NIENTE ATTACCHI ALLA CHIESA

Un lettore a Don Franco Barbero: «mi rattrista vedere che nella chiesa Cattolica ci siano sacerdoti che attaccano, o peggio, non difendono il Papa». Risposta: «Avviamo un dialogo...»

NIENTE ATTACCHI ALLA CHIESA - leo15 03 - Gay.it
3 min. di lettura

Ho letto diverse risposte sul tema dell’omosessualità e della fede. Mi dispiace però di non trovarmi molto d’accordo. Prima di tutto credo sia davvero poco cristiano attaccare la gerarchia ecclesiastica. Già viviamo la divisione di diverse chiese Cristiane e mi rattrista vedere che nella chiesa Cattolica ci siano sacerdoti che attaccano, o peggio, non difendono il Papa. Vorrei ricordare a tutti i cattolici, gay bisex o etero, che il Papa è chiamato a guidare la Chiesa attraverso il dono dello Spirito Santo. Mi trovo invece d’accordo sul fatto che ci siano molti pregiudizi sulle persone omosessuali. Credo che sia doveroso però percorrere altre strade per non essere emarginati, non sicuramente quella di adattare il Vangelo di Cristo alla nostra vita per giustificare alcune nostre scelte. Credo che il Cristiano debba sforzarsi adattare la sua vita alla vita di Cristo. Questo è solo un mio pensiero che spero sia accolto, accettato e magari anche condiviso.

Grazie.

Adamas

Caro Adamas,

sono contento della tua proposta di avviare un dialogo circa il contenuto della tua lettera.

Ovviamente, un dialogo esige tempo e reciproca conoscenza. Se tu lo vorrai, potremo ritornare sugli argomenti con ulteriori scambi di idee. Il mio tempo è poco, ma farò il possibile.

1) Partiamo dal fatto che tu ritrovi nei miei scritti un attacco alla gerarchia. Evidentemente abbiamo due visioni della chiesa assai diverse. Io ritengo che amare la chiesa significhi parlarci con franchezza e non confondere la comunione cristiana con l’obbedienza ecclesiastica, come ho cercato di documentare nei miei due ultimi libri. Ma occorre, a mio avviso, compiere un passo ulteriore: distinguere accuratamente l’autorità dalla gerarchia. Di una autorità c’è certamente bisogno in una chiesa, ma esse può sacralizzarsi e degenerare, corrompersi, diventare esercizio di un potere mondano, autoritario, escludente. Bada bene che non si tratta di giudicare le persone (che vanno sempre rispettate), ma di esaminare la realtà e le dinamiche delle strutture nella loro oggettività con fredda e rigorosa lucidità.

Oggi questa deformazione del papato e di tutta la struttura clerical-gerarchica è messa fortemente sotto questione da un’ampia letteratura teologica anche cattolica.

E’ troppo semplice mettere il dono dello Spirito Santo come “ingrediente” dell’esercizio dell’autorità pontificia. Le gerarchie ecclesiastiche hanno sempre dichiarato di agire sotto la guida dello Spirito di Dio quando arrostivano le persone scomode, i ribelli, i dissenzienti, le “streghe”, gli “eretici” o emarginavano le voci scomode. Quanti roghi sono stati accesi, quante inquisizioni, quante crociate e quante guerre combattute, quante maledizioni sono state scritte contro gli ebrei e le donne nei secoli dicendo che tutto proveniva dallo Spirito Santo. Bin Laden, Sharon e Bush nei loro atti criminali si appellano a Dio.

E’ tempo di smascherare questa ideologia che permette di ammantarsi di sacro per profanare i diritti umani ed emarginare le persone. Si chiede perdono ai morti e si continua a perseguitare i vivi.

Se accettiamo una concezione aziendale della chiesa, allora quando non “giri” secondo gli interessi dell’istituzione, ti licenziano. Se consideriamo l’idea di una chiesa esercito dove il generale comanda e tutti eseguono, allora l’obbedienza “cadaverica” e “senza fiatare” è la suprema virtù. Dal Concilio Vaticano II e da ben più antiche esperienze è possibile anche in dialogo con le Scritture, pensare alla chiesa come “convocazione”, come “assemblea” dei liberi figli e figlie di Dio, come “casa di Dio” nella quale siamo tutti/e accolti nel confronto e nella matura convivialità delle differenze.

Potrei suggerirti centinaia di studi in questa direzione. Non sono affatto isolato su queste riflessioni.

2) Tu ammetti che nella chiesa esistono molti pregiudizi sulle persone omosessuali, ma credi che sia doveroso percorrere altre strade.

Può darsi. Non è detto che tu e io dobbiamo arrivare a Palermo facendo la stessa strada. I miei studi, i contatti diretti con decine di migliaia di persone omosessuali e il cammino con le comunità cristiane di base mi hanno fatto scegliere queste strade, ma certamente ne esistono altre, forse anche migliori. Sono contento di conoscerle e di imparare. Guai a chi si imprigiona in una sola strada. Perciò sono contento di conoscere in quale direzione lavori tu. Io ho scelto la via della franchezza, il dialogo “alto”.

3) Sono perfettamente d’accordo con te che è terribile “piegare il Vangelo”, adattarlo per giustificare le nostre scelte. Il mio lavoro quotidiano sulle Scritture mi porta a concludere che questa è l’operazione peggiore che si possa fare. Ma nel caso dell’omosessualità sarebbe davvero ridicolo cercare pezze giustificative nella Bibbia. Semmai può essere legittimo cercare di leggere i cosiddetti “passi difficili” collocandoli nel loro contesto culturale, storico, antropologico e religioso.

La realtà dell’omosessualità non ha alcun bisogno di essere “legittimata” dalla Scrittura. Essa è semplicemente una modalità umana. Semmai le scritture parlano a persone eterosessuali, omosessuali … per sollecitarle a vivere nella pace di Dio e nell’amore autentico.

Ecco, questa è la prima tappa del nostro dialogo. Vuoi continuarlo?

Ti ringrazio di questa bella opportunità e ti invio un affettuoso saluto.

don Franco Barbero (www.viottoli.it – franco.barbero@viottoli.it )

di Franco Barbero

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

BigMama date estive

BigMama parte per il “Pride Tour”: tutte le date per un’estate nel segno dell’orgoglio

Musica - Emanuele Corbo 24.5.24
Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo - In from the Side cover - Gay.it

Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo

Corpi - Federico Boni 20.5.24
Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO) - Cannes 2024 Vivre Mourir Renaitre 3 - Gay.it

Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO)

Cinema - Redazione 22.5.24
10 anni fa Xavier Dolan travolgeva e incantava Cannes con Mommy - ecnv mommy - Gay.it

10 anni fa Xavier Dolan travolgeva e incantava Cannes con Mommy

Cinema - Federico Boni 24.5.24
Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe - cover wp - Gay.it

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe

News - Lorenzo Ottanelli 20.5.24
Tom Daley e Stefano Belotti

Chi è Stefano Belotti, il tuffatore azzurro che augura buon compleanno a Tom Daley

Lifestyle - Mandalina Di Biase 22.5.24

Hai già letto
queste storie?

Donatella Versace lotta con noi: sostegno a Milano Check Point nella lotta ad hiv e malattie a trasmissione sessuale - donatella versace alessandro zan milano check point 2 - Gay.it

Donatella Versace lotta con noi: sostegno a Milano Check Point nella lotta ad hiv e malattie a trasmissione sessuale

Corpi - Redazione Milano 1.12.23
studio-persone-transgender-gender-non-conforming

Le terapie di affermazione di genere migliorano la qualità della vita del 98% delle persone transgender e gender non conforming

Corpi - Francesca Di Feo 27.2.24
Foto: Angela Christofilou

L’8 Marzo ci siamo tuttə per tuttə

Corpi - Redazione Milano 7.3.24
Polemiche per la richiesta del Barcelona di non esporre bandiere rainbow in Arabia Saudita - nella foto Joao Felix (dal profilo IG @fcbarcelona)

“No bandiere rainbow e manifestazioni di affetto in Arabia Saudita”, la richiesta del Barcelona ai suoi tifosi

Corpi - Federico Boni 10.1.24
Hiv sentenza Bari su U uguale U Gay.it

U = U, sentenza storica, assolto un uomo accusato di aver trasmesso l’Hiv: se non è rilevabile non si può trasmettere

Corpi - Daniele Calzavara 28.2.24
Parigi 2024, è ufficiale. Tom Daley parteciperà alla sua 5a olimpiade, record britannico nei tuffi - Tom Daley - Gay.it

Parigi 2024, è ufficiale. Tom Daley parteciperà alla sua 5a olimpiade, record britannico nei tuffi

Corpi - Redazione 8.5.24
Copyright @Danimale_sciolto

Cosa significa decriminalizzare il sex work: oltre lo stigma e la violenza istituzionale

Corpi - Redazione Milano 21.12.23
Vivere con hiv - la testimonianza di Enrico

Vivere con il virus: “L’Hiv è stato una grande occasione per prendermi cura di me stesso”

Corpi - Daniele Calzavara 22.3.24