Milano Pride, Scalfarotto sul patrocinio negato dalla Regione: “Cadono le braccia”

di

"Milano è la città dell'accoglienza per eccellenza: quando il governo regionale si chiude, invece, danneggia se stesso".

971 0

Interpellato a margine di un convegno sulla Manifattura 4.0 al Politecnico di Milano, Ivan Scalfarotto ha detto la sua nelle scorse ore sul patrocinio negato dalla Regione Lombardia (con a capo Roberto Maroni) al Milano Pride in programma per sabato 24 giugno.

Cosa dire? Cadono le braccia. Milano è la capitale dell’inclusione in Italia e chi dice il contrario nega la realtà e prende una posizione che è destinata a sicura sconfitta”. Il sottosegretario allo Sviluppo economico, primo membro del governo italiano a essersi unito civilmente con il compagno, incalza: “Milano ha dimostrato in più di un’occasione di essere la città dell’apertura e del rispetto reciproco. Ogni volta che il governo regionale lombardo si chiude, invece, le conseguenze anche economiche ricadono sulla Regione stessa”.

Il rammarico è evidente, ma il messaggio che Scalfarotto invia è chiaro: “Il talento che noi accogliamo a Milano e in Lombardia proviene da tutti i colori, gli orientamenti sessuali, le abilità e disabilità, le età e le religioni. Dobbiamo essere aperti a tutti e dare sempre un messaggio: a Milano e in Lombardia chiunque è benvenuto, rispettato e incluso”.

Leggi   Costumi da bagno, i migliori dell'estate 2017
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...