video hot gallery forum annunci guida mgi14 incontri CHAT! G&T WEBSERIE
TEMI: Omofobia Unioni - Matrimoni gay Gossip Transgender Bonazzi Giovani Cinema Gay Pride

La Russa, Lombardia boccia censura dichiarazioni omofobe


  La Russa, Lombardia boccia censura dichiarazioni omofobe

Lega e Pdl tornano alleate in Consiglio regionale della Lombardia per respingere una mozione dell'Idv che voleva la censura del deputato Pdl che aveva detto come dall'omosessualità si possa guarire.

Il Consiglio regionale della Lombardia ha respinto, con 38 voti, una

mozione di censura all'assessore Romano La Russa per le sue dichiarazioni sul tema dell'omosessualità. Ai microfoni de La Zanzara, infatti, aveva definito l'omosessualità una malattia dalla quale si può guarire portando a riprova di questo il fatto che anche Povia avesse scritto una canzone in merito (ascolta).



"Le affermazioni dell'Assessore, personalità pubblica in un contesto pubblico, sono omofobe - ha spiegato Stefano Zamponi (IdV), primo
firmatario della mozione - e come tali lesive dei diritti personali e discriminatorie. Prefigurano un comportamento ingiurioso, inopportuno e intollerante, contrastano con la Carta di Nizza dei Diritti Fondamentali dell'Unione Europea e appaiono particolarmente meschine alla luce del messaggio del Presidente della Repubblica Napolitano pronunciate nella Giornata mondiale contro l'omofobia. E' in gioco il rispetto di principi fondamentali".



"Questa - ha detto La Russa - è l'ennesima dimostrazione di come si può interpretare un discorso, estrapolando solo qualche parola e costruendo una verità secondo il proprio comodo (ascolta le dichiarazioni di La Russa). Sono state infatti riprese mie frasi stralciando quanto ho detto all'inizio della trasmissione". La Russa ha chiarito il suo pensiero affermando la propria tolleranza verso ogni tipo di tendenza sessuale e, d'altro canto, il suo "non gradimento" per l'ostentazione della propria sessualità (sia essa omo o eterosessuale) "che in certi gruppi culturali assume toni di pressione e può urtare la sensibilità di chi si annovera fra i moderati". Entrando nel merito La Russa ha ricordato che esistono correnti di pensiero scientifico contrastanti riguardo l'omosessualità e alcune di queste non escludono che possa essere considerata una "specie di disordine" da cui è possibile uscire con un percorso di cura. "L'Aula può censurare le mie parole, ma non il mio pensiero", ha concluso l'assessore.



Secondo il vicepresidente del PD Ivan Scalfarotto, "La Russa, oltre a non ritenere doverose le scuse alla comunità lgbt, riesce a ricompattare la Lega e il PDL proprio sulla questione 'immorale' che ormai imperversa nella politica del centrodestra lombardo". "Esibizionista e patologico - continua il vicepresidente Pd - è l'imbarazzante tentativo di replica dell'Assessore La Russa oggi in Aula. Le parole pronunciate ci confermano una destra malandata, indecente e priva della capacità di cogliere l'occasione di ripristinare quel minimo di dignità e moralità ormai infangata in ogni modo dai suoi rappresentanti".

Gli ultimi interventi su questo argomento da Facebook:

Gli ultimi interventi su questo argomento dal Forum:

Nessun commento ancora, scrivi tu per primo!
Stefanostarroad

Stefanostarroad

31 anni

Parma

sessorale

sessorale

41 anni

Santhià

enrico

enrico

37 anni

Pisa

truexx

truexx

30 anni

Civitavecchia

gb90

gb90

26 anni

Lugano

valee

valee

25 anni

Lecce

turtle86

turtle86

28 anni

Vigevano

angelosenzali

angelosenzali

51 anni

Brindisi

italianboy90

italianboy90

23 anni

adriano82

adriano82

32 anni

Cernusco sul Naviglio

Giu_82

Giu_82

32 anni

Palermo

Gianny89

Gianny89

25 anni

Nocera Inferiore

lubis

lubis

54 anni

Cantello