Teramo, in tre ingannavano uomini gay via Grindr: estorsione sotto minaccia, andranno a processo

L'accusa è di sequestro di persona, rapina e lesioni.

ascolta:
0:00
-
0:00
Grindr
Grindr Teramo
2 min. di lettura

Un copione ben collaudato, già sentito in diversi casi di cronaca simili nell’era delle app di dating.

Questa volta, il focus è su tre cittadini nigeriani richiedenti asilo attualmente sotto processo, accusati di sequestro di persona finalizzato all’estorsione, rapina e lesioni, tutti perpetrati ai danni di uomini gay del teramano conosciuti tramite l’applicazione Grindr.

La metodologia adottata dagli imputati si basava su un inganno iniziale: per attirare le vittime, i criminali promettevano incontri sessuali non a pagamento e discrezione.

Una volta instaurato il contatto, le vittime – per ora sono quattro quelle accertate – venivano condotte in luoghi isolati dove, anziché l’incontro promesso, si trovavano ad affrontare minacce e violenze con l’obiettivo di estorcere denaro, con somme che variavano dai 100 ai 400 euro.

Nel caso in cui le vittime non fossero state in grado di fornire immediatamente la somma richiesta, erano costrette a recarsi al bancomat più vicino per prelevare il denaro, sempre sotto minaccia.

Le indagini, partite a febbraio dell’anno precedente, hanno portato all’arresto dei tre uomini: due sono stati fermati nella zona di Teramo, mentre il terzo a Milano. A seguito delle prime fasi processuali, la competenza sul caso è stata trasferita alla Procura distrettuale.

La procedura ha visto la firma delle ordinanze di custodia cautelare da parte del gip dell’Aquila, sancendo formalmente il trasferimento della giurisdizione alla Corte d’assise.

Durante la nuova udienza, sono stati presentati i primi testimoni dell’accusa. Nonostante le gravi accuse, tutti e tre gli imputati negano ogni responsabilità, mentre nessuna delle vittime ha scelto di costituirsi parte civile.

rapina grindr milano
Rapina via Grindr a Milano >>> la storia >

Le sextortion in crescita

Il fenomeno delle truffe amorose e delle estorsioni, comprese quelle sessuali, è in netta crescita, ed interessa un ampio spettro di vittime, inclusa la comunità LGBTQIA+ che utilizza app di dating come Grindr, Badoo, Taimi o Tinder.

Truffe così diffuse da avere oggi anche un nome, “sextortion“, e che vedono i criminali avvicinarsi alle vittime in rete, fingendo interesse con l’obiettivo di estorcere denaro da subito o filmare i rapporti sessuali per avere materiale con cui ricattare le vittime in seguito.  

Nel corso del 2021, si è registrato un incremento vertiginoso, con un aumento del 118% in confronto al 2020, anno che aveva già evidenziato una forte crescita in termini di casi segnalati. Proseguendo questa tendenza, i primi sette mesi del 2022 hanno visto un ulteriore incremento delle denunce di truffe amorose, con un aumento del 39% rispetto al corrispondente periodo dell’anno precedente.

Sorprendentemente, cala anche l’età del target per le “sextortion: non più solo uomini di mezza età o anziani, ma anche giovani e giovanissimi, attirati dalla prospettiva di incontri occasionali discreti.

Gli autori di questi raggiri sono solitamente organizzati in reti criminali che operano su più livelli, talvolta utilizzando l’identità di persone ignare rubate dai profili social per essere più convincenti.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Venezia 81, tutti i film in programma. Ci sono Joker 2, Queer di Guadagnino, Almodovar e Maria di Larrain - QUEER by Luca Guadagnino from left Drew Starkey and Daniel Craig photo by Yannis Drakoulidis - Gay.it

Venezia 81, tutti i film in programma. Ci sono Joker 2, Queer di Guadagnino, Almodovar e Maria di Larrain

Cinema - Federico Boni 23.7.24
Roma Pestaggio Coppia Gay Siti In

“Guarda sti fr*c*” non è omofobia? Sit-in mercoledì 24 e polemiche sul pestaggio alla coppia gay di Roma, dopo che gli indagati respingono l’accusa

News - Redazione 22.7.24
Jordan Bardella Gay.it Roberto Vannacci

Ai Patrioti piace così, Vannacci è troppo anti-gay,: l’omosessualità e le voci manipolatorie su Bardella gay

News - Mandalina Di Biase 21.7.24
Blue Phelix intervista

Blue Phelix e il buio dopo X Factor: “Sono stato molto giudicato e ho sofferto. Oggi so chi sono”

Musica - Emanuele Corbo 22.7.24
spiagge gay italiane spiagge queer lgbtqia

Speciale Spiagge 2024: 100 spiagge gay in Italia da non perdere

Viaggi - Redazione 1.7.24
Perché amiamo Tom Daley - Tom Daley - Gay.it

Perché amiamo Tom Daley

News - Federico Boni 23.7.24

Leggere fa bene

aggressione-foggia-intervista

Foggia, parla Alessandro, vittima dell’aggressione: “Trasformiamo la violenza in sogno” – intervista

News - Francesca Di Feo 21.6.24
afghanistan-persone-transgender

L’Afghanistan a 3 anni dall’ascesa dei talebani: stupri, torture e violenze all’ordine del giorno per le persone transgender

News - Francesca Di Feo 2.4.24
Foggia Sit In Omofobia Giugno 2024

Foggia reagisce all’aggressione di Alessandro: “Se questa terra non ci ama, noi la ameremo ancora più forte”

News - Francesca Di Feo 20.6.24
William Wragg - Grindr

Da Grindr a Whatsapp, l’assedio gay al parlamento britannico ha nome e cognome

News - Mandalina Di Biase 9.4.24
aggressione-marrazzo

Aggredito Fabrizio Marrazzo, leader del Partito Gay: “Non è intervenuto nessuno” – VIDEO

News - Francesca Di Feo 12.6.24
nigeria-kito-app-dating

Nigeria, l’orrenda pratica del “kito”: bande omofobe attirano uomini gay sulle app di dating per “punirli” e ricattarli

News - Francesca Di Feo 3.5.24
Argentina - lesbiche uccise con un incendio doloso - Milei

L’Argentina di Milei, bruciate due coppie lesbiche con un incendio doloso: tre vittime, una ferita grave

News - Francesca Di Feo 15.5.24
arezzo-whynot-chiuso

Arezzo, chiusa la serata queer WhyNot per troppi episodi di violenza verbale omobitransfobica

News - Francesca Di Feo 21.3.24