“Anna Clara in estate”: quando le convenzioni sociali hanno la meglio

di

Storia di due donne, della loro lunga relazione e dell'apparente accettazione familiare.

9320 0

La Graphe.it edizioni ha presentato per l’estate ePink , una collana di narrativa digitale scritta e diretta alle donne. La collana intende affrontare il mondo delle donne al di là degli stereotipi e i testi accettati devono “essere scritti da donne, biologicamente nate tali o che si percepiscono donne in base alla propria identità di genere”.

Sono da poco stati pubblicati i primi due titoli: il primo di Susanna Trossero dal titolo “Un lunedì senza ombrello” e il secondo “Anna Clara in estate” scritto da Giulia Greco. Noi ci siamo focalizzati su “Anna Clara in estate” di Giulia Greco. 

L’eBook racconta la storia di Anna Clara, appunto, e della sua compagna Sandra. Dopo otto anni di una relazione stabile e apparentemente felice, Anna Clara comincia a sospettare che qualcosa non vada nella sua storia d’amore. I commenti insinuanti di sua madre e delle persone che incontra in un giorno spensierato la portano a riconsiderare le differenze tra lei e Sandra, i comportamenti ambigui delle loro madri, l’ex della sua compagna sempre troppo presente nei racconti e nella vita di famiglia.

Quanto possono aver inciso tutte queste persone nella costruzione del loro rapporto? Quanto può aver retto la fragilità di Sandra alle pressioni sociali?

Il racconto affronta le difficoltà e le “revisioni” a cui vanno incontro anche molte coppie etero. Tuttavia ciò che qui lavora all’interno della coppia non è, come ci si aspetterebbe, l’atteggiamento omofobo delle famiglie, ma il tentativo delle famiglie e della coppia di far finta che tutto vada bene, che non ci siano, in un contesto come quello italiano, sottintesi e pressioni da affrontare e risolvere.

«Scendendo dall’autobus, Anna Clara si guardò intorno, aspettandosi che Sandra fosse lì in virtù della telepatia data dal vero amore. Non sarebbe bello intendersi così, senza parlare, senza doversi spiegare, prendere appuntamenti, mandarsi messaggi o email? Una sorta di teletrasporto dei pensieri. Forse no, meglio di no. Non vorrei conoscere tutti i pensieri di Sandra. Non voglio conoscere neanche tutti i miei di pensieri.»

Giulia Greco

Anna Clara in estate

Graphe.it edizioni, 2014

eBook multiformato

euro 1,49

di Giovanni Martino

Leggi   Yang Shi: "La mia strana storia gay, made in China"
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...