Uganda, torture aberranti verso lǝ detenutǝ LGBTQIA+: sanzioni dagli USA

Johnson Byabashaija, a capo dei servizi carcerari, avrebbe istituito un vero e proprio regime del terrore all’interno degli istituti penitenziari Ugandesi.

ascolta:
0:00
-
0:00
uganda-carceri-torture-detenut-lgbtqia
Johnson Byabashaija, a capo dei servizi carcerari ugandesi
2 min. di lettura

Venerdì scorso, il Dipartimento del Tesoro statunitense ha emesso pesanti sanzioni nei confronti dell’Uganda, in particolare verso Johnson Byabashaija, a capo dei servizi carcerari nazionali.  Tra queste, il divieto di ingresso nel paese e il divieto di rapporti finanziari con cittadinǝ o aziende statunitensi.

L’accusa, quella di aver istituito un vero e proprio regime del terrore all’interno degli istituti penitenziari Ugandesi, definito “l’inferno in terra” per detenutǝ LGBTQIA+ – che qui rischiano la pena di morte – e dissidenti politicǝ.

Una misura che arriva immediatamente dopo le restrizioni applicate sui visti diplomatici degli ufficiali Ugandesi in ingresso negli Stati Uniti, conseguenza di un’operazione d’indagine sulla situazione dei diritti umani e delle comunità vulnerabili nel paese africano – in procinto di approvare uno dei disegni di legge più omobitransfobici mai ideati. 

Secondo quanto riportato nei comunicati governativi, dal suo insediamento come Direttore del Sistema Carcerario Ugandese nel 2005, Byabashaija avrebbe fatto di torture, abusi e violazioni dei diritti umani un protocollo standard all’interno delle prigioni diffuse su tutto il paese, con una ferocia particolare nei confronti delle minoranze già oppresse dal governo.

Alcunǝ prigionierǝ hanno riferito al quotidiano online The East African di essere stati torturati e picchiati durante tutto il loro periodo di detenzione, con un sadismo e una freddezza tali da far sembrare che “la polizia penitenziaria fosse semplicemente istruita così“.

Ma le sorti peggiori sono toccate alla comunità LGBTQIA+ e allǝ dissidenti politicǝ: tra pestaggi, digiuni forzati e condizioni igieniche pietose, in moltǝ venivano trattenutǝ per lunghissimi periodi senza poter avere accesso a consulenze legali.

In un caso risalente solo al 2020, un intero gruppo di persone LGBTQIA+ arrestate in circostanze ancora poco chiare, fu detenuto per mesi, e per mesi non ebbe accesso a nessuna assistenza legale, né da parte di associazioni che si occupano di diritti umani.

Durante la prigionia, un detenuto ha raccontato di aver subito perquisizioni corporali invasive e ustioni causate volontariamente dalla polizia penitenziaria.

Ad oggi, l’equilibrio tra Africa e Occidente non è mai stato più labile. Sul piatto della bilancia, i diritti umani. Di pochi giorni fa, la bufera sull’ U-ACP Agreement, accordo tra l’Unione e il Gruppo degli Stati dell’Africa, dei Caraibi e del Pacifico (ACP), che l’Africa intende boicottare, accusando l’UE di voler imporre la propria posizione in ambito di diritti sociali e civili.

La questione LGBTQIA+ è un indicatore tanto esplicativo quanto fondamentale in quest’ambito – con le autocrazie africane che accusano i movimenti per i diritti sociali di rientrare in quell’atteggiamento di arroganza occidentale, pronto a sfruttare le minoranze per ergersi sopra i paesi sottosviluppati.

Atteggiamento fulcro di un’escalation di violenza e repressione nei confronti della comunità, che però si estende anche su altri ambiti.

Nel rapporto del Dipartimento del Tesoro, si parla infatti di paesi sull’orlo di guerre civili, con un sindaco della Liberia a capo di organizzazioni paramilitari, di reclutamento di bambini soldato in Congo, e di una popolazione allo stremo che non può fare altro che cedere alle promesse di governi il cui unico obiettivo è il controllo assoluto.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Andrea Bossi con la sua amica Serena - foto dal canale TikTok pubblico di Serena

Andrea Bossi, l’omicidio di un ragazzo queer, ucciso soltanto per un pugno di gioielli?

News - Giuliano Federico 2.3.24
Federico Massaro, Grande Fratello

Grande Fratello, il messaggio di Federico Massaro per il fratello transgender

Culture - Luca Diana 29.2.24
discorso-d-odio-politici-europei

Discorso d’odio anti-LGBTQIA+ in crescita nelle aule istituzionali europee: “I diritti umani sono in discussione”

News - Francesca Di Feo 1.3.24
Ghana legge anti LGBTI approvata dal parlamento

Ghana, il parlamento approva la legge anti-LGBTI, il Presidente Akufo-Addo firmerà?

News - Giuliano Federico 28.2.24
Francesco Panarella

Francesco Panarella e il morbo di Kienbock: “Recitare mi ha salvato la testa”

Culture - Luca Diana 28.2.24
Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: "Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche" - Mary e George cover - Gay.it

Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: “Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche”

Serie Tv - Federico Boni 1.3.24

Continua a leggere

Ambrogino d'Oro 2023 a Pucci, autore di battute omofobe su Zorzi e insulti a Schlein. Albiani: "È una porcata" - andrea pucci - Gay.it

Ambrogino d’Oro 2023 a Pucci, autore di battute omofobe su Zorzi e insulti a Schlein. Albiani: “È una porcata”

News - Federico Boni 16.11.23
united4diversity-bruxelles

A Bruxelles “United4Diversity” contro populisti, anti-gender e anti-LGBTQIA+: la tre giorni organizzata da Forbidden Colours

News - Francesca Di Feo 3.10.23
Chiara Francini voce del podcast Refuge: "Alla ministra Roccella dico di ascoltare le storie di omobitransfobia" - INTERVISTA - chiara francini 2 - Gay.it

Chiara Francini voce del podcast Refuge: “Alla ministra Roccella dico di ascoltare le storie di omobitransfobia” – INTERVISTA

News - Federico Boni 10.11.23
dritto e rovescio

Questi uomini non sono mostri, ma figli del patriarcato: le parole di Elena Cecchettin

News - Riccardo Conte 20.11.23
sex-worker-trans-argentina-rifugiata

Donna argentina, trans, sex worker: questa storia ci spiega perché dobbiamo tutelarla

News - Francesca Di Feo 28.10.23
sondrio-manifesti-provita

Sondrio, anche qui spuntano i manifesti ProVita: “Basta confondere l’identità sessuale dei bambini”

News - Francesca Di Feo 11.12.23
mike-johnson-impero-romano

USA, l’impero romano è caduto a causa degli omosessuali secondo lo speaker della Camera Mike Johnson

News - Francesca Di Feo 3.11.23
Taylor Fritz, accuse di omofobia social. Cosa è successo e la replica del tennista - Taylor Fritz 1 - Gay.it

Taylor Fritz, accuse di omofobia social. Cosa è successo e la replica del tennista

Corpi - Redazione 21.2.24