Boy scout perugino "punito" perché gay

di

Arcigay denuncia: "grave discriminare le persone sulla base delle loro caratteristiche ascritte". Lesa la dignità di Stefano. Questo è razzismo.

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
759 0
759 0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


PERUGIA – Arcigay esprime solidarietà a Stefano Bucaioni, il boy scout perugino dell’Ass. Italiana Guide e Scouts d’Europa Cattolici, "degradato" a causa del suo orientamento sessuale.

"Saremo vicini a Stefano – dichiara il presidente nazionale Arcigay, Sergio Lo Giudice – e lo sosterremo nella sua battaglia perché gli siano riconosciuti i suoi meriti di scout e pari dignità rispetto ai suoi coetanei eterosessuali.

Consideriamo grave discriminare qualcuno perché omosessuale e, quindi, sulla base di una caratteristica ascritta della sua personalità e della sua sessualità. Questo è un atteggiamento razzista."

Stefano è stato punito per la sua onestà e il suo senso di responsabilità: non solo non è stato promosso al ruolo di Capo Riparto, come inizialmente propostogli dalla stessa organizzazione, ma addirittura è stato rimosso dal ruolo di Aiuto Capo Branco.

"Ci chiediamo – continua Lo Giudice – se gli Scout d’Europa godano di finanziamenti pubblici".

La Carta Europea dei Diritti Fondamentali dell’Uomo vieta espressamente ogni discriminazione fondata sull’orientamento sessuale delle persone e la stessa Carta Costituzionale Italiana afferma come principio cardine l’uguaglianza e la pari dignità di tutti i cittadini, senza distinzione di sesso, razza … e di condizioni personali e sociali.

"La sua dignità di persona e stata sminuita – continua Lo Giudice – né sembra valere in questo caso il richiamo ad una generica coerenza con i valori morali dell’organizzazione scout: relazioni sessuali prematrimoniali (quale giovane capo scout non ha una fidanzata o un fidanzato?), anch’esse al di fuori della morale sessuale ufficiale della Chiesa Cattolica, non rappresentano infatti abituali motivi ostativi a ricoprire incarichi educativi nelle organizzazioni scout, anche in quelle d’ispirazione cattolica. Io stesso – osserva Lo Giudice – essendo stato ben otto anni negli scout so bene che non si tratta di un ambiente più estraneo all’omosessualità, di quanto sia il resto della società. L’impressione è che, in questo caso, ad essere colpita sia stata proprio la sincerità e l’assenza di ipocrisìa di Stefano".

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...