20enne pugliese contro i bulli omofobi, ‘sono fiero di essere diverso’: lo sfogo social

Pierluigi Glionna, 20enne di Spinazzola, si sfoga sui social e la sua denuncia contro l’omofobia diventa virale.

Viene dalla Puglia, da Spinazzola, l’ultimo episodio di omofobia all’italiana.

Protagonista Pierluigi Glionna, 20enne che ha voluto raccontare la sua storia su Facebook, in 2 giorni appena diventata virale con oltre 2300 ‘like’, 350 condivisioni e centinaia di commenti.

Ciao, sono Pierluigi; per gli amici Pier, Pipè, Piè… per molti sono purtroppo PIERGAY.
Ho quasi 20 anni e sono di Spinazzola. Sono nato in una famiglia in cui la diversità è vista come è realmente: qualcosa di unico, da valorizzare e custodire. Vesto come voglio, alcune volte tutto di nero, altre volte con scarpe rosse, altre ancora indosso un cappello borsalino e altre volte ancora mi faccio i capelli colorati. Perché? Perché mi piace, mi fa stare bene, è LA MIA VITA‘.

Premessa fondamentale per farsi conoscere, per ribadire con orgoglio il proprio essere, la libertà nel vivere la propria esistenza.

La mia vita però, fin dai primi anni delle scuole elementari è stata “macchiata” da voci, insulti, ingiuri sul mio conto… e da quella parola (che eviterò di riscrivere) che leggete lì in alto. Per quasi 10 anni non c’era volta che attraversavo una piazza e non sentivo insultarmi o vedere gente che rideva di me; non potevo entrare in un bar o semplicemente uscire con le mie amiche. PER 10 ANNI.
Questo schifo mi ha fatto cambiare scuola superiore perchè ogni giorno durante il viaggio di ritorno subivo bullismo.
Questo schifo mi ha fatto rinchiudere dentro casa per un periodo perchè avevo paura di uscire.
Mi piacerebbe raccontarvi che questa VIOLENZA sia finita. Non è così‘.

Ti suggeriamo anche  ILGA 2019, Italia sempre peggio sui diritti LGBT: 34esimo Paese d'Europa su 49

Ancora oggi, nel 2018, l’omofobia fa parte della nostra quotidianità, e solo chi è omosessuale può confermarlo, ribadirlo, perché uno sguardo, un sorriso di troppo, una battuta, un gesto, sono sempre dietro l’angolo. Realtà che Pierluigi conosce bene.

Stasera ho fatto un brutto salto nel passato; un gruppo di bambini di 13 o 14 anni (anche se a quell’età bambini non lo si è più) mi hanno urlato questo schifoso nomignolo per strada, hanno fatto versi e detto frasi sul mio conto. Appena ho cercato di avvicinarmi e parlare con loro da persona matura, ovviamente sono scappati via. Mi hanno seguito per tutto il tempo e hanno continuato ancora e ancora ad urlare.
Questa non è una questione “Frich e Fricatenn” come molti mi hanno detto per anni. Questa cosa fa male!
Fa male essere obbligati a convivere senza che io lo voglia con questo insulto dato da qualcuno.
Non si può giustificare ogni cosa che dice un bambino, sono stanco di sentire genitori che mi dicono “ma mio figlio si fa trasportare”.
Questo è un appello che faccio perché sono stanco di subire una violenza, perché questa è una violenza a prescindere se la bocca sia di un bambino o di un adulto‘.

Uno sfogo dettato dalla rabbia, dalla stanchezza di dover subire insulti senza ragione alcuna, quello pubblicato da Piergiorgio, che non a caso prosegue.

Ti suggeriamo anche  San Severo oggi in piazza contro l'omofobia

La cosa che mi da più rabbia è che sono le nuove generazioni, gli adolescenti, i bambini ad usare questi termini… insomma da chi nel 2018 dovrebbe sapere che GAY non è una parolaccia, che GAY un insulto non è.
Non bisogna rimanere impassibili, bisogna agire. Nelle scuole si parla di bullismo, ma evidentemente questa gente è distratta quando se ne parla. Crescete, scoprite, informatevi se siete ignoranti… perché un giorno che uscirete da questo paesino sarete piccoli come formiche e vi accorgerete realmente di com’è il mondo. Vorrei fare un appello anche a tutti i genitori: insegnate ai vostri figli che il mondo va avanti, che la vita è corta e bisogna vivere esaltando l’amore, l’amicizia, le passioni. Concludo col dire che se per voi questo mio estro è ESSERE DIVERSO, allora SONO FIERO DI ESSERE DIVERSO, è la parte migliore di me‘.