Mix Festival 2021, i vincitori: trionfa Feast di Tim Leyendekker

Nel corso della serata di chiusura Francesca Michielin è stata incoronata Queen of Music. Tutti i vincitori con annesse motivazioni.

Mix Festival 2021, i vincitori: trionfa Feast di Tim Leyendekker - Feast selezionata 1 - Gay.it
7 min. di lettura

È stata un grande successo di pubblico la 35a edizione del MiX Festival Internazionale di Cinema LGBTQ+ e Cultura Queer, il più importante e seguito festival italiano dedicato alla migliore cinematografia LGBTQ+ nazionale e internazionale, tra i più rilevanti a livello europeo, che si è chiuso domenica 19 settembre, con quattro giorni di sold out al Piccolo Teatro di Milano e record di pubblico online sulla piattaforma Nexo+, accessibile da tutta Italia.

La cerimonia di premiazione, nella serata di domenica al Teatro Strehler, è stata preceduta dall’incoronazione di Francesca Michielin come Queen of Music, accompagnata dalla performance di Sem&Stenn, dall’intervento del comico star del web Daniele Ciniglio e dallo show infuocato dei Melancholia che ha scatenato il pubblico trascinato dalla front woman Benedetta.

Le tre giurie internazionali, formate da esperti e critici di cinema – Juliette Canon presidente di giuria Lungometraggi, Pilar Monsell presidente di giuria Documentari, Daniel Cristian Tegaportavoce della Giuria dei Cortometraggi – hanno assegnato i premi: Feast di Tim Leyendekker come Miglior Lungometraggio, Things We Dare Not Do di Bruno Santamaría come Miglior Documentario e Camille et moi di Marie Cogné come Migliore Cortometraggio. Tra gli altri riconoscimenti, il premio per la Miglior Sceneggiatura assegnato da una giuria presieduta da Lidia Ravera è andato a Aos Nossos Filhos di Maria de Medeiros, il Premio MIX laF a Gabi, Between Ages 8 and 13 di Engeli Broberg, il Premio Mix Nexo + a My First Summer di Katie Found, il Mix Queer Shorts to Be al progetto Riprenditi le tue cose di Beniamino Rosa e il Premio del Pubblico attraverso l’APP ufficiale “MiX Festival”, a Sublet di Eytan Fox.

Di seguito tutti i film vincitori con le motivazioni.

Mix Festival 2021, i vincitori: trionfa Feast di Tim Leyendekker - Feast 2 - Gay.itConcorso Lungometraggi

La Giuria del 35° MiX Festival Internazionale di Cinema LGBTQ+ – Concorso Lungometraggi, presieduta da Juliette Canon, (coordinatrice della piattaforma Festival Scope e programmatrice del queer film festival Chéries-Chéris) e composta da Stefano Casi (sceneggiatore, giornalista, drammaturgo e direttore artistico di Teatri di Vita a Bologna), Elisa Cuter (critica cinematografica e autrice), Andreina Di Sanzo (critica cinematografica e docente) e Mauro Giori (docente di Storia e critica del cinema e Cinema e studi culturali presso Università degli Studi di Milano), assegna i premi:

Miglior Lungometraggio a:
Feast di Tim Leyendekker. Con la seguente motivazione:

Per la capacità di affrontare un evento di cronaca disturbante in modo originale. Il film decostruisce il caso in blocchi tematici e formali, con una forza concettuale che sa approdare anche a esiti poetici.

Mix Festival 2021, i vincitori: trionfa Feast di Tim Leyendekker - Valentina Still 010 - Gay.it

Menzione speciale a: Valentina di Cássio Pereira dos Santos. Con la seguente motivazione:

Per l’urgenza del tema della transfobia in un contesto particolarmente ostile dal punto di vista culturale, sociale e burocratico, come il Brasile di questi anni.

Mix Festival 2021, i vincitori: trionfa Feast di Tim Leyendekker - 1 1 - Gay.itMenzione speciale a: The Surrogate di Jeremy Hersh . Con la seguente motivazione:

Per la capacità di mettere lo spettatore al centro del film, portandolo a interrogarsi in modo non aprioristico, attraverso il tema della gestazione per altri, sul rapporto con la disabilità e l’alterità e sul conflitto tra etica e autoproiezione.

Concorso Documentari
La Giuria del 35° MiX Festival Internazionale di Cinema LGBTQ+, presieduta da Pilar Monsell (regista, artista e ricercatrice) e composta da Franck Finance-Madureira (giornalista e critico cinematografico), Stefano Tomassini (critico e insegnante di danza e studi queer presso l’Università Iuav di Venezia), assegna i premi:

Mix Festival 2021, i vincitori: trionfa Feast di Tim Leyendekker - Things We Dare Not Do - Gay.it

Miglior Documentario a: Things We Dare Not Do di Bruno Santamaría. Con la seguente motivazione:

La giuria ha deciso di premiàre questo film per èssersi preso il tempo necessàrio a créscere con il protagonista, mostràndo il suo innàto coraggio. Per aver saputo raccontare con la forza visuale del cinema e, infine, perché bisogna sapere mostràre senza spiegàre.

Mix Festival 2021, i vincitori: trionfa Feast di Tim Leyendekker - Rebel Dykes - Gay.it

Menzione speciale a: Rebel Dykes di Harri Shanahan e Sian Williams. Con la seguente motivazione:

Per l’incredibile uso dei materiali di archivio, invisibile e preziosi, e la musica che accompagna tutto il film, in forte risonanza con gli anni che documenta. E anche per l’importanza dell’attivismo di oggi, su temi come il razzismo l’antisemitismo e l’omo lesbo bi transfobia.

Concorso Cortometraggi
La Giuria del 34° Festival MIX Milano – Concorso Cortometraggi, composta da giovani universitari rappresentanti il variegato spettro della comunità LGBTQ+, assegna i premi:

Mix Festival 2021, i vincitori: trionfa Feast di Tim Leyendekker - Camille et Moi selezionata 1 - Gay.it

Miglior Cortometraggio a: Camille et moi di Marie Cogné. Con la seguente motivazione:

“Che spreco”, “è una fase passeggera”, “come fate l’amore, chi fa l’uomo?”, “come crescerà un bambino di una coppia omosessuale?” Tutti quanti nella nostra vita ci siamo sentiti fare commenti e domande di questo tipo, ed è quello che succede anche alle protagoniste di questo corto e non solo all’inizio della loro storia, ma a ogni traguardo della loro relazione. In un quarto d’ora siamo immersi nella descrizione completa e sincera della storia di una coppia omosessuale che combatte per i propri diritti. Adottando il punto di vista di Marie, il cortometraggio ci obbliga a identificarci con lei e a vivere attraverso lo sguardo, il sorriso, le espressioni e i piccoli gesti della sua compagna Camille l’ansia del coming out alla madre, la gioia per la nascita del figlio, l’esultanza per l’elezione di Hollande del 2012 e per la legalizzazione dei matrimoni per le coppie omosessuali in Francia nel 2013, meno di dieci anni fa. Per questi motivi, per averci fatto sorridere, commuovere e riflettere su quanto il mondo sia cambiato in così poco tempo e su quanto ancora possa cambiare, e per aver raccontato una storia dal carattere universale della comunità LGBTQI+ vince il premio miglior cortometraggio “Camille et moi” di Marie Cogné.

Mix Festival 2021, i vincitori: trionfa Feast di Tim Leyendekker - All Those Sensations In My Belly selezionata 1 - Gay.it

Menzione speciale a: All those sensations in my belly di Marko Dješk. Con la seguente motivazione:

Il rossetto provato da bambina che diventa parte di lei, lo scambio di energie quando conosce qualcuno che le piace, gli omofobi che diventano lupi, i ragazzi che spariscono dalla sua vita in un soffio di vento, la rinascita in un giardino dai caratteri edenici. Queste sono solo alcune delle metafore semplici ed efficaci che questo corto animato utilizza per mostrarci i sentimenti della protagonista.
Per aver mostrato in modo delicato, semplice e d’impatto il percorso di transizione di una persona e le sfide che deve affrontare con il mondo esterno e per aver detto una verità tanto semplice quanto necessaria, ovvero che una ragazza trans è e può scegliere di vivere come una ragazza qualunque, vince la menzione speciale il cortometraggio “All those sensations in my belly” di Marko Dješka.

Premio per la Miglior Sceneggiatura
La giuria del Premio per la Miglior Sceneggiatura, riservato ai titoli del concorso Lungometraggi, presieduta da Lidia Ravera (giornalista e scrittrice) e composta da Federico Zappino (filosofo, scrittore e traduttore), Tiziana Triana (direttrice editoriale di Fandango Libri e editor di saggistica), Mariangela Mianiti (giornalista, scrittrice, ex pianista) e Francesca Manieri (sceneggiatrice) assegna i premi:

Mix Festival 2021, i vincitori: trionfa Feast di Tim Leyendekker - Aos Nossos Filhos selezionata 1 Zuppa Filmes Still 17.09 F4A2244 - Gay.it

Migliore sceneggiatura a Aos Nossos Filhos di Maria de Medeiros. Con la seguente motivazione:

Per la capacità di indagare in modo critico, ed empatico, le molteplici e conflittuali declinazioni del rapporto col materno, mettendo in scena due donne che hanno vissuto tempi diversi e vite diverse. La madre ha lottato contro la dittatura, imprigionata e torturata, ha perso un figlio. La figlia, lesbica, nata anni dopo, sta per avere un figlio con la sua compagna. Per aver saputo smascherare le insidie nel nostro desiderio di genitorialità all’interno del sistema eterosessuale e capitalista, il premio per la migliore sceneggiatura della 35′ edizione del Mix va a Aos Nossos Filhos di Maria de Medeiros.

Menzione Speciale a: Sublet di Eytan Fox. Con la seguente motivazione:

Per la grazia con cui attraversa la relazione fra due generazioni distanti di gay – distanti dal punto di vista generazionale, ma anche sociale, economico, geografico. Per la capacità di risignificare l’archetipo della relazione fra padre e figlio, sfondando il tabù dell’incesto, la menzione speciale della giuria va a Sublet di Eithan Fox.

Premio MiX Short to Be
La giuria del Premio MiX Short to Be rivolto a cortometraggi in via di sviluppo, composta dai direttori artistici dei festival del Southern European LGBTQIA+ Film Festival – Pedro Andrade, Zinegoak film festival; Laurent Bochaut, Chéries-Chéris film festival; Nikos Hatzitrifon, GLAD Thessaloniki – assegna:

Premio MiX Short to Be a Riprenditi le tue cose di Beniamino Rosa. Con la seguente motivazione:

Dopo un anno e mezzo così dificile in cui la pandemia ha avuto un forte impatto anche sulle comunità queer di tutto il mondo sentiamo seriamente il bisogno di ridere. Per questo motivo, nonché per la sua brillante presentazione e per la volontà di dare supporto al filone della commedia queer italiana, la giuria assegna il premio Mix Queer Shorts to be al progetto “Riprenditi le tue cose” di Beniamino Rosa.

Premio MIX laF a Gabi, Between Ages 8 and 13 di Engeli Broberg. Consegnato da Luca Bagni Amadei, programming coordinator laF- tv di Feltrinelli (Sky 135), al miglior documentari in concorso; il Premio MIX laF trasmetterà l’opera vincitrice sul suo canale. Con la seguente motivazione:

Per il suo linguaggio semplice ed immediato, per l’avvincente – e produttivamente impegnativa – narrazione, che copre temporalmente 5 anni di vita, e per il suo messaggio fortemente educativo e proiettato nel futuro. Gabi ha la forza di essere quello che è contro tutti i preconcetti, i pregiudizi e le convinzioni imposte dalla società, ed in questo percorso è accompagnato dalla sua famiglia, che lo supporta e ascolta costantemente, come tutte le famiglie dovrebbero fare, lasciandoci intravedere un mondo sempre più pronto e inclusivo.

 

Mix Festival 2021, i vincitori: trionfa Feast di Tim Leyendekker - My First Summer selezionata 1 - Gay.it

Premio Mix Nexo+ a My First Summer di Katie Found. Premio consegnato da Lucrezia Giacomini, Programming and Communication Manager di Nexo+, alla migliore opera di una giovane o di un giovane filmmaker. Con la seguente motivazione:

Per la tenerezza e la delicatezza con cui la regia di Katie Found riesce ad affrontare temi complessi e dolorosi, quali l’abbandono, il suicidio, la crescita, le prime volte, i propri sentimenti, l’io, l’altro. Il film ci racconta i sentimenti di un’estate, che hanno il sapore familiare del periodo più magico dell’anno in cui sogni, speranze e amori sembrano più veri che mai; il periodo in cui il mondo non si estende oltre il nostro sguardo, gli altri si identificano con la persona amata e le cose davvero importanti sono “solo” i sentimenti che crescono in noi.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Mahmood 17 Maggio Omobitransfobia

Cosa dirà Mahmood il 17 Maggio nella giornata contro l’omobitransfobia?

Musica - Mandalina Di Biase 22.4.24
The Darkness Outside Us, Elliot Page porta al cinema il romanzo queer sci-fi di Eliot Schrefer - The Darkness Outside Us - Gay.it

The Darkness Outside Us, Elliot Page porta al cinema il romanzo queer sci-fi di Eliot Schrefer

Cinema - Redazione 22.4.24
Spice Girls, è reunion per i 50 anni di Victoria Beckham: "L'amicizia non finisce mai" (foto e video) - Victoria Beckham - Gay.it

Spice Girls, è reunion per i 50 anni di Victoria Beckham: “L’amicizia non finisce mai” (foto e video)

News - Redazione 22.4.24
Prisma 2, il silenzioso ma potentissimo teaser trailer con protagonisti Marco e Daniele - Prisma - Gay.it

Prisma 2, il silenzioso ma potentissimo teaser trailer con protagonisti Marco e Daniele

Serie Tv - Redazione 22.4.24
Justin Bieber Jaden Smith

Il video del corpo a corpo d’amore tra Justin Bieber e Jaden Smith infiamma gli animi e scatena gli omofobi

Musica - Mandalina Di Biase 22.4.24
Consumo di contenuti p0rn0 con persone trans nel mondo - dati forniti da Pornhub

L’Italia è la nazione che guarda più p0rn0 con persone trans*

News - Redazione Milano 20.4.24

Leggere fa bene

stati-uniti-transfobia-omofobia-antisemitismo-e-suprematismo-bianco-dilagano-nelle-fila-del-partito-repubblicano (2)

Stati Uniti: transfobia, omofobia, antisemitismo e suprematismo bianco dilagano nel Partito Repubblicano

News - Francesca Di Feo 1.3.24