Christine Quinn vs. Cynthia Nixon: ‘È una lesbica non qualificata’

di

Botta e risposta tra Christine Quinn e Cynthia Nixon, entrambe lesbiche dichiarate ed ora l'una contro l'altra nella corsa alla poltrona di Governatore di New York.

CONDIVIDI
18 Condivisioni Facebook 18 Twitter Google WhatsApp
2603 0

24 ore dopo la candidatura ufficiale a Governatore di New York, Cynthia Nixon è stata subito attaccata a testa bassa.

L’ex diva di Sex and the City, da sei anni sposa con Christine Marinoni, è stata infatti criticata da Christine Quinn, 51enne nel 2013 in corsa per la carica di Sindaco di New York. Da sei anni sposa con Kim Catullo, la Quinn non ha dimenticato il mancato sostegno della Nixon ai tempi della sua discesa in campo, quando appoggiò ufficialmente Bill de Blasio, parlandone così dalle pagine del New York Post.

Cynthia Nixon era contraria al fatto che una lesbica qualificata potesse diventare sindaco di New York City. Ora vuole essere una lesbica non qualificata che diventa governatore di New York, ma devi essere qualificata e avere esperienza, lei non ha la qualifica per essere governatrice“.

La Quinn, neanche a dirlo, è una fiera sostenitrice dell’attuale governatore di New York, Andrew Cuomo, che Cynthia dovrà sfidare alle primarie democratiche di settembre. Il commento “non qualificato” sembrerebbe derivare dal fatto che la Nixon – pur avendo una lunga storia di attivismo politico alle proprie spalle – non ha mai avuto una posizione o una carica ufficiale.

È un’attrice affermata“, ha proseguito Christine, “una sostenitrice di diverse cause politiche e questa è una buona cosa, partecipare ai raduni è importante”. “Ma non ha mai avuto una struttura alle spalle: essere un’attrice e una celebrità non ti rende qualificata per un incarico pubblico, è un momento in cui dovremmo allontanarci dalle celebrità, andando incontro ad una leadership progressista“.

In un’America ancora scioccata dall’elezione del poco qualificato Donald Trump, e in un partito democratico che per pochi giorni ha flirtato con la poco qualificata Oprah Winfrey, le celebrità dovrebbero quindi tornare a fare il proprio mestiere. Cynthia Nixon, ovviamente, ha presto replicato alle parole della Quinn.

Il suo essere lesbica e il mio essere lesbica non è certamente il problema“, sottolineando come la competizione dovrebbe correre su altri binari, come ad esempio “la corruzione ad Albany“. Le primarie democratiche di New York si terranno il 13 settembre.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...