Bullismo: stuprano il compagno, riprendendosi col cellulare

Una violenza sessuale ai danni di un loro compagno di scuola. Il tutto ripreso con un telefonino.

FERRARA – Due studenti di sedici anni dell’istituto superiore Ipsia ‘F.lli Taddia’ di Cento sono stati arrestati per aver violentato un quindicenne loro compagno di scuola e ripreso tutta la scena con un cellulare. I nomi dei protagonisti di questa vicenda non sono stati resi noti, visto che sono minorenni. Si sa che i due violentatori non sono italiani, anche se vivono nella zona da diversi anni con le loro famiglie. A rendere tutto ancora più sconcertante il fatto che la giovane vittima presenta anche un lieve deficit dell’apprendimento e che già in passato era stato oggetto di atti di bullismo da parte degli stessi soggetti.

Il fatto sarebbe avvenuto il 20 aprile, nei bagni della scuola. L’intera scena ripresa con l’immancabile cellulare, ormai diventato una micro telecamera di fronte alla quale esibirsi. Dallo strano comportamento del figlio nelle settimane seguenti la madre ha capito che c’era qualcosa che non andava e alle sue domande il ragazzino le ha raccontato tutto. La denuncia è partita il 17 maggio e sarebbero proprio le immagini nella memoria del telefonino ad avere incastrato i due aggressori, che ora si trovano nel carcere minorile di Bologna dopo che la loro richiesta di arresti domiciliari è stata respinta.  (Roberto Taddeucci)