Merdoscopo e astrologia: “Ci permette di avvicinarci all’altro” – Intervista a Isabella Premutico

Leggerezza e ironia. Per esempio: chi l'ha detto che il Cancro è fragile? E che il Gemelli è cattivo?

ascolta:
0:00
-
0:00
merdoscopo astrologia gay
merdoscopo astrologia gay
4 min. di lettura
Merdoscopo intervista
Lei è Isabella Premutico. Il suo canale personale qui >

Se come me avete il pallino dell’astrologia, conoscerete il Merdoscopo.

Se non lo conoscete, è quella pagina che tra meme e cultura pop, dà libero sfogo a tutte le nostre idiosincrasie sui segni zodiacali.

Nata appena in tempo con lo scoppio della pandemia, Il Merdoscopo è frutto della mente di Isabella Premutico, “minaccia bionda” made in Rome, che ci racconta l’astrologia attraverso un filtro autoironico e leggero, che parla sia agli esperti che alle peracottare come me. Il Merdoscopo è un tripudio di citazioni national popolari, cinema, musica, serie tv, e la preziosa capacità di non prendersi troppo sul serio, senza scadere mai nella superficialità spicciola. Nella nostra chiacchierata insieme, Isabella mi ha raccontato le origini della pagina, dei segni zodiacali sottovalutati e sopravvalutati, e perché l’astrologia non ha nulla a che vedere con “buoni e cattivi”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da ilmerdoscopo (@ilmerdoscopo)

Com’è nata questa tua dedizione al mondo dell’oroscopo, e qual è la genesi di Il Merdoscopo?

Tutto nasce naturalmente da una passione che ho sempre avuto, tramandata mia madre. Da piccola poi compravo l’oroscopo delle Witch, ed era davvero l’unica cosa che mi interessava. Poi da grandina ho cominciato ad appassionarmi più autonomamente. La pagina di Il Merdoscopo è nata perché ero annoiata: nel periodo in cui vivevo a Londra vedevo tante pagine così, ma tutte inglesi, e quindi ispirata l’ho aperta una anche io a fine 2019. Il boom c’è stato soprattutto durante la pandemia, perché evidentemente quando eravamo tutti chiusi in casa con il telefono in mano ha influito di più.

Io tempo fa ho scritto un articolo dove parlavo di questa nostra ossessione con l’oroscopo: su come ci sono persone che se ne intendono davvero e persone, come me, che definisco le peracottare. Secondo te qual è la linea sottile tra conoscere davvero l’oroscopo e parlarne a vanvera?

Io penso che ovviamente tutto abbia a che fare con lo studio. C’è chi ha una visione dell’astrologia non più rilegata a “Oddio sei Scorpione che paura”, ma va ben oltre. L’astrologia in questo momento credo sia diventato qualcosa che unisce poi le persone, quindi anche chi ne sa poco, un pochino alla fine ne sa. Pagine come la mia credo abbiano alimentato tutto questo. Secondo me si può parlare di astrologia anche da peracottare. È una cosa seria e bellissima, ma ci si può anche ridere, altrimenti se non possiamo più ridere neanche di questo ci tuffiamo dal balcone. Per il resto, anche io ho le mie antipatie tra i segni, però se si studia si scopre che c’è un mondo gigantesco che va oltre i segni che ci stanno simpatici o no.

Difatti, io vedo che c’è anche questa tendenza a catalogare le persone. Ad esempio, io sono Gemelli e agli appuntamenti quando lo dico la gente indietreggia. A me fa ridere, ma non lo capisco. Più che un tentativo di etichettaci, io penso che l’astrologia sia più un’interpretazione della realtà, una sorta di filosofia, no?



Ma assolutamente. Quando faccio i meme devo un po’ fondarli sullo stereotipo. Ma quello che dico sempre è di non soffermarci solo su questo: perché poi si crea una ghettizzazione astrologica che non ha proprio senso. Ad esempio, non hai idea di quanta gente mi scrive “ho conosciuto un gemelli e non voglio più averci a che fare”. Se è andata male con un Gemelli, non vale per tutti: uno perché ti precludi di conoscere tanto altro delle persone e due diventa un modo per distanziarti da qualcosa. Invece, la cosa bella dell’astrologia è che non ha sesso, non ha età, non gioca schemi culturalmente prestabiliti. La cosa bella è proprio la libertà che ci offre, se poi noi dobbiamo farlo per individuare qualcuno come cattivissimo, o il villain di turno,  non ha più senso.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da ilmerdoscopo (@ilmerdoscopo)


Ma perché secondo te ci piace così tanto parlarne?

Io credo sia il bisogno di “potersi definire” in un certo senso. E farlo senza meccanismi che già conosciamo. Ci può aiutarre a capirci di più, e penso non sia casuale che sia esposto ancora di più durante la pandemia dove nessuno capiva più cosa stesse facendo. E poi è uno strumento che può permetterci di avvicinarci all’altro: io da piccola in spiaggia quando conoscevo amicehtti nuovi, chiedevo “di che segno sei?”. Il fatto che lo faccio anche adesso a me fa ridere, ma è un modo molto leggero per creare un argomento di conversazione, anche con con chi non ci crede all’oroscopo.

Quali sono i segni più sottovalutati o con la reputazione peggiore, dal tuo punto di vista?

Sono abbastanza sicura che uno è il Cancro, è visto come questo segno d’acqua empatico, che sta sempre a piangersi addosso, ed è sicuramente lamentoso perché è governato dalla Luna e cambia subito umore, ma non è così facile come appare. Il Cancro è il segno dualista per eccellenza, da una parte è molto fragile, ma dall’altra se deve toglierti di mezzo lo fa senza problemi. Poi il secondo segno con cui invito a stare più calmi è il Gemelli: non è sottovalutato, quanto sopravvalutato nella sua “cattiveria” o “falsità”, quando nessuno ha capito che il fatto di essere segno doppio non vuol dire che hai due facce ma che sei nato a cavallo tra due stagioni che è una roba totalmente diversa.

E i più sopravvalutati, invece?

Io penso a tutti quei segni che generalmente sono visti tutti di un pezzo, tipo il mio che è Capricorno, Ariete, o Leone, sono poi quelli che appena fai una cosa che non va cadono in mille pezzi. Non te lo fanno vedere, ma è così. A me sembra che i segni più “deboli”, al contrario, sanno gestire le situazioni in maniera più forte.

Cosa rispondiamo a tutte quelle persone – tre volte su quattro maschi – che ci rompono perché crediamo all’oroscopo, dicendoci che sono tutte cazzate?

Sono di solito gli uomini che scrivono sotto le foto della Leotta “Eddai esci con me” e dico, ma te pare esce con te? È più credibile questo dell’oroscopo, delle stelle, e tutto quello che ci governa? Poi io penso che credere non sia la parola giusta, perché comunque l’astrologia è una materia che si studia, e soprattutto trovo assurdo che una persona possa essere così superba da pensare che il cosmo intero non abbia una funzione. Fa comodo pensarlo, ma sicuramente non è così.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Grande Fratello 2023 - Alfonso Signorini

Al via i casting per la nuova edizione del Grande Fratello: il prossimo potresti essere tu!

Culture - Luca Diana 29.5.24
Elezioni europee: "Io Voto! E porto la comunità LGBTIQ+ al voto", la campagna di Arcigay

Elezioni europee: “Io Voto! E porto la comunità LGBTIQ+ al voto”, la campagna di Arcigay

News - Gay.it 28.5.24
Papa Francesco - Vescovi - Cei

Papa Francesco tradito e punito dai vescovi: la ferocia omofobica della Cei, le chat interne e i pochi sacerdoti coraggiosi

News - Marco Grieco 30.5.24
Blood and Ashes, il sequel gay di 300 con Alessandro Magno gay diventa serie tv? - 300 - Gay.it

Blood and Ashes, il sequel gay di 300 con Alessandro Magno gay diventa serie tv?

Serie Tv - Redazione 30.5.24
"Esiste il gene dell’omosessualità?". 
 La spiegazione di Barbara Gallavotti è virale (VIDEO) - Barbara Gallavotti - Gay.it

“Esiste il gene dell’omosessualità?”. 
 La spiegazione di Barbara Gallavotti è virale (VIDEO)

Culture - Redazione 30.5.24
Un terzo del mondo criminalizza ancora oggi gli atti consensuali tra persone dello stesso sesso - carcere amnistia - Gay.it

Un terzo del mondo criminalizza ancora oggi gli atti consensuali tra persone dello stesso sesso

News - Redazione 29.5.24

I nostri contenuti
sono diversi

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri - Specchio 8 - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri

Culture - Redazione 23.2.24
Chiara Ferragni con il volto martoriato nel post con cui Profit Ways ha pagato Meta per sponsorizzare le criptovalute

Il volto martoriato di Chiara Ferragni in un violento post Instagram

News - Redazione Milano 8.1.24
Ethan Alexander, il prete gay, palestrato e tatuato diventato virale su Instagram (VIDEO) - Ethan Alexander - Gay.it

Ethan Alexander, il prete gay, palestrato e tatuato diventato virale su Instagram (VIDEO)

News - Redazione 21.3.24
CARY GRANT IN NORTH BY NORTHWEST

Ma quindi Cary Grant era gay o no? La figlia smentisce tutto

Cinema - Redazione Milano 12.12.23
Sepoltura coppie gay Mario Seghezzi Martinengo

Il sindaco leghista che apre alla sepoltura congiunta per coppie omosessuali

News - Redazione Milano 5.1.24
Foto: SchiDechDaily

Parità di genere nella Preistoria? Le donne erano cacciatrici come gli uomini (e anche meglio!)

News - Redazione Milano 20.2.24