Marina Rei: “Io, la musica, la tv e le leggende sul mio carattere”

"Non ho intenzione di condizionare la mia vita artistica rispetto ad una apparizione televisiva. Sanremo? Chissà.."

Marina Rei: "Io, la musica, la tv e le leggende sul mio carattere" - marina rei ufs 1 keNI - Gay.it
4 min. di lettura

Non crede nella condivisione forzata, non ama parlare di gossip e non nasconde di avere un ‘caratterino’ niente male. Marina Rei è tornata, o forse non se ne è mai andata, a fare la cosa che le riesce meglio: suonare dal vivo. Infatti, da poche settimane, è partito ‘Canzoni contro la disattenzione’, un nuovo tour assieme all’amico Paolo Benvegnù dove i due cantautori più raffinati del panorama musicale italiano si esibiranno in un concerto di esposizione della memoria, di disobbedienza verso la disattenzione e di gioiosa appartenenza, che si snoderà tra brani inediti, riletture di classici della canzone italiana e momenti più significativi dei rispettivi repertori.

Non c’è estate dove non è in tour. Le vacanze estive proprio non le piacciono, vero?

Presumo che una vacanza si possa fare in ogni momento dell’anno, o sbaglio? Da sempre mi preme di più il mio lavoro, ma non rincorro l’estate per questo, suono quando è il momento disconoscendo priorità stagionali.

Questa volta sarà un tour speciale in compagnia di Paolo Bevegnù. Com’è nato questo nuovo progetto?

Con Paolo c’è un legame affettivo, artistico e di enorme stima reciproca che dura da anni. È iniziato tutto quando decisi di interpretare il suo capolavoro “Il mare verticale”. In quell’occasione ebbi la fortuna di conoscerlo e da lì abbiamo condiviso il palco dello storico Festival Italia Wave, abbiamo scritto “Nei fiori infranti”, provato alcuni set live, fino a riprometterci che un giorno saremmo andati in tour insieme. E quel giorno finalmente è arrivato.  

Marina Rei: "Io, la musica, la tv e le leggende sul mio carattere" - Rei Benvegn%C3%B9 foto di Laura Penna 0816 - Gay.it

‘CANZONI CONTRO LA DISATTENZIONE’. Pensa davvero che la musica possa tornare ad essere inclusiva come un tempo? 

Questo progetto nasce proprio per dare importanza alla parola. Ecco perché la scelta del titolo, e di una scaletta che cercherà di focalizzare l’attenzione su di essa scegliendo alcuni brani importanti della canzone d’autore Italiana. La musica deve avere un peso specifico di un certo rilievo, non può essere un diversivo, ma una occasione di attenzione per l’appunto.

Il suo ultimo singolo ‘Portami a ballare’ uscì due anni fa. I suoi fan reclamano un nuovo album..

Quella canzone fu un regalo ad un amico caro e onestamente non la catalogherei rispetto a nessuna uscita. Sto lavorando al nuovo disco da tanto tempo e credo che, proprio per il rispetto che ho verso chi mi segue da anni, dietro ogni canzone debba esserci un grande cura, per esserne felice e per lasciare poi delle belle sensazioni a chi ascolta. 

E non ha paura che tutto questo silenzio possa disorientare il suo pubblico?

Assolutamente. Il silenzio è preziosissimo. Credo di essere fortunata per questo.

In fondo c’è chi dice che il proprio pubblico vada coltivato giorno dopo giorno..

Non credo ci sia un decalogo che stabilisca delle regole comportamentali. A dispetto di molti che scelgono costanti apparizioni mediatiche, io preferisco lasciar parlare ‘e apparire’ la musica. Ecco perché sono molto spesso in tour. Il mio lavoro è la musica, e da musicista sento la necessità di esprimermi su un palco con gli strumenti. Per quel che mi riguarda è il modo migliore per coltivare il mio pubblico che dopo tanti anni è abituato a conoscermi così. E lo amo per questo.

Ad ascoltarla attentamente sembra molto cambiata rispetto alla Marina di ‘Un inverno da baciare’. 

Grazie al cielo aggiungerei. Una persona cresce, cambia e si trasforma naturalmente, nella vita privata così come in quella artistica. Si va avanti per fortuna, ponendosi di volta in volta degli obiettivi diversi. Mi piace pensare di poter migliorare, amo imparare, crescere, diventare grande. Si passa attraverso se stessi e le proprie esperienze, si cade e ci si rialza, questo è il senso della vita. Ecco quindi che il passato artistico diventa una parte importante del proprio percorso senza il quale non si arriverebbe a chi siamo oggi. 

Le manca quella continua esposizione mediatica che la musica garantiva agli artisti?

Sicuramente negli anni sono cambiate tante cose. Non ci sono più quegli spazi musicali che permettevano agli artisti di presentarsi suonando dal vivo le proprie canzoni. Questo è un vero peccato. Ora i dischi si presentano andando in tour, di fronte alla gente. Un po’ come si faceva tanti anni fa. 

Qualche tempo fa si parlava di una band tutta al femminile composta da lei, Paola Turci e altre colleghe. Poi?

In verità non ne sapevo nulla..

Paola Turci, grazie all’ultimo Festival di Carlo Conti, ha avuto una seconda rinascita. Lei ci pensa mai a tornare su quel palco?

Magari un giorno accadrà, chissà. Quello che posso dirle è che non ho intenzione di condizionare la mia vita artistica rispetto ad una apparizione televisiva. Né scriverò canzoni per accontentare, ma per emozionare.

In passato era nota a tutti un’amicizia speciale tra lei e Syria. Poi qualcuno ha parlato di una grossa litigata. Chiacchiericcio?

Preferisco parlare di musica, credo sia questa la cosa importante.

Marina Rei: "Io, la musica, la tv e le leggende sul mio carattere" - REi Benvegn%C3%B9 foto di laura penna 0854 - Gay.it

È sui social, ma pubblica sempre meno. Cosa c’è che non la convince di tutta questa tecnologia?

In verità non sono mai stata così attenta ai social come in questo momento. Ma non ne faccio una malattia. Onestamente impiego il tempo a vivere la mia vita godendomela attimo per attimo. Doverlo condividere a tutti i costi per perderne spontaneità e consistenza non è necessariamente una mia priorità. Uso il social principalmente come mezzo di promozione e non credo che la valenza artistica sia direttamente proporzionale al numero di followers.

In passato disse che non conosceva nessuna leggenda sul suo conto. E se invece le dicessi che alcuni addetti ai lavori dicono che abbia una caratterino niente male?

Avere carattere denota personalità. Dunque lo reputo un complimento. Un gran complimento.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Tom Daley e Stefano Belotti

Chi è Stefano Belotti, il tuffatore azzurro che augura buon compleanno a Tom Daley

Lifestyle - Mandalina Di Biase 22.5.24
Nemo vincitore Eurovision 2024

Nemo dopo l’Eurovision vola alla conquista degli States, ma “The Code” (per ora) non fa il botto

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24
Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe - cover wp - Gay.it

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe

News - Lorenzo Ottanelli 20.5.24
Billie Eilish, è uscito il nuovo album "Hit Me Hard and Soft"

Billie Eilish ritrova se stessa e plasma di nuovo il pop alla sua (gigante) maniera

Musica - Emanuele Corbo 21.5.24
iraq-donne-trans (2)

Iraq, la strage silenziosa delle donne trans, uccise dai loro familiari per “onore”

Corpi - Francesca Di Feo 20.5.24

Hai già letto
queste storie?