PARENTI SERPENTI

di

Dirlo alla mamma, ma come fare coi parenti?

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


Salve, sono un ragazzo che "ha preso coscienza", se così vogliamo dire, circa 5 anni fa. Sono passato attraveso una serie di fasi, prima da solo ho cercato di capire chi ero, grazie alla rete ho avuto molte informazioni, anche sbagliate, ma ho saputo filtrare le cose giuste. Dopo circa 2 anni di "esame di coscienza" ho deciso di fare un coming out con il mio migliore amico, perché avevo bisogno di parlare con qualcuno. Lui é etero ma di aperte vedute e questo è stato il motivo della scelta di parlarne con lui, anche se di parlare non è proprio il caso, perché decisi di scrivergli una lettera. Posso dire che la sua reazione mi ha stupito, perché è stato più amico di quello che pensavo. Mi ha dato coraggio e mi é stato ad ascoltare anche se poteva benissimo non farlo.

Grazie a lui il mio processo di accettazione è proseguito, anche se con qualche fermata lungo il percorso. Grazie alla sua insistenza mi sono a poco a poco rivelato ad un altro mio amico che è anche mio compagno di stanza (non il mio partner). Sempre grazie a lui ho avuto il coraggio di incontrare un ragazzo conosciuto in chat, ed ora finalmente sono felice perché sto con un ragazzo meraviglioso, che mi ama, mi sopporta e che, nonostante abbia 3 anni in meno di me, sia sicuramente più maturo di me. Iniziando a vivere veramente ciò che sono senza nascondermi, non pensavo di poter trovare una persona così bella, intendendo bella anche spiritualmente.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...