Rubriche

Le relazioni e il sesso come territorio ambiguo: “Di me non sai”, intervista a Raffaele Cataldo

Amare, sparire, cercarsi e non trovarsi: "Di me non sai", il romanzo d’esordio di Raffaele Cataldo, racconta le relazioni e il sesso come territorio ambiguo. I suoi protagonisti amano senza parlarsi, senza conoscersi, poi scappano. Lo abbiamo intervistato.

Le relazioni e il sesso come territorio ambiguo: "Di me non sai", intervista a Raffaele Cataldo - Sessp 41 - Gay.it
ascolta:
0:00
-
0:00

Quello di Raffaele Cataldo è un esordio davvero interessante. Di me non saiuscito a gennaio per Accento, racconta una storia che dimora su un territorio sdrucciolevole; quello delle relazione che faticano a darsi un nome. Lucio, Davide e Lorenzo – i tre protagonisti – a parti alterne, si inseguono, si trovano ma non si afferrano, e poi scappano. Ecco, Di me non sai è soprattutto un testo di sparizioni e innamoramenti, di ossessioni e inseguimenti, di lutti impossibili da elaborare e di antidoti al dolore.

Davide si innamora di Lorenzo, ma Lorenzo non sa cosa farsene di quell’amore, non sa come si aprano le braccia per riceverlo. Allora, le braccia le chiude, le usa per nascondersi, per portarsi via. Così, Davide rimane a braccia aperte e deve capire cosa farsene di quell’amore. Dove appoggiarlo, a chi darlo. Per questo, si sbriciola in giro. Cerca negli altri l’ombra di Lorenzo, rincorre il suo paradiso, un paradiso perduto. Nella rincorsa, infine, si schianta contro Lucio, che non ha ancora ben capito come si possa amare sul serio, oltre gli schermi. Di fronte a Lucio, questa volta, sarà Davide a scappare.

Abbiamo intervistato Raffaele Cataldo, l’autore.

Le relazioni e il sesso come territorio ambiguo: "Di me non sai", intervista a Raffaele Cataldo - Raffaele Cataldo fattitaliani - Gay.it
Raffaele Cataldo, autore di “Di me non sai”

Raffaele, parliamo di sesso: strumento di conoscenza e campo di battaglia.

Il sesso è un linguaggio: i miei personaggi hanno un modo di comunicare che è molto goffo. Tacciono molto di sé, mentono per il gusto di farlo, non dicono esattamente quello che vogliono dire.

Parlano facendo sesso, quindi?

Sì, ma il sesso è un linguaggio sempre manchevole, non è esaustivo. C’è sempre qualcosa che si perde nella traduzione, c’è sempre un fraintendimento. E là dove non c’è chiarezza, c’è sofferenza.

È un inganno, il sesso. Promette solo paradisi, ma a volte nasconde insidie.

È un equivoco. Lucio e Davide pensano che vedersi nudi possa essere una scorciatoia verso l’intimità più profonda, ma non è scontato.

Qualche giorno fa, una scrittrice mi ha detto che l’amore è una forma ininterrotta di conversazione. Eppure, i tuoi protagonisti amano nel silenzio. Si può amare davvero pur nascondendosi?

Quando si ama, la persona amata è sempre un interlocutore. Anche in assenza, o a distanza, nella nostra testa continuiamo a parlare con quella persona. Guardiamo il mondo anche con i suoi occhi. Quindi sì, l’amore è una forma di conversazione, ma il dialogo deve essere autentico, concreto.

Cioè?

La comunicazione dev’essere più sincera, più onesta, più esplicita. I miei personaggi se ne accorgono troppo tardi. Se se ne fossero accorti prima, avrebbero sofferto meno. Ci sono molte cose che vorrebbero chiedere all’altro, ma hanno paura della risposta e allora ci girano intorno. Utilizzano un linguaggio obliquo, non centrano mai davvero il punto. È questo il dramma: non sanno comunicare, in questo sono molto codardi anche.

Pauline Boss, una psicoterapeuta, parla di perdita ambigua: non un autentico lutto, ma l’assenza di certezza sulla presenza dell’altra persona. Il tuo romanzo è costellato di perdite ambigue: tutti, nelle relazioni, sono evanescenti. Un momento ci sono e il momento successivo non ci sono più. Tutti scappano. Da cosa?

Questa domanda è proprio il motore del romanzo. È un mistero. Ho scelto come esergo un paio di versi di Marina Cvetaeva, che immagina di parlare a qualcuno che cammina sulla sua tomba. Nel romanzo non ci sono lutti concreti, non ci sono tombe né corpi a cui tornare. Ci sono, però, queste assenze ambigue, che rendono ancora più difficile l’elaborazione. Davide, per esempio, per elaborare l’assenza di Lorenzo si getta nel sesso occasionale. Si abbandona ai corpi di altri uomini . Se manca una tomba, tutto il mondo è una tomba. Quelli che rimangono sono infestati da quella assenza.

Chi rimane, tra l’altro, continua a essere innamorato di chi è andato. Perché ci si innamora dei fantasmi?

Amare un fantasma è comodo, permette di non mettersi davvero in gioco. È una sofferenza addomesticabile: sappiamo che un fantasma è un fantasma, che non possiamo raggiungerlo davvero. A volte, come canta Carmen Consoli, ci si sente a proprio agio nel dolore al punto da evitare di cercare la felicità. La felicità fa paura.

Amazon.it: Di me non sai - Cataldo, Raffaele - Libri

A proposito di andare e sparire, un capitolo del romanzo si intitola: «Un posto in cui tornare». A cosa tornano i tuoi personaggi?

Tornano ai luoghi originari, alla campagna pugliese che di giorno è il teatro della rispettabilità, del contadino che lavora la terra, e di notte invece è il palcoscenico della clandestinità. Soprattutto, la campagna nel romanzo è il luogo dell’amore, è un paradiso perduto. È lì che Davide e Lorenzo hanno consumato il loro amore. È lì che Davide torna, quando Lorenzo scompare. Torna a un linguaggio vegetale, che si fa umano. Ritrova nel contatto con la natura qualcosa di quell’amore che è andato perduto. È un ritorno verso l’idillio.

Fa qualcosa di simile anche Lucio.

Sì, Lucio idealizza Davide e lo paragona al mare, ancora una volta alla natura. Al tempo stesso, cerca Davide sullo schermo del computer, nella pornografia. Davide diventa un modello che entra ed esce dallo schermo per avverare le sue fantasie.

Davide torna alla dimensione agreste, Lucio si richiude nel suo immaginario pornografico. Tu dove torni quando hai bisogno di scappare?

A casa. Io abito a Torino da dieci anni quasi, ma sono originario della Puglia. Ho chiamato il paese del romanzo Scappagrano, perché volevo rendere l’idea di un posto da cui fuggire, del desiderio che hanno i ventenni di provincia di andare lontano. Oggi ho voglia di tornare alle mie origini. Questo romanzo è un ritorno alle mie prime scoperte, ai luoghi in cui sono nato e cresciuto.

Per un libro di assenze hai scelto una lingua piena, straripante, una lingua poetica e vivissima. Come ci hai lavorato?

Ho voluto tradurre le sensazioni dei miei personaggi anche attraverso il paesaggio: ecco perché la mia lingua si sofferma sui dettagli vegetali, botanici. Il paesaggio è un protagonista vero e proprio. Volevo che la mia lingua dirottasse l’attenzione verso ciò che non vediamo, verso ciò che sta ai margini, come le erbe spontanee, per esempio. Avevo due paure mentre scrivevo: quella di sembrare voyeuristico, scabroso senza motivo e quella opposta. Temevo, cioè, che la mia storia potesse sembrare troppo sdolcinata, troppo melò. Allora, mentre mi trovavo lì tra Scilla e Cariddi, tra questi due grandi spauracchi, ho deciso di usare il linguaggio in questo modo. La ricerca linguistica mi ha aiutato a equilibrare i miei timori.

Tutto è nato da una poesia, sbaglio?

Sì, ho fatto un po’ di auto-archeologia. Ho riscoperto una mia vecchia poesia, che già riassumeva in nuce tutta la storia. Molte metafore, molte immagini proprie della poesia, sono confluite nel romanzo. La poesia è stata un laboratorio. Mi ha permesso di entrare in contatto con i miei personaggi.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Il matrimonio del mio migliore amico (1997)

Il tuo fruity boyfriend non ti salverà

Lifestyle - Riccardo Conte 12.7.24
Gabriel Attal Jordan Bardella Gay.it TikTok

È virale la storia d’amore tra Jordan Bardella e Gabriel Attal inventata su TikTok durante le elezioni in Francia

Culture - Mandalina Di Biase 12.7.24
Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024 - queer lion story - Gay.it

Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024

Cinema - Federico Boni 12.7.24
Rita Pavone: "Detesto tutte le ostentazioni che sviliscono l’amore, i sederi all’aria al Pride non mi piacciono" - Rita Pavone - Gay.it

Rita Pavone: “Detesto tutte le ostentazioni che sviliscono l’amore, i sederi all’aria al Pride non mi piacciono”

Musica - Redazione 11.7.24
Chi era Goliarda Sapienza? - Matteo B Bianchi9 - Gay.it

Chi era Goliarda Sapienza?

Culture - Federico Colombo 10.7.24
Titti De Simone - Legge contro l'omobitransfobia in Puglia

Legge contro l’omobitransfobia in Puglia, una battaglia durata 8 anni – Intervista a Titti De Simone

News - Francesca Di Feo 12.7.24

Hai già letto
queste storie?

Sisters, arriva il libro autobiografico di Paola e Chiara Iezzi - Sisters arriva il libro biografico di Paola e Chiara Iezzi - Gay.it

Sisters, arriva il libro autobiografico di Paola e Chiara Iezzi

Culture - Redazione 7.2.24
Laura Pezzino - intervista

25 Aprile, Resistenza e Liberazione: “La libertà è un esercizio” – intervista a Laura Pezzino

Culture - Federico Colombo 24.4.24
Bradley Riches di Heartstopper annuncia il fidanzamento con Scott Johnston: "Ti amo immensamente" - heartstopper bradley riches engagement - Gay.it

Bradley Riches di Heartstopper annuncia il fidanzamento con Scott Johnston: “Ti amo immensamente”

Culture - Redazione 11.4.24
Michela Murgia, il queer, la famiglia, le relazioni, le madri, la GPA. Abbiamo letto "Dare la vita" - Sessp 21 - Gay.it

Michela Murgia, il queer, la famiglia, le relazioni, le madri, la GPA. Abbiamo letto “Dare la vita”

Culture - Federico Colombo 16.1.24
I prigionieri che indossano triangoli rosa sulle loro uniformi vengono fatti marciare all'aperto dalle guardie naziste a Sachsenhausen.

Il Giorno della Memoria: un’occasione per rompere il silenzio

Culture - Alessio Ponzio 24.1.24
Grande Fratello, Stefano Miele presenta il fidanzato Nicolò Rossi: "Buon primo anniversario" (FOTO) - Grande Fratello Stefano Miele presenta il fidanzato Nicolo Rossi - Gay.it

Grande Fratello, Stefano Miele presenta il fidanzato Nicolò Rossi: “Buon primo anniversario” (FOTO)

Culture - Redazione 5.3.24
Celeste e Giulio nuova coppia di campioni di 100% Italia - Celeste e Giulio nuova coppia di campioni di 100 Italia foto - Gay.it

Celeste e Giulio nuova coppia di campioni di 100% Italia

Culture - Redazione 5.3.24
Libri LGBTI aprile 2024

Marinai e cowboy, gatti magici e creature degli abissi, serpenti, donne, uomini e bambini: le novità LGBTI+ in libreria

Culture - Federico Colombo 27.3.24