Andria, calci e pugni a un 18enne perché gay: “Abbiate il coraggio di denunciare”

Ancora una volta i protagonisti sono giovanissimi.

ascolta:
0:00
-
0:00
andria omofobia 18 anni gay
andria omofobia 18 anni gay
2 min. di lettura

Un nuovo episodio di violenza omofoba scuote la comunità di Andria, in Puglia, coinvolgendo, come troppo spesso accade, individui molto giovani. Un 18enne, che ha scelto di mantenere l’anonimato, ha presentato una denuncia ufficiale dopo essere stato vittima di due separate aggressioni nel corso del weekend tra sabato 21 e domenica 22 ottobre.

La prima aggressione è avvenuta intorno alla mezzanotte di sabato, quando il giovane si trovava in compagnia di alcune amiche nella centrale Piazza Catuma. Senza alcun motivo apparente, un gruppo di ragazzi ha iniziato a deridere e umiliare il ragazzo. Quando la vittima ha cercato di rispondere, è stata subito colpita con calci e pugni all’addome. Nonostante una pronta chiamata alle forze dell’ordine, gli aggressori sono riusciti a dileguarsi prima dell’arrivo dei carabinieri.

Il dramma sembrava essersi concluso, ma, sfortunatamente, la domenica ha portato una seconda aggressione. “Erano in due, più piccoli di me: uno di loro lo conosco perché da tempo mi prende in giro per il mio orientamento sessuale” ha raccontato la vittima.

In seguito a questi gravi episodi, il ragazzo ha formalizzato la sua denuncia lunedì presso la questura e ha lanciato un appello a chiunque si trovi in circostanze simili: “a chiunque subisca aggressioni verbali o fisiche di denunciare, di avere coraggio altrimenti nulla mai cambierà in questa città“.

Nonostante la resilienza delle vittime e l’incessante impegno delle reti di supporto, l’Italia diventa un luogo sempre meno sicuro per la comunità LGBTQIA+.

Lestate appena trascorsa è stata un doloroso promemoria di questa realtà, con una serie di episodi che echeggiano la frequente e pervasiva atmosfera di violenza, abuso e discriminazione. Ciò che è particolarmente allarmante è che tali episodi emergono spesso all’interno delle stesse mura domestiche, luoghi dove chiunque dovrebbe sentirsi al sicuro.

Situazioni traumatiche come le violenze fisiche e le minacce di morte perpetrate da un padre cinquantasettenne al proprio figlio gay, o una madre che aggredisce il figlio diciassettenne con un mattarello perché gay, delineano un panorama desolante. Aggiungiamoci le atrocità commesse da un padre omofobo verso il proprio figlio di soli quattordici anni a Torino, che abbiamo raccontato solo ieri.

Una violenza che si impara da bambini: a Milano, una coppia gay è stata brutalmente pestata alla presenza dei figli dei loro aggressori, bambini testimoni diretti dell’odio e della violenza che apprenderanno dai loro stessi genitori.

Contrariamente alle affermazioni del governo, che sostiene che in Italia “non esista un problema di omobitransfobia”, i crimini d’odio non accennano a diminuire. Dall’abuso verbale, come gli insulti rivolti a una coppia gay semplicemente per aver cancellato una prenotazione, all’irruzione di un gruppetto di adolescenti omofobi a CasArcobaleno a Torino, fino alle violenze fisiche come l’aggressione a una trentenne lesbica in Molise e a una donna trans in una stazione a Pavia.

Si tratta di un riflesso cristallino dell’omobitransofobia istituzionale di un governo che ha indetto una sorta di crociata contro la comunità LGBTQIA+, estendendo la discriminazione dalle famiglie arcobaleno alla comunità trans e non binaria – e non solo.

Un clima di ostilità alimentato e legittimato dalla popolarità di figure pubbliche come il generale Vannacci, e dall’agenda subdola della Rai orientata a destra, che si insinua anche in produzioni televisive apparentemente innocue come “Un Posto al Sole” (l’episodio sulla cancel culture è ormai diventato una vera e propria trama, che continua a snocciolarsi di puntata in puntata).

Ci troviamo di fronte a un attacco indiscriminato e multiforme contro una comunità LGBTQIA+ che ha sempre cercato di vivere in pace, chiedendo solamente il diritto di esistere e di avere un proprio spazio nel tessuto sociale del “Bel Paese”.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

James Scully di Fire Island e You festeggia il compleanno dell'amato Julio Torres - James Scully di Fire Island e You festeggia il compleanno dellamato Julio Torres - Gay.it

James Scully di Fire Island e You festeggia il compleanno dell’amato Julio Torres

Culture - Redazione 13.2.24
thailandia-matrimonio-egualitario

La Thailandia verso il matrimonio egualitario: approvazione del disegno di legge entro fine anno

News - Francesca Di Feo 19.2.24
Lorenzo Licitra torna in radio con Il Mio Giusto Momento: "L'avevo presentata ad Amadeus per Sanremo 2024" (VIDEO) - Lorenzo Licitra - Gay.it

Lorenzo Licitra torna in radio con Il Mio Giusto Momento: “L’avevo presentata ad Amadeus per Sanremo 2024” (VIDEO)

Culture - Redazione 19.2.24
taiwan-intervista-post-elezioni (5)

Taiwan: “La Cina una minaccia costante, soprattutto per la comunità queer” parla un’attivista LGBTIQ+

News - Francesca Di Feo 14.2.24
Sanremo 2025, a chi affidare il dopo Amadeus? Tutti i nomi in ballo, tra ipotesi concrete e utopistiche - Sanremo 2025 - Gay.it

Sanremo 2025, a chi affidare il dopo Amadeus? Tutti i nomi in ballo, tra ipotesi concrete e utopistiche

Culture - Federico Boni 15.2.24
glaad-gaming-report

Il 17% dellǝ appassionatǝ di videogames è queer, ma l’industria ci rappresenta? Il rapporto di GLAAD

Culture - Francesca Di Feo 14.2.24

Leggere fa bene

omofobia melito napoli donna lesbica

Aggredita con pugni e schiaffi “Sei una sporca lesbica”: è l’Italia del Generale Vannacci

News - Giuliano Federico 23.8.23
la-normalita-dell-amore

Il mio libro di risposta a Vannacci: “La normalità dell’amore”, così un ragazzo replica alle retoriche d’odio del generale

Culture - Francesca Di Feo 1.2.24
USA, i crimini d’odio contro le persone trans e di genere non conforme sono aumentati del 33% nel 2022 - La transfobia istituzionale dilaga negli USA - Gay.it

USA, i crimini d’odio contro le persone trans e di genere non conforme sono aumentati del 33% nel 2022

News - Federico Boni 19.10.23
vittorio menozzi gay iti mirko brunetti grande fratello

Grande Fratello, omofobia su Vittorio Menozzi, le battute di Mirko e Marco

Culture - Francesca Di Feo 1.12.23
Polonia matrimonio egualitario Gay.it

Polonia, suicidi in aumento a causa delle leggi omobitransfobiche del Paese

News - Federico Boni 20.2.24
milano-aggressione-baby-gang-in-diciannove

“Sei trans? Sei gay? Vergognati” a Milano minacce armate e insulti da una baby gang di 19 elementi

News - Francesca Di Feo 22.11.23
sondrio-manifesti-provita

Sondrio, anche qui spuntano i manifesti ProVita: “Basta confondere l’identità sessuale dei bambini”

News - Francesca Di Feo 11.12.23
Bastonate, fumogeni, scritte e insulti omofobi. Il branco all'assalto della sede Gay Center di Roma. VIDEO - Gay Center - Gay.it

Bastonate, fumogeni, scritte e insulti omofobi. Il branco all’assalto della sede Gay Center di Roma. VIDEO

News - Redazione 1.2.24