Tutto parte dai Queen, on line il sito che collega 100.000 cantanti alla band di Freddie Mercury

Attraverso informazioni di somiglianza tra oltre 100.000 artisti, è stata applicata la teoria dei “sei gradi di separazione”.

Tutto parte dai Queen, on line il sito che collega 100.000 cantanti alla band di Freddie Mercury - Bohemian Rhapsody - Gay.it
2 min. di lettura

In occasione dell’uscita in sala di Bohemian Rhapsody, biopic sui Queen diretto da Bryan Singer, 20th Century Fox e Spotify hanno ideato un’innovativa forma di promozione che unisce Cinema e Musica.

Tutto parte dai Queen, il nome dell’iniziativa che ha visto sorgere un sito dedicato all’influenza che la band inglese ha avuto su tutta la musica moderna. Attraverso informazioni di somiglianza tra oltre 100.000 artisti, è stata infatti applicata la teoria dei “sei gradi di separazione” al mondo della musica, collegando ogni artista indicato dagli utenti ai suoi vicini più simili. In questo modo, inserendo il proprio artista preferito sul sito dell’attività si avrà come risultato una vera e propria rapsodia musicale di 20 brani, creata su misura, che porta gradualmente ai brani dei Queen.

E’ un vero piacere lavorare a questo genere di film. Prodotti che ti permettono di esplorare i confini di due mondi come quello musicale e cinematografico” afferma Francesco Marchetti, Senior Marketing Manager di 20th Century Fox Italia. “Sfruttare i punti di incontro e le diversità di questi due mondi è il fulcro della nostra strategia di lancio che, nell’attività con Spotify, trova un momento pivotale”.

In un panorama media sempre più confuso, l’obiettivo è di comunicare e ingaggiare le audience anche nei loro momenti di svago” continua Rosalba Malvasi, Media Manager della major americana. “Spotify è risultato fin da subito il media migliore per tentare questo esperimento. Qui non si tratta di semplice pubblicità, si cerca piuttosto di creare un vero legame tra il film e l’ascoltatore che, da spettatore diventa un vero e proprio ambasciatore e comunicatore”.

Per scoprire i gradi di separazione tra il vostro artista preferito e i Queen e creare la vostra playlist di 20 brani su misura, basterà visitare questo sito. Inserendo il nome di Madonna, per esempio, l’algoritmo partirebbe da Radio Gaga dei Queen per poi passare agli Aerosmith, Foreigner, Supertramp, Billy Joel, The Rolling Stones, Journey, Deep Purple, KISS, R.E.M., Paula Abdul, All Saints, Roxette, Kylie Minogue, Girls Aloud, Sophie Ellis-Bextor, Donna Summer, RuPaul, Culture Club e finire con Like a Prayer. Credibile?

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe - cover wp - Gay.it

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe

News - Lorenzo Ottanelli 20.5.24
Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo - In from the Side cover - Gay.it

Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo

Corpi - Federico Boni 20.5.24
triptorelina-famiglie-incatenate-sede-aifa

Triptorelina, le famiglie si incatenano sotto la sede dell’AIFA per protestare il tavolo tecnico e la sua composizione

News - Francesca Di Feo 24.5.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri - Specchio Specchio - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri

Culture - Redazione 23.5.24
10 attori e attrici trans ad hollywood

10 star della comunità trans* che stanno rivoluzionando Hollywood

Cinema - Gio Arcuri 23.5.24
Chi è Karla Sofía Gascón, prima attrice trans a trionfare a Cannes e presto in un film con Vladimir Luxuria - Karla Sofia Gascon 1 - Gay.it

Chi è Karla Sofía Gascón, prima attrice trans a trionfare a Cannes e presto in un film con Vladimir Luxuria

Cinema - Redazione 27.5.24

Hai già letto
queste storie?