Napoli, quando la Resistenza fu fatta anche dai femminielli

Furono in prima linea durante la sommossa della città partenopea contro i nazifascisti.

resistenza napoli liberazione
< 1 min. di lettura

La rivolta dei femminielli nelle Quattro Giornate a Napoli è forse l’episodio più inclusivo di tutta la Resistenza. Buon 25 Aprile!

Partigiani forse non per vocazione, sicuramente per necessità. A difesa degli uomini, amanti o clienti che fossero, dai rastrellamenti nazifascisti. E a difesa della propria città, intesa non solo come luogo natale ma anche come atmosfere e costumi, piegata dalla cappa tedesca. Anche i femminielli napoletani, storiche figure di uomini femminili della tradizione partenopea, parteciparono alla Resistenza.

Una storia sbiadita dal tempo e dalla morale, su cui solo negli ultimi anni si è fatta un po’ di ricostruzione, e che racconta del loro contributo alle Quattro Giornate di Napoli, che nel 1943 videro il capoluogo campano sollevarsi contro un nazifascismo in arretramento.

Erano i giorni dell’editto Scholl, che imponeva a una città ormai popolata in gran parte da donne, bambini, anziani, malati e appunto femminielli, una chiamata di leva, pena la fucilazione. Su 30mila rispondenti ai requisiti si presentarono solo 150 uomini. Da lì partì l’insurrezione che liberò la città poco prima dell’arrivo degli Alleati.

Come ha ricordato il presidente dell’ANPI Napoli Antonio AmorettiL’Espresso, i femminielli combattenti non furono poi che poche decine ed erano impegnati soprattutto nelle barricate di San Giovanniello, un quartiere popolare dove vivevano in alta concentrazione: “Certo, a riunirsi nel loro terraneo di fronte all’ex cinema Gloria erano molti di più, ma comunque c’era una buona rappresentanza della loro comunità”.

Di fronte al male la solidarietà umana fece sì che la Resistenza fu per tutti: come le donne partigiane anche i femminielli, combattendo fianco a fianco con i soldati, goderono di questa eccezionale e temporanea rimozione di quelle barriere patriarcali ed eteronormative che esistevano e che sarebbero esistite in Italia per diversi decenni ancora. Buon 25 Aprile!

 

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Erika Colaianni e la compagna Manuela si sposano

Erika Colaianni e la compagna Manuela si sposano! La proposta di matrimonio durante il concerto di Ultimo – video

Culture - Luca Diana 15.6.24
X Factor 2024

X Factor 2024 è una bomba, abbiamo visto le audition: le nostre prime impressioni

Culture - Luca Diana 19.6.24
11 sportivi lgbt

Sport e comunità LGBTIQ+: 14 storie che devi conoscere

News - Gio Arcuri 18.6.24
Carmine Alfano, le frasi choc del candidato sindaco di Torre Annunziata: "I ricchi*ni nel forno crematorio" - Carmine Alfano - Gay.it

Carmine Alfano, le frasi choc del candidato sindaco di Torre Annunziata: “I ricchi*ni nel forno crematorio”

News - Redazione 18.6.24
Mahmood RA TA TA - Il velo e anche la tuta sono del brand palestinese Trashy Clothing

Mahmood fa “RA TA TA” con un velo palestinese che ha un significato

Musica - Mandalina Di Biase 13.6.24
kyiv-pride-2024

Ucraina, perché il primo Kiev Pride dall’inizio dell’invasione russa è durato solo 30 minuti

News - Francesca Di Feo 18.6.24

Leggere fa bene

Napoli, derubata e stuprata ragazza trans: "Ho paura, temo ripercussioni" - stupro - Gay.it

Napoli, derubata e stuprata ragazza trans: “Ho paura, temo ripercussioni”

News - Redazione 15.1.24
napoli-arcigay-im-queer-any-problem

Napoli, scontro interno tra associazioni LGBTIAQ+, Arcigay accusa il collettivo I’m Queer Any Problem?

News - Francesca Di Feo 1.2.24
Napoli Pride 2024 il 29 giugno - Napoli Pride - Gay.it

Napoli Pride 2024 il 29 giugno

News - Redazione 21.12.23
Scampia, omofobia di Pasqua. Sputi e sigarette spente addosso a 23enne: "Mi hanno chiamato r*cchiò" - omofobia - Gay.it

Scampia, omofobia di Pasqua. Sputi e sigarette spente addosso a 23enne: “Mi hanno chiamato r*cchiò”

News - Redazione 2.4.24
Napoli, il sindaco Manfredi incontra le due donne trans vittime del branco. Il comune si costituirà parte civile nell’eventuale processo - Sindaco di Napoli incontra le due turiste trans vittime di violenza - Gay.it

Napoli, il sindaco Manfredi incontra le due donne trans vittime del branco. Il comune si costituirà parte civile nell’eventuale processo

News - Redazione 17.1.24
Massimiliano Di Caprio - titolare della Pizzeria Dal Presidente di Napoli, arrestato in un'inchiesta per camorra condotta dalla Dda sul clan Contini

Pubblicò violente parole contro gay e lesbiche nel 2022, Massimiliano Di Caprio arrestato in un’indagine per camorra

News - Redazione Milano 15.5.24
Malika Ayane madrina del Napoli Pride 2024: "Profondamente orgogliosa" - Malika Ayane - Gay.it

Malika Ayane madrina del Napoli Pride 2024: “Profondamente orgogliosa”

News - Redazione 23.4.24
Omofobia, condannato a 6 mesi Salvatore Sparavigna. Insultò Antonello Sannino, Presidente Arcigay Napoli - Salvatore Sparavigna - Gay.it

Omofobia, condannato a 6 mesi Salvatore Sparavigna. Insultò Antonello Sannino, Presidente Arcigay Napoli

News - Redazione 29.3.24