Mauro Coruzzi in arte Platinette: “L’Italia non è un Paese omofobo, non lo è mai stato”

"Paolo Poli ha fatto la carriera che meritava, e tutti sapevano che era omosessuale".

ascolta:
0:00
-
0:00
Mauro Coruzzi in arte Platinette: "L'Italia non è un Paese omofobo, non lo è mai stato" - platinette 2 - Gay.it
2 min. di lettura

Da anni, oramai, Mauro Coruzzi strizza l’occhio alla destra italiana, prendendo posizioni a dir poco discutibili su qualsivoglia argomento legato ai diritti LGBTQ. Intervistato da La Stampa, Coruzzi, in arte Platinette, è tornato a ribadire la sua contrarietà al DDL Zan.

“Ho anche accettato l’invito di Giorgia Meloni ad Atreju. Mi ha chiamato lei in persona, mi ha detto che avrebbe voluto che andassi a parlare delle ragioni di quelle perplessità e io, molto stupito di quell’invito, e pur temendo e provando una strana diffidenza all’inizio, ho accettato, ci sono andato e ho trovato una platea molto rispettosa e interessata”.

Coruzzi è convinto che in Italia “ci voglia una legge che punisca la discriminazione, ma quella l’avevo trovata malfatta e discriminatoria”.

In quali passaggi il DDL Zan era “malfatto” e “discriminatorio” non è dato saperlo. Nel dubbio, Coruzzi è convinto che l’Italia NON sia un Paese omofobo. Anzi, “non lo è mai stato. Paolo Poli ha fatto la carriera che meritava, e tutti sapevano che era omosessuale”. E se l’omotransfobia colpisce quotidianamente, tra insulti e pestaggi, Coruzzi vede e rilancia: “le donne che vengono ammazzate”. “I femminicidi aumentano, ci sono numeri orribili e la questione è scomparsa dalle agende della campagna elettorale. Io, come omosessuale, voglio combattere la violenza contro le donne”.

Come se a noi omosessuali favorevoli al DDL Zan non importasse combattere la violenza contro le donne. E pensare che proprio quel DDL Zan “malfatto” avrebbe combattuto non solo l’omotransfobia bensì anche la misoginia e l’abilismo. I diritti, ha concluso Coruzzi, “non possono essere appannaggio della sinistra, non possono diventare un punto identitario di una parte politica. I diritti non sono ideologici: sono diritti”. Peccato che la destra italiana non li contempli neanche lontanamente. Basterebbe leggere i programmi di governo di Fratelli d’Italia, Lega e Forza Italia.

A Coruzzi, tacciato di essere “fascista retrogrado” e “omofobo”, l’arduo compito di trovarne traccia.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Claudia Pandolfi Giffoni

Claudia Pandolfi in lacrime a Giffoni per “Il ragazzo dai pantaloni rosa”: “Sento la responsabilità di questo film”

Cinema - Emanuele Corbo 23.7.24
La nuova Forza Italia "liberal" voluta dai Berlusconi vuole dividere la comunità LGB da quella T?

Forza Italia vuole dividere la comunità LGBIAQ dalla comunità T, ma noi “Insieme siamo partite, insieme torneremo”

News - Giuliano Federico 22.7.24
Perché amiamo Tom Daley - Tom Daley - Gay.it

Perché amiamo Tom Daley

News - Federico Boni 23.7.24
Deadpool & Wolverine, trionfo queer tra risate, allusioni sessuali, celebrazione mutante e un'iconica Madonna - TDW 14349 R - Gay.it

Deadpool & Wolverine, trionfo queer tra risate, allusioni sessuali, celebrazione mutante e un’iconica Madonna

Cinema - Federico Boni 24.7.24
Parigi 2024, ecco gli atleti dichiaratamente LGBTQIA+ che si sono qualificati alle Olimpiadi - olimpiadi parigi atleti queer - Gay.it

Parigi 2024, ecco gli atleti dichiaratamente LGBTQIA+ che si sono qualificati alle Olimpiadi

Corpi - Federico Boni 23.7.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Powell, Pascal e Kenworthy - specchio specchio - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Powell, Pascal e Kenworthy

Corpi - Redazione 24.7.24

Leggere fa bene