Un gruppo di donne trans schiavizzava altre ragazze trans: 11 arresti

A Castel Volturno spedizioni punitive, statuine decapitate, macumbe e intimidazioni

ascolta:
0:00
-
0:00
Castel Volturno: gruppo di donne trans schiavizzava e sfruttava altre ragazze trans
Castel Volturno: gruppo di donne trans schiavizzava e sfruttava altre ragazze trans
2 min. di lettura

Magia nera, macumbe, spedizioni punitive: così 11 tra donne transgender originarie del Brasile e sodali gestivano con il pugno di ferro un circolo di sex working a Castel Volturno, nel casertano, tra le violenze sulle ragazze – anch’esse trans – e i viaggi per “importare” dal Sudamerica le ignare “nuove leve”.

Leggi: cosa significa decriminalizzare il sex working >

Oggi, sono tutt* accusat* di associazione a delinquere finalizzata alla riduzione in schiavitù, alla tratta di esseri umani, al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina di connazionali, nonché di sfruttamento del sex working.

“L’attività nasce a seguito di due denunce presentate al commissariato di Castel Volturno da una donna trans, che svelava l’esistenza di un sodalizio criminale dedito alla prostituzione (sex working ndr) che sfruttava altre donne trans del litorale. A capo delle operazioni, [deadname ndr] Santos De Silva, ovvero Pamela – spiega il poliziotto in servizio alla squadra mobile della questura di Caserta, dinanzi la Corte di Assisi  del tribunale di Santa Maria Capua Vetere – Abbiamo proceduto ai riscontri di quanto denunciato come la riscossione del lunedì operata presso due appartamenti in via Alessandria dove avveniva l’attività di prostituzione (sex working ndr). La riscossione dei proventi dell’attività veniva effettuata da Pamela”.

Il commissario ha poi fornito dettagli sull’operazione condotta negli alloggi situati in zona Ischitella, dove Pamela, insieme ad altre sei imputate, è stata sorpresa con ingenti quantità di denaro derivanti dal giro di sex working.

Pare che la donna mantenesse anche stretti rapporti con Fatima, traduttrice accusata dal tribunale di Milano di facilitare l’accoglienza delle connazionali – arrivate in Italia per poi finire nella trappola – fornendo loro l’autorizzazione necessaria per l’ospitalità.

Coloro che provavano a staccarsi dal circuito subivano ritorsioni, tra cui vere e proprie spedizioni punitive e aggressioni.  Ma anche punizioni al limite del paradossale.

Come mezzo di coercizione, venivano infatti impiegate anche magia nera e macumbe: un episodio rilevante menzionato dal testimone riguarda infatti il ritrovamento di teste decapitate di statuette e frutti di caco pestati davanti all’abitazione di una delle persone che aveva presentato denuncia.

Forniti poi ulteriori dettagli sui ruoli assunti dalle accusate all’interno dell’organizzazione. Una certa Paula fungeva da braccio destro per Pamela, occupandosi della direzione e del monitoraggio delle vittime.

Daniel svolgeva invece un ruolo polivalente: chaperon per scortare le sex worker nei luoghi in cui si incontravano con i clienti, gestiva anche le transazioni finanziarie e le prenotazioni dei voli provenienti dal Brasile, oltre ad occuparsi dell’acquisto di lingerie e giocattoli erotici.

Una struttura ben organizzata ed estremamente remunerativa, sulla pelle però di ragazze ignare che, al loro arrivo in Italia, sognavano probabilmente una vita migliore.

È fondamentale tuttavia riconoscere come le radici profonde di simili episodi di sfruttamento nel settore del sex working siano profondamente intrecciate alla sua criminalizzazione. Una marginalizzazione che non fa altro che alimentare zone grigie, dove l’abuso e il sopruso trovano terreno fertile, lontano dagli occhi della legge e delle tutele sociali.

Riaffermare il diritto alla sicurezza e alla dignità per chi opera in questo campo passa necessariamente attraverso un cambiamento che ne riconosca la professionalità e implichi intrinsecamente tutele e diritti, invece che etichettare ogni forma di sex work come degrado.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Pietro Fanelli, Isola dei Famosi 2024

Pietro Fanelli, chi è il naufrago dell’Isola dei Famosi 2024?

Culture - Luca Diana 10.4.24
Angelina Mango è pronta per l'Eurovision Song Contest che si terrà a maggio in Svezia

Perché Angelina Mango può vincere Eurovision 2024

Musica - Emanuele Corbo 11.4.24
Back to Black, recensione del biopic su Amy Winehouse. Il ricordo di un'icona sconfitta dall'amore - BackToBlack2024 - Gay.it

Back to Black, recensione del biopic su Amy Winehouse. Il ricordo di un’icona sconfitta dall’amore

Cinema - Federico Boni 11.4.24
Mahmood è in tour in Europa per presentare l'album "Nei letti degli altri"

Mahmood più libero che mai sul palco, il suo tour strega l’Europa e “Tuta gold” conquista il triplo disco di platino

Musica - Emanuele Corbo 9.4.24
Ciao Maschio 2024, intervista alle Karma B: "Caro Salvini le facciamo questa domanda...." - Karma B Ciao Maschio 4 - Gay.it

Ciao Maschio 2024, intervista alle Karma B: “Caro Salvini le facciamo questa domanda….”

Culture - Federico Boni 12.4.24
Victoria De Angelis dei Maneskin, vacanza romantica e baci social con l'amata Luna Passos (FOTO) - Victoria De Angelis dei Maneskin vacanza romantica e baci social con lamata Luna Passos FOTO - Gay.it

Victoria De Angelis dei Maneskin, vacanza romantica e baci social con l’amata Luna Passos (FOTO)

News - Redazione 9.4.24

Hai già letto
queste storie?

foto: il fatto quotidiano

Trans Lives Matter: il movimento trans* si fa sentire ancora più forte

News - Redazione Milano 20.11.23
transgender foto da truhout

Novembre mese della consapevolezza Transgender, perché è importante

Corpi - Redazione Milano 1.11.23
Jamie Lee Curtis contro l’omobitransfobia in nome della religione: "Amore e umanità sono il centro della comunità gay e trans" - Jamie Lee Curtis - Gay.it

Jamie Lee Curtis contro l’omobitransfobia in nome della religione: “Amore e umanità sono il centro della comunità gay e trans”

Culture - Federico Boni 10.11.23
A Norma, storia di una sex worker trans peruviana tra desideri, aspettative e pregiudizi - Carlotta Cosmai a norma 2 - Gay.it

A Norma, storia di una sex worker trans peruviana tra desideri, aspettative e pregiudizi

Cinema - Federico Boni 21.11.23
discorso-d-odio-politici-europei

Discorso d’odio anti-LGBTQIA+ in crescita nelle aule istituzionali europee: “I diritti umani sono in discussione”

News - Francesca Di Feo 1.3.24
20.000 specie di Api, arriva l'acclamato film che esplora il tema dell'identità di genere in età adolescenziale - 20.000 specie di Api - Gay.it

20.000 specie di Api, arriva l’acclamato film che esplora il tema dell’identità di genere in età adolescenziale

Cinema - Redazione 1.12.23
donna-transgender-arrestata-hong-kong

Hong Kong, attivista transgender arrestata con un pretesto e detenuta in condizioni disumane

News - Francesca Di Feo 29.2.24
transgender allattamento seno

Le mamme transgender e i genitori AMAB possono allattare: lo dice la scienza

Corpi - Francesca Di Feo 22.2.24