Editoria: Gay.it e Gay.tv si danno al Clubbing

Clubbing, la nota rivista mensile diretta da Felix Cossolo, unisce le forze con i due principali siti italiani, Gay.it e Gay.tv

MILANO – Si chiama Clubbing Srl la nuova società che continuerà nella pubblicazione di Clubbing, il noto mensile gay che viene anche distribuito gratuitamente nei principali ritrovi GLBT della penisola. I soci sono il direttore della rivista Felix Cossolo e i due principali siti web italiani del settore: Gay.it e Gay.tv, che entrano così anche nel mercato editoriale. La notizia era già stata annunciata da tempo ma la società è nata formalmente il 12 luglio 2007, con l’intenzione di dare maggior forza e voce alla comunità gay, in uno sforzo e un impegno che ci auguriamo sarà premiato.

Ricordava Alessio De Giorgi, presidente e amministratore delegato di Gay.it, quando fu preannunciato il progetto, che si stava aprendo “una forte sinergia tra quattro importanti media gay italiani (Gay.it, Gay.tv televisione e internet, Clubbing) che insieme parlano ogni mese ad almeno un milione di persone diverse e che vogliono così attrarre quelle grandi aziende italiane che, a poco a poco, stanno scoprendo che anche nel nostro paese i gay e le lesbiche costituiscono un segmento di consumatori sempre più interessante. Noi ci stiamo provando: vogliamo offrire servizi e contenuti di qualità, secondo standard europei, ai gay e alle lesbiche italiane, pur lasciando a ciascun mezzo la sua identità, perché la diversità è un punto di forza, e non un problema da superare.” Per De Giorgi “l’obiettivo ultimo è quello di ottenere dalla società economica italiana quel riconoscimento che ormai abbiamo quasi ottenuto dalla società civile (i sondaggi ormai dicono che tra gli under 40 l’omosessualità è solo una variante naturale della sessualità) e che sempre più scandalosamente tardiamo ad ottenere dalla società politica, supina alle gerarchie vaticane, timorosa di osare. Che ne dite di darci una mano, sostenendoci?”

Storie

Giovanna Vivinetto, l’insegnante trans licenziata denuncia la scuola

Parte la denuncia ai danni della scuola Kennedy di Roma, dove Giovanna era insegnante.

di Alessandro Bovo