IVREA, CAPITALE GAY

di

Per un mese di eventi, tra cultura e nightlife

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
2069 0
2069 0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


IVREA. All’erta: ritorna ‘Ivrea la gaya’, la ricca rassegna di eventi culturali a tematica omosessuale che l’anno scorso ha riscosso grande successo rappresentando una novità assoluta nella zona del canavesano poichè in passato raramente in questo territorio pedemontano ci si era occupati di questioni gay-lesbiche.

A un anno di distanza le iniziative si allargano e si intensificano (durerà più di un mese, fino a mercoledì 17 aprile) e a guardare il programma vien da pensare che ‘Ivrea la gaya’ non abbia nulla da invidiare alle iniziative per la comunità omosessuale organizzate in centri urbani molto più grandi e meno isolati: proiezioni di film, presentazioni di libri, dibattiti e incontri su ricerche sociali, cinema e letteratura gay. E non mancheranno le feste grazie alle serate bisettimanali di ‘Nottalgia’ (il venerdì), le prime gay-friendly mai organizzate nel canavese, un appuntamento ormai cult per gli amanti del revival anni ’80 ai confini del camp, capace di riunire centinaia di persone che arrivano da ogni provincia del nord ovest.

«Allora neanche i più ottimisti tra noi immaginavano che un’iniziativa simile avrebbe incontrato il successo che IVREA LA GAYA ha conseguito lo scorso anno. Inoltre ‘NOTTALGIA’ ha offerto finalmente una risposta alla grande domanda di spazi aggregativi che evidentemente esisteva, diventando, nel contempo, una meta di riferimento anche per quel pubblico eterosessuale che ha voglia di una serata più divertente e ‘baraccona’ di quelle offerte dai tradizionali locali della nostra zona» ci dicono Andrea Benedino (Presidente del Consiglio Comunale di Ivrea e Portavoce Coordinamento Omosessuali DS) e Adriano Virone (festival gay di Torino ‘Da Sodoma a Hollywood’).

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...