Nureyev – The White Crow, stasera in prima tv su Rai Movie il biopic diretto da Ralph Fiennes

La vita del celebre danzatore sbarca in tv, canale 24.

Nureyev - The White Crow, stasera in prima tv su Rai Movie il biopic diretto da Ralph Fiennes - Nureyev – film - Gay.it
2 min. di lettura

Nureyev - The White Crow, stasera in prima tv su Rai Movie il biopic diretto da Ralph Fiennes - Rudolf Nureyev - Gay.it

Rudolf Nureyev – The White Crow, biopic diretto e interpretato da Ralph Fiennes, arriva finalmente sulla tv generalista. Questa sera alle ore 21:10, in prima assoluta su Rai Movie (canale 24 del digitale terrestre), il film porterà sul piccolo schermo la vita del celebre danzatore Rudolf Nureyev, che dalla Russia si trasferì a Parigi per raggiungere il suo sogno.

Il film ripercorre la vita del ballerino fin dalla sua nascita, a Ufa, su un treno. Alle prese con un’esistenza non semplice, fatta soprattutto di povertà, decide di apprendere l’arte della danza a Leningrado. Nel 1961 arriva a Parigi a soli 23 anni insieme alla Kirov Ballet Company. Il carattere ribelle del ragazzo, il suo anticonformismo e le sue amicizie troppo occidentali attirano le attenzioni degli ufficiali del KGB che decidono così di sorvegliarlo costantemente. Quando deciderà di partire per Londra, gli stessi agenti decideranno di impedirglielo e così Nureyev deciderà di chiedere asilo politico alla Francia.

Nureyev - The White Crow, stasera in prima tv su Rai Movie il biopic diretto da Ralph Fiennes - Nureyev – - Gay.it

Protagonisti della pellicola, tratta dalla biografia biografia “Nureyev: The Life” di Julie Kavanagh e vincitrice del premio speciale per il miglior contributo tecnico al Tokyo International Film Festival, Oleg Ivenko, Adèle Exarchopoulos e Čulpan Nailevna Chamatovania.

Quando HIV e AIDS iniziarono a diffondersi in Occidente, intorno al 1982, il grande danzatore russo  vi prestò poca attenzione, come del resto all’inizio fecero in molti: probabilmente il danzatore contrasse l’HIV proprio intorno a quegli anni. Per un po’ di tempo egli semplicemente minimizzava, negava che ci fosse qualcosa di strano riguardo alla sua salute: quando nel 1990 si ammalò senza ombra di dubbio, finse di avere altre malattie, rifiutando qualsiasi trattamento disponibile all’epoca. Alla fine dovette affrontare il fatto che stesse morendo e lo fece anche attraverso questa struggente Lettera alla danza, insieme suo testamento artistico ed esistenziale.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati - The History of Sound di Oliver Hermanus - Gay.it

The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati

Cinema - Redazione 29.2.24
Roberto Vannacci e Marco Mengoni a Sanremo con un pantalone di Fendi

Vannacci attacca il Pride e irride Marco Mengoni per la gonna che è un pantalone

News - Giuliano Federico 1.3.24
David Utrilla - da 37 anni vive con Hiv

A volte dimentico di avere l’Hiv: la nostra serie per raccontare l’importanza dell’equazione U=U

Corpi - Daniele Calzavara 2.3.24
Francesco Panarella

Francesco Panarella e il morbo di Kienbock: “Recitare mi ha salvato la testa”

Culture - Luca Diana 28.2.24
Andrea Bossi con la sua amica Serena - foto dal canale TikTok pubblico di Serena

Andrea Bossi, l’omicidio di un ragazzo queer, ucciso soltanto per un pugno di gioielli?

News - Giuliano Federico 2.3.24
Federico Massaro, Grande Fratello

Grande Fratello, il messaggio di Federico Massaro per il fratello transgender

Culture - Luca Diana 29.2.24

Hai già letto
queste storie?