Dentro Fratelli d’Italia se sei omofobo fai carriera: la storia di Alessio Butti

Della comunità LGBTQIA+ scrisse: "Vergogna perenne per chi li ha messi al mondo, imbarazzo per chi li frequenta, fonte di laido guadagno per chi dispensa loro coccole”.

ascolta:
0:00
-
0:00
reintegrato-coordinatore-cittadino-fdi-omofobo
2 min. di lettura

Quando si parla di omofobia istituzionale, non si tratta di un eufemismo. Se mesi di attacchi indiscriminati a famiglie arcobaleno, carriere alias, il picco di aggressioni e abusi a sfondo omobitransofico di quest’anno non bastassero a dimostrarlo, forse ci penserà la vicenda che coinvolge Alessio Butti, coordinatore cittadino FDI di Arquata Scrivia.

Non molto tempo fa, l’esponente piemontese del primo partito italiano espresse – con un post su Facebook – una posizione netta in materia di comunità LGBTQIA+, trasudante di una retorica d’odio indifendibile, al di là dello schieramento politico.

Non sono minimamente sensibile alle menate lgbt, agli appelli contro l’omofobia e altre amenità, che una certa cultura vuole imporci” – scrive Buratti – “I pederasti possono sgranare rosari a raffica, ottenere anche valanghe di voti, ma restano dei reietti, soggetti da cui girare alla larga, per il loro stile di vita e per l’intimità malvagia di cui questo genere di persone sono capaci.

Vergogna perenne per chi li ha messi al mondo, imbarazzo per chi li frequenta, fonte di laido guadagno per chi dispensa loro “coccole”, come amano definire le prestazioni omoerotiche che acquistano: i loro insulti sono un onore per tutte le persone per bene!”.

Quando Ivan Scalfarotto, deputato di Italia Viva, chiese alla premier se tali dichiarazioni riflettessero le idee di FDI, il partito inizialmente prese le distanze. Un mezzo scandalo presto spazzato sotto il tappeto: Butti fu sospeso anche dallo staff del deputato piemontese Enzo Amich, con cui collaborava, almeno fino a quando le acque si fossero calmante.

Dopo soli sei mesi, il reintegro e la scalata: un omofobo conclamato è oggi nel direttivo provinciale di Alessandria, di cui è presidente l’attuale sindaco di Casal Monferrato, Federico Riboldi. Un tempo di allontanamento relativamente breve se si considera la gravità di uno sproloquio simile in bocca a un rappresentante di partito.

Nessun comunicato di scuse necessario, solo una stagione di eliminazione. Più che una punizione, una manovra simile appare più di una strategia di damage control che il partito di Giorgia Meloni si è trovato costretto ad adottare quando uno dei suoi ha sforato leggermente il limite massimo di retoriche d’odio consentite.

Perché non dimentichiamoci che l’omofobia istituzionale raramente si manifesta in maniera così chiara. Solitamente, è la ministra Roccella che rifiuta di riconoscere le famiglie omogenitoriali, nascondendosi dietro ai discorsi triti e ritriti sulle compravendite di bambini, il ministro Salvini che propone di candidare il generale Vannacci alle elezioni europee, la nostra stessa premier che vola a parlare di “Dio e famiglia” nell’Ungheria di Orban, che ha appena cancellato il diritto di autodeterminazione per le persone transgender.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Ghana legge anti LGBTI approvata dal parlamento

Ghana, il parlamento approva la legge anti-LGBTI, il Presidente Akufo-Addo firmerà?

News - Giuliano Federico 28.2.24
Cannes 2024, Xavier Dolan presidente di giuria Un Certain Regard - Xavier Dolan - Gay.it

Cannes 2024, Xavier Dolan presidente di giuria Un Certain Regard

News - Federico Boni 1.3.24
Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: "Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche" - Mary e George cover - Gay.it

Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: “Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche”

Serie Tv - Federico Boni 1.3.24
Andrea Bossi con la sua amica Serena - foto dal canale TikTok pubblico di Serena

Andrea Bossi, l’omicidio di un ragazzo queer, ucciso soltanto per un pugno di gioielli?

News - Giuliano Federico 2.3.24
Rooy Charlie Lana

Vergognarsi e spogliarsi lo stesso: intervista con Rooy Charlie Lana, tra desiderio e non binarismo

Culture - Riccardo Conte 29.2.24
Federico Massaro, Grande Fratello

Grande Fratello, il messaggio di Federico Massaro per il fratello transgender

Culture - Luca Diana 29.2.24

Continua a leggere

Roma, via libera del Comune a finanziamenti per sportelli d'ascolto e centri antidiscriminazione LGBTQIA+ - roma - Gay.it

Roma, via libera del Comune a finanziamenti per sportelli d’ascolto e centri antidiscriminazione LGBTQIA+

News - Redazione 19.12.23
L’eurodeputata leghista Basso contro i manifesti pro famiglie arcobaleno di Ravenna: "Chiederò spiegazioni a Bruxelles" - Leurodeputata leghista Basso - Gay.it

L’eurodeputata leghista Basso contro i manifesti pro famiglie arcobaleno di Ravenna: “Chiederò spiegazioni a Bruxelles”

News - Redazione 8.1.24
grassina bullismo omofobia

Firenze, lo insultano e gli lanciano una bottiglia perché gay

News - Lorenzo Ottanelli 6.9.23
uganda uomo arrestato

Picco di arresti e procedimenti giudiziari contro le persone LGBTQIA+ nel 2023

News - Federico Boni 1.12.23
turchia spot lgbtiq erdogan

Turchia, minacce di morte per lo spot contro l’omobitransfobia, che è stupendo – VIDEO

News - Redazione 29.9.23
Bruno Vespa in difesa della pesca di Esselunga attacca la comunità LGBTQIA+ e le famiglie arcobaleno. È polemica - Bruno Vespa in difesa della pesca di Esselunga attacca la comunita LGBTQIA e le famiglie arcobaleno - Gay.it

Bruno Vespa in difesa della pesca di Esselunga attacca la comunità LGBTQIA+ e le famiglie arcobaleno. È polemica

News - Redazione 2.10.23
attivista-politica-trans-uccisa-messico

Messico: uccisa a colpi di pistola la politica e attivista trans pronta a candidarsi al Senato

News - Francesca Di Feo 16.1.24
Pro Vita, nuovi aberranti manifesti contro la carriera alias a Roma: "Basta confondere l'identità sessuale dei bambini" - Pro Vita nuovi aberranti manifesti contro la carriera alias a Roma - Gay.it

Pro Vita, nuovi aberranti manifesti contro la carriera alias a Roma: “Basta confondere l’identità sessuale dei bambini”

News - Redazione 22.11.23