Le guide di Gay.it: Madrid, la vera Spagna

Arte e divertimento: il weekend (o anche di più) perfetto per tutti!

Madrid dall’inizio del nuovo millennio è stata il baluardo della libertà intesa in particolare nell’accezione del divertimento e della vita sessuale. Madrid è la vera Spagna, una città priva del turismo di Barcellona, degli orpelli dell’Andalusia, delle contraddizioni dei Paesi Baschi, della confusione di Valencia. Hemingway diceva che se le altre grandi città spagnole rappresentano la provincia in cui si trovano e sono in sostanza andaluse, catalane, basche, aragonesi, soltanto Madrid potrà dare l’essenza vera della Spagna. È questo il motivo per il quale è meta ambita non tanto per vacanza e week end fuori quanto anche per ricominciare una nuova vita e per darsi nuove opportunità umane e lavorative. Da tutti i sondaggi degli ultimi anni la Spagna risulta sempre uno dei paesi più gay-friendly in assoluto: ben il 90% della popolazione è a favore delle unioni gay e Madrid è la città simbolo della convivenza di ogni diversa realtà culturale e ideologica ponendosi come esempio di civiltà e “maturità” sociale. I matrimoni omosessuali e le adozioni sono legali dal 2005 ma più che la legislazione ciò che apprezza la comunità LGBT è l’accettazione e la comprensione che prima che dai codici viene dalle persone stesse.

Ecco per voi la nostra guida gay di Madrid

Vuoi inviarci la tua guida gay ad una destinazione che conosci particolarmente bene? Inviala a redazione[@]gay.it, le migliori saranno retribuite e pubblicate

Uno sguardo d’insieme

Madrid è capitale della Spagna, sede del governo e del monarca spagnolo, centro economico, politico e culturale del paese nonché città in assoluto più visitata. Il vero fascino di Madrid è nella capacità di riuscire a far convivere antico e moderno con grande sapienza. Si alternano edifici antichi e costruzioni moderne, mcdonalds e antiche librerie, centri commerciali e piccolo antiquari, mercati di strada e teatri di lusso in un’armonia di colori e forme che incanta ogni visitatore. Vi è un’alta presenza di stranieri che rende la città molto cosmopolita pur lasciando invariati i suoi tipici tratti spagnoli che si riscontrano particolarmente nello stile di vita, nel food e nel clima , per lo più continentale.

Famosa in tutta Europa è la Movida madrileña ovvero la vita notturna. Nessuno può essere deluso da una città che non dorme mai e che permette di vivere la notte tra locali trasgressivi, pub con musica dal vivo, discoteche con dj internazionali e ristoranti con cucine aperte per tutta la notte.

Infine l’arte: lo storico Museo del Prado e l’avanguardistico Museo Reina Sofía sono solo un esempio della grande attenzione all’arte che prosegue con un amore viscerale per il cinema, il teatro, l’architettura, la letteratura.

Ti suggeriamo anche  A Madrid apre la prima residenza pubblica del mondo per anziani LGBT

Trasporti

Madrid eccelle nei trasporti. La metropolitana ha ben 12 linee che permettono di raggiungere velocemente e agilmente qualsivoglia luogo di interesse della città. Altro vantaggio è la pulizia, l’orario di apertura dall’alba a tarda notte e la frequenza. Vi è anche una linea di autobus capillare ma la ciliegina sulla torta sono i taxi che hanno un costo molto basso e sono sempre presenti in tutte le zone e a tutte le ore. I tassisti sono inoltre simpatici e adorano gli italiani tanto che è difficile che non parlino durante tutto il tragitto. L’aereoporto ha tutti i terminali collegati con la metropolitana e portano direttamente al centro, alla fermata Tribunal a pochi passi da Puerta del Sol, il centro di Madrid.

È semplice anche muoversi a piedi lungo i diversi percorsi turistici, in particolare al centro che permette un’esperienza ancora più piacevole

Dove dormire

Sicuramente la zona preferibile è quella che ruota intorno a Chueca, il quartiere gay di Madrid. Vi sono molti alberghi ottimi per rapporto qualità/prezzo nelle vie intorno a Chueca e sono Calle Fuencarral e Calle de Hortaleza o ancora la strada principale Gran Via che attraversa tutta la città. Alloggiando in zona Chueca si riesce a trovare il perfetto compromesso tra vita notturna e vicinanza rispetto ai maggiori punti di interesse come Puerta del Sol, Plaza de España, Perco del Retiro e Palazzo Reale. Inoltre vi è la fermata metro Tribunal che porta direttamente all’aereoporto e collega con poche fermate a tutte le altre linee.

Tutti gli hotel nella zona del centro sono gay friendly come in realtà quasi tutti gli alberghi e gli ostelli, essendo la città meta di turisti gay da tutta Europa.

Di seguito una lista delle soluzioni che consigliamo:

Gran Via Suites & Lounge Madrid : interni e design esclusivo, area lounge, a pochi metri da tutti i principali locali gay della città;

Room007 Chueca Hostel : dormitori e camere private a prezzo accessibile, tra le due principali vie della movida: Chueca e Malasaña

Hostal Pizarro : nel cuore di Chueca con negozi, bar e pub aperti a tutte le ore e personale che parla italiano.

Cose da fare e da vedere

Scopriamo cosa fare assolutamente mentre si è a Madrid!

Parco del Retiro, un immenso parco con fontane, templi, teatri di grande valore artistico. Perfetto per riposarsi il sabato e la domenica e godersi anche i dj set ai piedi del laghetto;

Ti suggeriamo anche  "Omosessualità è contronatura", insegnante sotto inchiesta e materiale didattico sequestrato

– Follia andare a Madrid e non visitare il Museo del Prado una delle pinacoteche più importanti del mondo dove è possibile ammirare capolavori di Rubens, Botticelli, Goya e tanti altri;

– La domenica è d’obbligo un giro allo storico mercato del Rastro: bancarelle di rigattieri e “vecchiume” che è diventato un simbolo di Madrid. Dall 09 alle 15 nella zona La Latina;

– Ammirare i capolavori di Picasso e Dalì al Museo Reina Sofía e incantarsi di fronte all’immensità della Guernica;

– Scattarsi una foto in compagnia di Don Chisciotte e Sancho Panza in Plaza de España;

– Mangiare la Paella in Plaza Mayor, a pranzo o a cena o in after nel pomeriggio:

– Gustare la miglior Sangria di Madrid nello storico locale las Cuevas Sésamo;

– Lasciarsi andare allo shopping sfrenato di Gran Via, per tutta la sua lunghezza;

– Perdersi nei vicoli di Chueca e Malasaña, storici quartieri notturni, bevendo fino all’alba;

– Godersi il pomeriggio i giardini interni e esterni del Palazzo Reale.

Shopping

La Spagna è la “mamma” di Zara, Pull&Bear, Oysho, Stradivarius. Vi sono moltissimi negozi di abbigliamento sparsi in tutta la città ma il vero nodo nevralgico dello shopping è rappresentato dalla Gran Via e dalle strade adiacenti. Impossibile tornare a casa senza aver comprato qualcosa considerati i prezzi accessibili e lo stile molto vicino a quello italiano. Imperdibili anche i piccoli negozi indipendenti che vendono scarpe, maglie, jeans e accessori di buona qualità e a prezzi imbattibili. Attenzione solo ai negozi turistici di cui anche Madrid è piena.

Ristoranti e caffè

In Spagna non vi sono orari per mangiare e in particolare a Madrid. Vi capiterà di pranzare alle 17 e di cenare alle 23 e sarà tutto normale. I ristoranti hanno menu con piccoli assaggi ovvero tapas. Sbizzarritevi e ordinate il più possibile nel tentativo di provare tutto: non abbiate paura di passare dalla carne al pesce, per gli spagnoli è normale. Innaffiate ogni pasto di sangria e fate attenzione a un unico particolare ovvero la cipolla che gli spagnoli utilizzano abbondantemente e ovunque. La zona gay di Chueca è piena di ristoranti e locali dove si mangia benissimo quindi non è fondamentale spostarsi per la cena.

Una menzione a parte merita la Cioccolateria San Ginés dove potrete assaggiare i churros più buoni di Madrid, aperta anche dopo la discoteca

La vita gay

Un solo aggettivo per la vita gay a Madrid: meravigliosa. La città offre divertimento per tutti i gusti e per tutti i desideri. È possibile vivere la serata in strada, per locali fino all’alba, in discoteca e inoltre sono tantissimi gli after e i club di cruising per chi non fosse mai stanco. Il week end è sempre pieno di stranieri e gli spagnoli sanno essere socievoli, disponibili, si stringe facilmente amicizia. Il costo sia dei drink che per gli ingressi è bassissimo. Infine gli spagnoli di Madrid sono sexy e molto aperti verso gli stranieri, in tutti i sensi!

Ti suggeriamo anche  La sindaca di Barcellona, Ada Colau: "Ho amato una donna italiana"

Bar, caffè e discoteche gay

Chueca di notte diventa un’unica e grande discoteca a cielo aperto! Una festa che non finisce mai e si vive da un locale all’altro, passando da una stradina alla successiva. Il consiglio da dare è di vedere tutti i bar e viversi la strada senza focalizzarsi o fermarsi in un unico posto. Ogni locale ha le dark room e luoghi adibiti a incontri. Attenzione al bere: i cocktail non sono i nostri italiani quindi molte volte conviene andare di birra o di sangria. Tra le discoteche ricordiamo l’LL con spettacoli dal vivo di drag queen o ancora il famosissimo Ohm, la serata più amata dagli spagnoli e la meno turistica. Tra i locali vi è il Bears bar, imperdibile per gli amanti del genere.

Cruising & men only

Vi sono moltissimi locali e saune dedicate al cruising. Segnaliamo di seguito le migliori. Nel quartiere Lavapiés abbiamo il Madness, due piani di dark room e cabine, aperto anche di giorno. Poi l’Organic Men’s Club con eventi a tema e clientela e serate di ogni tipo (bear, leather, naked). Lo storico Leather Club nel cuore di chueca per chi ama questo genere di dress code. Infine segnaliamo il Copper in particolare per la domenica con il dress code underwear.

Consigli finali

Madrid è la città perfetta per un week end fuori con gli amici. Vi promette divertimento, notti folli, nuove amicizie, cibo buono, shopping sfrenato. Ma ciò che davvero Madrid regala la libertà, un qualcosa di indefinito, un sapore che si avverte nel modo di vivere, di divertirsi, di essere.

Resta sicuramente la voglia di tornare. Il prima possibile.

La nostra guida

La nostra guida è aggiornata all’autunno 2015. Qualora venisse aggiornata, questo paragrafo sarà cambiato.

Vuoi inviarci la tua guida gay ad una destinazione che conosci particolarmente bene? Inviala a redazione[@]gay.it, le migliori saranno retribuite e pubblicate