Andria, calci e pugni a un 18enne perché gay: “Abbiate il coraggio di denunciare”

Ancora una volta i protagonisti sono giovanissimi.

ascolta:
0:00
-
0:00
andria omofobia 18 anni gay
andria omofobia 18 anni gay
2 min. di lettura

Un nuovo episodio di violenza omofoba scuote la comunità di Andria, in Puglia, coinvolgendo, come troppo spesso accade, individui molto giovani. Un 18enne, che ha scelto di mantenere l’anonimato, ha presentato una denuncia ufficiale dopo essere stato vittima di due separate aggressioni nel corso del weekend tra sabato 21 e domenica 22 ottobre.

La prima aggressione è avvenuta intorno alla mezzanotte di sabato, quando il giovane si trovava in compagnia di alcune amiche nella centrale Piazza Catuma. Senza alcun motivo apparente, un gruppo di ragazzi ha iniziato a deridere e umiliare il ragazzo. Quando la vittima ha cercato di rispondere, è stata subito colpita con calci e pugni all’addome. Nonostante una pronta chiamata alle forze dell’ordine, gli aggressori sono riusciti a dileguarsi prima dell’arrivo dei carabinieri.

Il dramma sembrava essersi concluso, ma, sfortunatamente, la domenica ha portato una seconda aggressione. “Erano in due, più piccoli di me: uno di loro lo conosco perché da tempo mi prende in giro per il mio orientamento sessuale” ha raccontato la vittima.

In seguito a questi gravi episodi, il ragazzo ha formalizzato la sua denuncia lunedì presso la questura e ha lanciato un appello a chiunque si trovi in circostanze simili: “a chiunque subisca aggressioni verbali o fisiche di denunciare, di avere coraggio altrimenti nulla mai cambierà in questa città“.

Nonostante la resilienza delle vittime e l’incessante impegno delle reti di supporto, l’Italia diventa un luogo sempre meno sicuro per la comunità LGBTQIA+.

Lestate appena trascorsa è stata un doloroso promemoria di questa realtà, con una serie di episodi che echeggiano la frequente e pervasiva atmosfera di violenza, abuso e discriminazione. Ciò che è particolarmente allarmante è che tali episodi emergono spesso all’interno delle stesse mura domestiche, luoghi dove chiunque dovrebbe sentirsi al sicuro.

Situazioni traumatiche come le violenze fisiche e le minacce di morte perpetrate da un padre cinquantasettenne al proprio figlio gay, o una madre che aggredisce il figlio diciassettenne con un mattarello perché gay, delineano un panorama desolante. Aggiungiamoci le atrocità commesse da un padre omofobo verso il proprio figlio di soli quattordici anni a Torino, che abbiamo raccontato solo ieri.

Una violenza che si impara da bambini: a Milano, una coppia gay è stata brutalmente pestata alla presenza dei figli dei loro aggressori, bambini testimoni diretti dell’odio e della violenza che apprenderanno dai loro stessi genitori.

Contrariamente alle affermazioni del governo, che sostiene che in Italia “non esista un problema di omobitransfobia”, i crimini d’odio non accennano a diminuire. Dall’abuso verbale, come gli insulti rivolti a una coppia gay semplicemente per aver cancellato una prenotazione, all’irruzione di un gruppetto di adolescenti omofobi a CasArcobaleno a Torino, fino alle violenze fisiche come l’aggressione a una trentenne lesbica in Molise e a una donna trans in una stazione a Pavia.

Si tratta di un riflesso cristallino dell’omobitransofobia istituzionale di un governo che ha indetto una sorta di crociata contro la comunità LGBTQIA+, estendendo la discriminazione dalle famiglie arcobaleno alla comunità trans e non binaria – e non solo.

Un clima di ostilità alimentato e legittimato dalla popolarità di figure pubbliche come il generale Vannacci, e dall’agenda subdola della Rai orientata a destra, che si insinua anche in produzioni televisive apparentemente innocue come “Un Posto al Sole” (l’episodio sulla cancel culture è ormai diventato una vera e propria trama, che continua a snocciolarsi di puntata in puntata).

Ci troviamo di fronte a un attacco indiscriminato e multiforme contro una comunità LGBTQIA+ che ha sempre cercato di vivere in pace, chiedendo solamente il diritto di esistere e di avere un proprio spazio nel tessuto sociale del “Bel Paese”.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Justin Timberlake Arrestato Ubriaco Gossip Droghe

Justin Timberlake arrestato, guidava ubriaco. Il gossip impazza: “Popper e Truvada nel sangue”. Ma è davvero così?

Musica - Emanuele Corbo 19.6.24
Mahmood coming out_ Foto dalla sfilata di Prada

Quella specie di coming out di Mahmood in inglese: media italiani impazziti

Musica - Mandalina Di Biase 20.6.24
X Factor 2024

X Factor 2024 è una bomba, abbiamo visto le audition: le nostre prime impressioni

Culture - Luca Diana 19.6.24
Foggia Sit In Omofobia Giugno 2024

Foggia reagisce all’aggressione di Alessandro: “Se questa terra non ci ama, noi la ameremo ancora più forte”

News - Francesca Di Feo 20.6.24
Antoine Dupont, il capitano francese di rugby "pronto ad interrompere una partita” per insulti omofobi - Antoine Dupont - Gay.it

Antoine Dupont, il capitano francese di rugby “pronto ad interrompere una partita” per insulti omofobi

Corpi - Redazione 20.6.24
Guglielmo Scilla e la trasformazione fisica: "Allenarmi è diventato un viaggio liberatorio, ho faticato ad accettarmi" (VIDEO) - Guglielmo Scilla 2 - Gay.it

Guglielmo Scilla e la trasformazione fisica: “Allenarmi è diventato un viaggio liberatorio, ho faticato ad accettarmi” (VIDEO)

Corpi - Redazione 19.6.24

Continua a leggere

Tullio Cattaneo, aggressione omofoba ai danni dello scultore, in coma dopo un pugno: "Fr*cio di m*rda" - Tullio Cattaneo - Gay.it

Tullio Cattaneo, aggressione omofoba ai danni dello scultore, in coma dopo un pugno: “Fr*cio di m*rda”

News - Redazione 6.6.24
pro-vita-manifesti-como-brescia

Pro Vita e Famiglia, nuovi manifesti “anti-gender” a Como e Brescia: la risposta di Arcigay

News - Francesca Di Feo 6.1.24
Roma-Lazio, il vergognoso coro omofobo e antisemita dei romanisti alla vigilia del derby - Roma Lazio il vergognoso coro omofobo e antisemita dei romanisti in vista del derby - Gay.it

Roma-Lazio, il vergognoso coro omofobo e antisemita dei romanisti alla vigilia del derby

News - Redazione 5.4.24
Russia, il primo caso di "estremismo LGBTQIA+" finirà in tribunale: arrestati manager e direttrice del club queer Pose - VIDEO - russia club pose orenburg - Gay.it

Russia, il primo caso di “estremismo LGBTQIA+” finirà in tribunale: arrestati manager e direttrice del club queer Pose – VIDEO

News - Francesca Di Feo 22.3.24
flavia-fratello-battuta-vannacci

Flavia Fratello replica bene a Vannacci, ma in passato firmò contro il Ddl Zan e diede spazio alla transfobia delle TERF

News - Francesca Di Feo 7.3.24
omofobia ragazzo giovane gay

Pontedera, 18enne cacciato di casa dopo il coming out: “Niente figli gay, vattene”

News - Francesca Di Feo 27.3.24
taranto pride 2024, sabato 1 giugno

Taranto Pride 2024: sabato 1° Giugno

News - Redazione 10.5.24
Alghero_Omofobia_condanna

Alghero, frasi omofobiche ignobili e persecuzioni a coppia gay: condannato a un anno e a pagare 20.000 euro

News - Francesca Di Feo 25.3.24