Alfano sta vietando il diritto alle Unioni Civili, il monito di Arcigay

La situazione è "grave e paradossale" poiché, se pure la legge è in vigore, i sindaci più retrogradi potrebbero permettersi di rifiutare eventuali prenotazioni.

Alfano sta vietando il diritto alle Unioni Civili, il monito di Arcigay - angelino alfano arcigay - Gay.it
Foto Marco Cantile - LaPressepoliticaCaserta - 01/08/2014Il Ministro Angelino Alfano tiene una conferenza stampa a margine del vertice per la sicurezza pubblica in Prefettura a Caserta.Nella foto: Angelino AlfanoPhoto Marco Cantile - LaPressenewsCaserta - Italy 01/08/2014 Angelino Alfano press conference in Caserta In The Pic Angelino Alfano
2 min. di lettura

 

All’indomani della situazione confusionaria generata dalla mancata presentazione del decreto ponte sulle unioni civili da parte del ministero dell’Interno, Arcigay rilascia un comunicato stampa duro nei confronti di Angelino Alfano.

Ieri sono scaduti i termini per l’emanazione del decreto “ponte” per l’applicazione della legge sulle unioni civili: mentre ai municipi risultano giunti i moduli e le istruzioni per la registrazione delle convivenze tra omo o eterosessuali, cioè quanto attiene al secondo titolo della legge, non c’è traccia degli applicativi, seppur provvisori, relativi alla formalizzazione delle unioni civili, che invece riguardano solo le coppie formate da persone dello stesso sesso. Il Ministero degli Interni così mette i primi cittadini in una situazione grave e paradossale: qualora a causa dell’assenza del decreto ponte i sindaci negassero a una coppia la possibilità di celebrare l’unione civile, di fatto starebbero negando un diritto garantito da una legge in vigore. Ma soprattutto l’attesa infierisce su chi da troppo tempo aspetta di formalizzare la propria relazione di coppia, per il desiderio più che legittimo di festeggiare o addirittura perché non ha molto tempo davanti per prolungare l’attesa. Questa negligenza è perciò cinica e irrispettosa e conferma il malcostume dei governi italiani che da sempre in tema di diritti non riescono a rispettare tempi e scadenze, anche nei casi più banali. Esortiamo allora il Ministro degli Interni Alfano a produrre tempestivamente quanto dovuto e a non giocare l’ennesima scorretta battaglia politica abusando di un ruolo, quello di ministro appunto, che deve saper corrispondere a tutti i cittadini e le cittadine, non solo a quelli eterosessuali. Preso atto della negligenza del collega, sollecitiamo inoltre il Ministro alla Giustizia Andrea Orlando a velocizzare la stesura e la pubblicazione dei decreti attuativi definitivi, al fine da rendere concreto il riconoscimento di un diritto che oggi è solo sulla carta. Infine, anche i sindaci, che rappresentano il punto di contatto tra le istituzioni e i cittadini, dovrebbero farsi carico di questo problema e chiederne conto al Governo.

Le parole di Arcigay chiariscono la questione, che sta diventando complicata da comprendere: la situazione è “grave e paradossale” poiché, se pure ai sensi del comma 35 le disposizioni contenute ai commi 1-34 della legge “acquistano efficacia” a partire dalla data di entrata in vigore della legge (dunque già dal 5 giugno 2016), i sindaci più retrogradi potrebbero permettersi di rifiutare eventuali prenotazioni per la celebrazione, appigliandosi alla mancanza di istruzioni concrete da parte del Governo. Un ulteriore chiarimento giunge dalle parole dell’ufficio stampa di Monica Cirinnà: “la questione è rimandata ai singoli comuni, che secondo le disposizioni dei sindaci potranno già avviare le procedure per fissare le prenotazioni per la celebrazione delle unioni civili“. Se alcuni, come quello di Fiumicino, sono già ben disposti all’accettazione delle prenotazioni, altri potrebbero esserlo meno, e avrebbero ancora la possibilità di rifiutare tale richiesta, data la mancanza di una linea guida precisa e ufficiale.

LEGGI: Alfano travolto dalle indagini blocca le Unioni Civili > > >

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

15 persone famose che non sapevi fossero non binarie - 10 persone famose che non sapevi fossero non binarie - Gay.it

15 persone famose che non sapevi fossero non binarie

Corpi - Gio Arcuri 13.5.24
Nemo The Code significato e come è nata

Nemo, il magnifico testo non binario di “The Code” è nato così: ecco cosa racconta davvero

Musica - Mandalina Di Biase 13.5.24
Bridgerton, la showrunner Jess Brownell annuncia l'arrivo di una storia d'amore queer - BRIDGERTON 302 Unit 00627R - Gay.it

Bridgerton, la showrunner Jess Brownell annuncia l’arrivo di una storia d’amore queer

Serie Tv - Redazione 16.5.24
Rainbow Map 2024, l'Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT - rainbowmap - Gay.it

Rainbow Map 2024, l’Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT

News - Federico Boni 15.5.24
Sara Drago

Sara Drago: “La realtà è piena di diversità, sarebbe bellissimo interpretare un uomo” – intervista

Cinema - Luca Diana 11.5.24
Andrew Scott per Quinn (2024)

Andrew Scott presta la voce ad un’app di racconti erotici

Culture - Redazione Milano 16.5.24

Hai già letto
queste storie?

Gay.it Progress Pride Flag LGBTI

L’unione civile non sarà annullata con la rettifica anagrafica del genere, sentenza della Corte Costituzionale

News - Francesca Di Feo 24.4.24
eredita berlusconi marta fascina unioni civili

Eredità Berlusconi, con l’unione civile Marta Fascina può restare ad Arcore ma Silvio voleva cancellare la legge Cirinnà

News - Redazione Milano 20.11.23
unioni-civili-assegno-di-mantenimento

Unioni civili, l’assegno di mantenimento in caso di scioglimento dovrà tenere conto anche del periodo di convivenza

News - Francesca Di Feo 29.12.23