Piemonte, l’assessora leghista Caucino vuole escludere le persone LGBTQIA+ dal sistema degli affidi familiari

"Quello delle coppie omogenitoriali è un modello che non vogliamo veicolare". "Io ho tanti amici gay per i quali mi batterò sempre, e che sono perfettamente d'accordo con me".

ascolta:
0:00
-
0:00
Piemonte, l'assessora leghista Caucino vuole escludere le persone LGBTQIA+ dal sistema degli affidi familiari - Chiara Caucino - Gay.it
Chiara Caucino e Matteo Salvini
3 min. di lettura

Biellese, avvocato e soprattutto assessore regionale all’Infanzia, Genitorialità, Famiglia, Casa, Animali, Pari opportunità della regione Piemonte, Chiara Caucino ha proposto delle modifiche al regolamento in materia di affido familiare dei minori, volte ad escludere le coppie e le famiglie LGBTQIA. A darne notizia, con sconcerto, il Coordinamento Torino Pride.

“Crediamo fermamente che un bambino che ha già subito dei traumi debba essere accolto da una mamma e da un papà. Solo loro possono garantirgli la stabilità necessaria”, ha detto Caucino a LaStampa, per poi aggiungere: “Quello delle coppie omogenitoriali è un modello che non vogliamo veicolare”.

Il Coordinamento Torino Pride ha parlato di “modifiche che dimostrano di non aver alcun interesse o rispetto del preminente diritto delle persone minori, ma atte solamente a fare becera campagna elettorale sulla pelle di bambine e bambini. Modifiche sulle quali non è mai stato avviato alcun confronto aperto a tutte le associazioni che si occupano del tema”.

Il sistema dell’affidamento familiare, va ricordato, è un processo temporaneo che può durare al massimo 24 mesi, atto ad assicurare a una persona minore salute e benessere psicofisico in assenza di una famiglia di origine pronta a farlo. Ecco perché risulta improprio parlare di “mamme e papà”, genitori che in questi casi nella maggioranza dei casi sono ancora in vita, spesso alla causa dei traumi in oggetto. Sono poco più di 12.800 i minori dati in affido ogni anno nel nostro Paese, secondo i dati forniti dal ministero delle Politiche sociali, con il 40% di loro che ha meno di dieci anni. Tutti questi bambini sono stati allontanati dal loro contesto familiare per situazioni di disagio fisico, psicologico o economico, tali da pregiudicare il loro percorso di crescita. Solo nel 5% dei casi il nucleo affidatario è rappresentato da coppie omosessuali. A Torino sono sette in totale, su 290 procedure.

L’esclusione delle persone LGBTQIA+ dal sistema degli affidi è una presa di posizione pregiudizievole e non suffragata da alcuna fonte scientifica: una scelta violenta e offensiva, nei modi e nelle parole, nei confronti di migliaia di persone che scelgono, con rispetto e delicatezza, di mettere a disposizione tempo, energie e denaro per la cura e il supporto a minori in cerca di aiuto“, hanno ribadito dal Coordinamento Torino Pride.

Ma lei, Caucino, ha ribadito a La Stampa. “Parliamo di bambine e di bambini che vengono da situazioni di alta fragilità affettiva. Io ho tanti amici gay per i quali mi batterò sempre, e che sono perfettamente d’accordo con me. Se poi ci saranno aperture nazionali sul tema le adotteremo”.

Duro il commento di Jacopo Rosatelli, assessore ai Diritti di Sinistra ecologista del Comune di Torino. “Nella revisione della delibera regionale che sta circolando dalla fine della scorsa settimana la Regione Piemonte neppure cita gay e famiglie omogenitoriali tra le figure che possono proporsi per l’affidamento dei minori. La legge non lo vieta e il Comune di Torino lo fa da molti anni. È un’offesa gravissima alla dignità dell’intera comunità Lgbtq+”.

La cosa incredibile è che nella delibera non vengono preclusi single o vedovi: “Ma quelle sono situazioni che un bambino può incontrare nella sua vita. È ben diverso da una coppia di due uomini o due donne. Non è quello il meccanismo di affidamento che vogliamo promuovere, e su questo hanno anche convenuto le associazioni e i servizi sociali che hanno partecipato al tavolo”, ha concluso Caucino.

La proposta di revisione del regolamento sull’affido dei minori proposta dall’assessora regionale alla famiglia Chiara Caucino ci provoca sconcerto e rabbia. – ha affermato il coordinatore del Torino Pride Luca MiniciCome al solito, c’è chi si disinteressa delle figlie e dei figli per poi usare il tema come clava elettorale al momento giusto. A farne le spese, come sempre, in primis le persone minori e, in secondo luogo, le persone LGBTQIA+, escluse e violate nella propria dignità. Troppo facile mascherarsi dietro l’indimostrata superiorità della famiglia tradizionale per nascondere la propria inadeguatezza politica nel rispondere ai bisogni delle famiglie, di qualsiasi composizione. Bambine e bambini hanno bisogno di persone che si prendano cura di loro, soprattutto quando attraversano momenti traumatici e di difficoltà: la capacità e l’adeguatezza delle famiglie affidatarie vanno giudicate nel merito, e non secondo preconcetti che non hanno più contatto con il mondo reale“.

Vogliamo ricordare che le situazioni fragili a cui si riferisce l’assessora sono state perpetrate all’interno di un nucleo composto da uomo e da una donna, quasi nella totalità dei casi – dichiara Margherita Anna Jannon, segretaria del Torino Pride e attivista di RGR-Rete Genitori Rainbow – Le famiglie omogenitoriali di prima e seconda costituzione esistono e vivono nella società senza tutele e garanzie sulle loro vite. Possono contare solamente sul loro amore e le loro relazioni, sulle associazioni e sulle persone che sanno guardare oltre a sesso e identità di genere per capire che “famiglia è chi famiglia FA”. Rimandiamo al mittente le violente parole usate dall’assessora e dall’intera giunta, artefice di questa scelta scellerata“.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
stefano belli 28.1.24 - 19:01

SONO STATE VOTATE, QUESTE PERSONE, QUINDI ABBIAMO QUELLO CHE CI MERITIAMO!!!

Avatar
Johnwhite 26.1.24 - 16:16

Si può essere sia celibi che nubili per ricevere un affido, ma è comunque una proposta di legge impensabile nel 2024. Cosa c'entrano i transgender?

Trending

Foto: SchiDechDaily

Parità di genere nella Preistoria? Le donne erano cacciatrici come gli uomini (e anche meglio!)

News - Redazione Milano 20.2.24
Amici 23, tutti gli allievi al Serale

Amici 23, da Dustin a Holden: tutti gli allievi al Serale

Culture - Luca Diana 25.2.24
I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming - film queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming

News - Federico Boni 26.2.24
John Cena è su Only Fans?

Ma John Cena è davvero su Only Fans?

Culture - Riccardo Conte 23.2.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri - Specchio 8 - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri

Culture - Redazione 23.2.24
Roberto Vannacci

Roberto Vannacci avrebbe truffato lo Stato secondo l’indagine della procura militare

News - Giuliano Federico 24.2.24

Continua a leggere

Monza, consiglio comunale - La protesta durante la bocciatura della mozione "Caro Sindaco, trascrivi"

“A Monza il sindaco del PD ha abbandonato le famiglie omogenitoriali, serve un coraggio radicale”

News - Giuliano Federico 15.12.23
Buone notizie Italia 2022 Gay.it

Corte di Appello di Brescia: i figli hanno il diritto a vedere riconosciuti entrambi i genitori

News - Redazione 9.2.24
Presto ospite di Drag Race Italia 3, Tiziano Ferro in spiaggia con i figli schiaccia i dolori imprevisti della vita - Tiziano Ferro - Gay.it

Presto ospite di Drag Race Italia 3, Tiziano Ferro in spiaggia con i figli schiaccia i dolori imprevisti della vita

Culture - Redazione 18.10.23
educazione affettiva educazione sessuale

Educazione sessuale nelle scuole “nefandezza” per la Lega, ma la destra si spacca

News - Redazione Milano 27.10.23
alessia-crocini-paolo-mieli-nichi-vendola-gpa

“Parole di Paolo Mieli vergognose”, la reazione di Alessia Crocini dopo l’attacco a Vendola

News - Francesca Di Feo 28.11.23
mammeamodonostro-intervista

Il viaggio di Giada e Iris continua: benvenuto Giulio, il fiore più bello sbocciato nelle avversità

News - Francesca Di Feo 7.2.24
torino i genitori non accettano l'omosessualità lui tenta il suicidio

Nichelino, coppia gay perseguitata dopo l’unione civile

News - Redazione 22.11.23
tdor-2023-torino

TDOR Torino 2023: “Marciamo per noi stessə, per chi non può farlo e per chi non c’è più”

News - Francesca Di Feo 13.11.23