Skin: “Non avevo mai sentito la parola gay fino all’età di 15 anni”

“Essere nera o lesbica o leader di una band non è mai stato un problema per me. Forse lo era per gli altri, ma non certo per me”.

Skin: "Non avevo mai sentito la parola gay fino all'età di 15 anni" - Skin - Gay.it
2 min. di lettura

Tra gli ospiti della prima puntata della nuova stagione de l’Assedio, andata in onda ieri sera su Nove, c’era anche Skin, fresca di proposta di nozze all’amata fidanzata.

Per me essere una donna nera lesbica ed essere leader di una rock band non è mai stato un problema, anzi è una cosa grandiosa. Forse lo era per gli altri, ma non certo per me“, ha confessato l’ex giudice di X Factor, in collegamento da Londra con lo studio milanese del programma Discovery per presentare anche la sua nuova autobiografia, Ci vuole Fegato. “Casomai è stato un problema per altre persone, che hanno cercato di gettare su di me le loro frustrazioni, il loro razzismo, sessismo e omofobia. Io sono felice di fare quello che faccio: ci è voluto tanto ad arrivare dove sono, non mi faccio portare via la gioia dagli altri e dai loro problemi. Il mio atteggiamento è sempre stato ‘non è colpa mia, è colpa vostra, guardate voi stessi perché io sto bene così, sono molto felice di essere così’. Ho sempre pensato che tutto ciò non fosse un mio problema“.

Un’autobiografia che Skin ha dedicato a sua madre e all’amata Lady Fag. “Mia mamma è sempre stata molto religiosa, la domenica mi portava sempre in chiesa. Ero la perfetta bimba cristiana“. Poi un giorno, insieme a un amico, il taglio netto, concreto, con il rasoio elettrico utilizzato per far fuori tutti i capelli.

Sono cresciuta in una famiglia molto religiosa, non avevo mai sentito la parola gay fino ai 15 anni. Non erano parole che si usavano nella mia comunità, è stato per la prima volta al catechismo. Si parlava del divieto per un uomo di giacere con un altro uomo. Mi dicevo ‘che strano, cosa significa’. Non riuscivo a capire. Poi arrivò un altro passo dove si parlava del ‘divieto di dormire con gli animali’. Anche qui mi sembrava una cosa ridicola, che senso aveva. Poi mi sono accorta che nella mia chiesa c’erano tante persone omosessuali, ma non conoscevo il concetto, non me ne accorgevo e non mi importava.

Immancabile, nel finale, un commento alla politica di oggi: “Stiamo assistendo ad un’ascesa della destra, in America con Trump ma anche in Brasile, Germania, Francia, Polonia. Conosciamo tutti gli errori della storia, è il momento di prendere posizione di opporsi a tutto questo. Dobbiamo difendere i diritti delle persone“. “Ero a New York quando Black Lives Matter è iniziato. Conosco quello che fa la polizia in America. Ma anche in Italia succede. Come si chiama quel ragazzo?“. Quel ragazzo si chiamava Stefano Cucchi.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Rooy Charlie Lana

Vergognarsi e spogliarsi lo stesso: intervista con Rooy Charlie Lana, tra desiderio e non binarismo

Culture - Riccardo Conte 29.2.24
Ghana legge anti LGBTI approvata dal parlamento

Ghana, il parlamento approva la legge anti-LGBTI, il Presidente Akufo-Addo firmerà?

News - Giuliano Federico 28.2.24
I SAW THE TV GLOW (2024)

I Saw The Tv Glow: guarda il trailer dell’attesissimo film horror trans* – VIDEO

Cinema - Redazione Milano 29.2.24
Grande Fratello, chi vincerà secondo i bookmaker? - Grande Fratello 2023 - Gay.it

Grande Fratello, chi vincerà secondo i bookmaker?

News - Luca Diana 3.3.24
Eurovision 2024, Il Regno Unito vuole la vittoria con Dizzy di Olly Alexander. Il video ufficiale - olly alexander - Gay.it

Eurovision 2024, Il Regno Unito vuole la vittoria con Dizzy di Olly Alexander. Il video ufficiale

Culture - Redazione 1.3.24
David Utrilla - da 37 anni vive con Hiv

A volte dimentico di avere l’Hiv: la nostra serie per raccontare l’importanza dell’equazione U=U

Corpi - Daniele Calzavara 2.3.24

Hai già letto
queste storie?