Concorrenti lgbt al GF, nessuno si dichiara. Eppure…

di

Tutti presentati al pubblico come eterosesuali, alcuni dei 17 concorrenti della casa del Grande Fratello hanno chi lì fuori giura di averli conosciuti e anche di più. Come...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
1658 0

Oltre al rugbista dal fisico mozzafiato Rudolf Mernone e al modello di Bikkembergs Mario Ermito, ci sono anche altri concorrenti che oggi fanno parlare di sé. Si tratta dei concorrenti chiaccherati per presunte storie lgbt. Tre, nello specifico, sono protagonisti di questo tripo di gossip: Luca di Tolla, di Eboli, biologo e modello, che si dice essere gay; Gaia Elide Bruschini, che nel 2010 è stata eletta "Miss lesbica Roma" e Danilo Novelli.

Di quest’ultimo, barese, 22 anni, è arrivata a Gay.it la testimonianza di Lorenzo Pantaleo, organizzatore di eventi e amico di Danilo da tempo. "Sta con Manila Gorio", ci racconta Lorenzo facendo riferimento alla trans molto nota in Puglia per la sua agenzia di spettacolo che riunisce proprio molti ex gieffini. "Si sono conosciuti alla fine di una sfilata che avevo organizzato. Da lì è stato colpo di fulmine. Poi però lui ha messo al primo posto lo spettacolo e come si sa dichiarare di stare con una transessuale potrebbe portare dei problemi in quel mondo lì". "La domenica mattina – continua il racconto di Lorenzo – Danilo prendeva la moto e portava a Manila le paste per colazione. E’ un ragazzo molto dolce".

Capitolo a parte per Gaia Elide Bruschini. Nonostante Alessia Marcuzzi abbia descritto nei dettagli il passato della giovane romana, nelle citazioni "da curriculum" sembra non esserci stato posto per la vittoria della fascia di "Miss Lesbica Roma 2010", l’omonimo concorso che si tenne nella gay street l’anno scorso. "Conosco bene Gaia, è una cara amica sin dal giorno della nostra elezione – dice il Mister Gay Europe Giulio Spatola che con lei vinse la parte riservata ai ragazzi nello

stesso concorso – Non occorre che sia io a dirvi che Gaia è 100% omosessuale, altrimenti perché partecipare ad un concorso come quello? Abbiamo partecipato entrambi al Gay Pride Nazionale di Napoli e condiviso esperienze di attivismo lgbt. Quanto al coming out, penso che abbia fatto le sue scelte anche se spero che sarà lei stessa a farlo con gli altri concorrenti al massimo entro la settimana, non più tardi"

Poi c’è Luca Di Tolle, da non confondere con quel Luca Di Tolve protagonista di Luca era gay e che dichiara essersi convertito all’eterosessualità. "Lo conosco bene – ci racconta una fonte – ed è gay al 110%. Abbiamo anche fatto il provino insieme. In generale, Luca è conosciuto dal pubblico gay romano perché viene sempre a ballare nei locali della città e non passa certo inosservato". Oltre a numerose apparizioni televisive tra cui una come "Mara boy" per Domenica In e a Uomini e Donne, nel curriculum del modello si leggono sfilate per Andrew MacKanzie e David Mayer, oltre ad essere comparso sulla rivista Refresh. Si vocifera di una sua amicizia con Valerio Pino. Nulla di confermato, al momento.

Restano alcune domande: perché nessuno dei tre si è dichiarato omosessuale? Perché la redazione non ha fatto entrare concorrenti rappresentanti dichiarati del mondo lgbt? Sono state fatte richieste in questo senso dagli autori ai concorrenti?

di Daniele Nardini

Leggi   Portogallo, approvata nuova legge che amplia i diritti delle persone transgender
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...