seconda isola più grande dell’intero arcipelago maltese, è un luogo ricco di storia e bellezze naturali. Mentre ti trovi lì, puoi esplorare la maestosa Cittadella di Victoria, testimonianza dell’antica importanza militare dell’isola, camminare tra le storiche Saline e meravigliarti di fronte ai maestosi templi di Ggantija, testimoni di antiche civiltà. Oltre a questi gioielli storici, Gozo vanta magnifiche spiagge dorate e paesaggi mozzafiato che rappresentano l’essenza della bellezza mediterranea.

Comino

Situata in mezzo al Mediterraneo, questa piccola isola è un vero gioiello, particolarmente conosciuta per la sua attrazione principale, la Blue Lagoon. Questa laguna, con le sue acque di un azzurro intenso e cristallino, offre un’esperienza paradisiaca per gli amanti del nuoto e dello snorkeling. È il luogo ideale per immergersi nella bellezza naturale dell’arcipelago maltese e scoprire la magia sottomarina che esso nasconde.

Marsaxlokk

Situato lungo la costa, c’è un affascinante villaggio di pescatori, che sembra aver preso vita da una cartolina. Oltre al suo scenografico panorama marino, è particolarmente famoso per il vivace mercato domenicale, dove i visitatori possono immergersi nella cultura locale e acquistare prodotti freschi. Ma ciò che veramente cattura l’occhio sono le tradizionali barche colorate, note come “luzzu, che puntellano il porto con le loro tonalità vivaci e l’iconico occhio dipinto sul prua, simbolo di protezione e buona sorte per i pescatori.

Le tre città

Vittoriosa, Cospicua e Senglea, spesso conosciute come “Le Tre Città”, sono gemme storiche incastonate sulle rive di Malta. Queste antiche città fortificate, con le loro mura imponenti e le strade acciottolate, racchiudono l’essenza della storia militare dell’arcipelago. Le Tre Città sono anche testimoni silenziose dell’influenza e del potere dei Cavalieri di San Giovanni, l’ordine religioso che ha giocato un ruolo cruciale nella formazione dell’identità maltese. Visitare queste città è come fare un salto indietro nel tempo, riscoprendo un capitolo fondamentale della ricca tapezzeria storica dell’arcipelago.

Marsaxlokk

Nelle vicinanze del pittoresco villaggio di Marsaxlokk, si trova una meravigliosa piscina naturale, scolpita nel corso dei secoli dalle forze della natura. Questo angolo di paradiso, incastonato tra le rocce, offre un’oasi perfetta per chi cerca refrigerio nelle calde giornate estive. L’acqua cristallina e le formazioni rocciose circostanti creano un ambiente idilliaco, rendendolo il luogo ideale per un tuffo rinfrescante e per trascorrere momenti di puro relax immersi in un paesaggio naturale incontaminato.

Cupola di Mosta

La Cupola di Mosta, nell’entroterra maltese, è una testimonianza dell’ingegneria e dell’arte ecclesiastica, che attrae visitatori e stimatori da ogni parte del mondo. Ma oltre alla sua grandiosità architettonica, la chiesa custodisce anche una storia incredibile: durante la Seconda Guerra Mondiale, una bomba precipitò al suo interno, ma, contro ogni previsione, non esplose. Questo evento è spesso citato come un miracolo, e ha aggiunto un ulteriore strato di fascino e mistero alla già straordinaria storia di questo edificio sacro.

Muoversi a Malta

Malta è un’isola relativamente piccola, il che la rende facilmente navigabile. I mezzi pubblici, come gli autobus, sono efficienti e collegano le principali aree turistiche. Tuttavia, esistono diverse opzioni disponibili:

  • Bus: la rete di autobus a Malta è estesa e copre la maggior parte dell’isola. È un modo economico per spostarsi, specialmente se non si vuole noleggiare un’auto. La compagnia principale che gestisce gli autobus è Malta Public Transport.
  • Noleggio auto: Malta guida sulla sinistra, eredità del periodo britannico. Se decidi di noleggiare un’auto, è importante tenere questo a mente. Anche se Malta è piccola, il traffico può essere intenso, soprattutto nelle ore di punta.
  • Bicicletta: data la dimensione ridotta dell’isola, la bicicletta può essere un’ottima opzione per gli spostamenti. Il servizio di noleggio più popolare è Baja Bikes. Tuttavia, è bene essere cauti poiché non tutti i luoghi sono dotati di piste ciclabili e il traffico può essere caotico.
  • Ferry: traghetti tra Malta e la vicina isola di Gozo salpano regolarmente sulla sponda a nord ovest. È un modo panoramico e rilassante per spostarsi tra le due isole.
  • A piedi: in molte zone, specialmente nelle città storiche come Valletta, Mdina e nelle località turistiche, è piacevole e fattibile spostarsi a piedi.
  • Taxi e servizi di ride-sharing: i taxi sono disponibili e sono un modo comodo per spostarsi, anche se possono essere più costosi rispetto ad altre opzioni. Tuttavia, si tratta del mezzo meno consigliato, dati i diversi episodi spiacevoli accaduti recentemente, con vittime turisti stranieri. Esistono anche servizi di ride-sharing come Bolt, che operano a Malta.
  • Motocicli e scooter sono un’opzione popolare per spostarsi rapidamente, soprattutto in alta stagione quando il traffico può essere più intenso. Tuttavia, se decidi di noleggiare uno scooter, fai attenzione alla guida sulla sinistra e al traffico locale.

Se stai pianificando di rimanere per un periodo più lungo o di visitare diverse parti dell’isola, potresti considerare l’acquisto di una Malta Transport Card, che ti darà accesso illimitato ai trasporti pubblici per un determinato periodo di tempo.

Ricorda sempre di pianificare in anticipo, specialmente durante l’alta stagione, poiché alcune zone possono diventare affollate e i trasporti potrebbero subire ritardi.

Dove alloggiare

Se stai cercando i luoghi ideali in cui soggiornare a Malta, Saint Julian’s e Sliema sono le zone più consigliate. Questi quartieri, posizionati lungo la pittoresca baia di Saint Julian’s, sono a breve distanza da Valletta, ben collegati con tantissime altre zone, e rappresentano il cuore pulsante dell’ospitalità maltese per i viaggiatori LGBTQIA+.

Per chi è attratto dalla prospettiva di immergersi nella vita notturna, nei ristoranti e nelle strutture balneari di alta qualità, Saint Julian’s e Sliema sono le scelte perfette. Qui, la comunità gay trova non solo accoglienza, ma anche l’opportunità di connettersi con altri viaggiatori LGBTQIA+.

Se invece si cerca un’esperienza più immersa nella storia e nella cultura, Valletta, la capitale storica, potrebbe essere la scelta ideale. Sebbene gli alloggi qui non siano tipicamente resort balneari, Valletta offre un fascino unico e, spesso, alloggi a prezzi più accessibili.

Salute e benessere

La salute e il benessere della comunità LGBTQIA+ a Malta sono supportati da una serie di risorse e servizi specializzati, progettati per rispondere ad esigenze specifiche.

Mater Dei Hospital

Si tratta del principale ospedale di Malta e, negli anni, ha ampliato i suoi servizi per rispondere alle esigenze della comunità LGBTQIA+. Dispone di un reparto specializzato che si occupa di problemi di salute sessuale e riproduttiva, e offre consulenza e supporto alle persone transgender durante il loro percorso di transizione.

Gu clinic

Situata al Mater Dei, questa clinica offre servizi gratuiti di test e consulenza su HIV, sifilide e altre IST (Infezioni Sessualmente Trasmissibili). Si rivolge in particolare alla comunità LGBTQIA+ e fornisce un servizio discreto e riservato.

Allied Rainbow Communities (ARC)

Oltre a svolgere un ruolo chiave nell’organizzazione di eventi e nella promozione della comunità LGBTQIA+ a Malta, ARC fornisce anche informazioni e risorse relative alla salute e al benessere. Collaborano con professionisti medici per offrire sessioni informative e seminari su vari temi legati alla salute.

Contraccezione e PrEP

Le farmacie a Malta sono ben fornite e offrono una vasta gamma di prodotti legati alla salute e al benessere, inclusi contraccettivi e farmaci preventivi come PrEP (profilassi pre-esposizione) per la prevenzione dell’HIV.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

intervista a la spezia pride

La Spezia Pride ostacolato dalle istituzioni, il difficile rapporto con la destra che amministra la città – intervista

News - Gio Arcuri 20.6.24
Brian May: "Freddie Mercury non avrebbe voluto essere definito "queer", l'omofobia colpì i Queen" - Freddie Mercury 2 - Gay.it

Brian May: “Freddie Mercury non avrebbe voluto essere definito “queer”, l’omofobia colpì i Queen”

Musica - Redazione 21.6.24
aggressione-foggia-intervista

Foggia, parla Alessandro, vittima dell’aggressione: “Trasformiamo la violenza in sogno” – intervista

News - Francesca Di Feo 21.6.24
Calciatori Gay Coming Out - Rosario Coco di Out Sport spiega perché non bisogna forzare

Calciatori gay in Nazionale, calciatori gay ovunque: perché non bisogna forzare

Lifestyle - Giuliano Federico 20.6.24
Cosa significa Rainbow Washing_

Cos’è il rainbow washing, quali forme assume e come evitarlo

News - Francesca Di Feo 20.6.24
Fedez annuncia apertura canale OnlyFans

Fedez cede a OnlyFans e apre il suo canale: “Mi consigliano di ripulirmi l’immagine e faccio il contrario”

News - Emanuele Corbo 21.6.24

Leggere fa bene