Video

Brescia, polemiche sulle pubblicità del latte: “L’uomo truccato da donna è aberrante”

"La famiglia ha un nuovo formato", recita lo slogan. L'omofobia invece è sempre la stessa.

3 min. di lettura

La pubblicità sui “nuovi formati di famiglia” della Centrale del Latte di Brescia è diventata un caso.

Un uomo truccato con una bambina in braccio: “La famiglia ha un nuovo formato”, recita lo slogan della Centrale del Latte di Brescia nella nuova campagna volta a sponsorizzare il nuovo brik, dalle dimensioni ridotte.

Il claim sta generando in queste ore delle fortissime polemiche, da parte delle retrovie ultracattoliche d’Italia ma non solo: Generazione Famiglia su Facebook commenta: “Secondo la centrale del latte di Brescia nei nuovi formati di famiglia il papà (ma forse è il Genitore 1) si trucca da donna, e a quel punto a che serve la mamma? A niente, quindi scompare. Ma il loro latte è di mucca o di qualche altro strano animale surrogato? C’è di che dubitarne se questa è la pubblicità del prodotto. Diffidate“.

Secondo la centrale del latte di Brescia nei “nuovi formati” di famiglia il papà (ma forse è il Genitore 1) si trucca da…

Pubblicato da Generazione Famiglia – La Manif Italia su Lunedì 21 novembre 2016

Il web si divide, anche all’interno della stessa comunità LGBT: alcuni attivisti affermano che “la pubblicità non rappresenta i nuovi gay, quelli delle unioni civili“, quasi come se con questa legge solo un solo prototipo politicamente corretto di omosessuale abbia ragion d’esistere. D’altro canto, i soliti manigoldi di destra ribadiscono che “l’azienda avrà sicuramente ricevuto finanziamenti da parte delle lobby LGBT…“. Coloro che provano a stemperare la questione ricordano: “Nessuno di voi papà o zio si è mai messo a giocare lasciandosi impiastricciare la faccia dalla propria figlia/nipote?“.

È intervenuto nel dibattito, con toni da guerra ideologica, perfino l’ex assessore ai Lavori pubblici del Comune di Brescia, Mario Labolani, Fratelli d’Italia: “Da oggi non compro più niente della Centrale del latte di Brescia. Pensare di pubblicizzare i loro prodotti con il manifesto di uomini truccati da donna è aberrante. Andrebbero rimossi i responsabili visto che la proprietà è del Comune di Brescia“.

brescia

Ma la cosa più sconvolgente è che perfino la stessa azienda cerchi di giustificare le proprie legittime scelte di marketing sul proprio profilo Facebook: “Per chiarezza il ragazzo truccato è lo zio della bimba, che si è prestato ad un momento di gioco insieme alla nipotina. Niente di più“. Perché lanciare il sasso e nascondere la mano? Anche l’agenzia che ha realizzato la campagna, la Dorocatrame, ci ha tenuto a dare la propria versione, non confermando il legame di parentela zio/nipote dipinta nello sketch: “Nella campagna ci sono anche altri soggetti, come una coppia di anziani che parla via Skype con i parenti lontani: è un modo per raccontare la quotidianità e i cambiamenti nelle nostre vite. Non è nemmeno detto che quello che si vede nella foto sia il padre“.

Non era neanche lontanamente quello di attaccare la famiglia tradizionale. Io sono sposato, ho tre figli e gioco con loro più di quanto i miei genitori facessero con me perché oggi siamo meno rigidi e compassati di un tempo“, dice a Repubblica il direttore della Centrale del Latte Andrea Bertolozzi. “Abbiamo cercato di fotografare l’evoluzione della famiglia, che va di pari passo con quella dei consumi, mostrando un momento di gioco tra un giovane zio e la sua nipotina. Mi spiace che queste polemiche distolgano l’attenzione dal vero focus della campagna, ovvero l’innovazione tecnologica che è uno dei fiori all’occhiello della nostra azienda“.

Ancora una volta la pubblicità fa un passo avanti e la società italiana uno indietro: questo tipo di eventi dimostrano come spesso l’omofobia si annidi perfino tra le minoranze colpite da tali soprusi.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
baldwin 26.11.16 - 18:56

A dirla tutta, per la bambina è peggio bere latte di mucca che avere un papà che si trucca per gioco. La prima cosa fa male, la seconda no. Non sanno più a cosa aggrapparsi.

Avatar
Giovanni Di Colere 24.11.16 - 8:11

Peraltro devo dire che scegliere un formato piccolo rappresenta una scelta molto precisa e mirata. È anche un rischio poiché oggigiorno il latte dura molto di più grazie alle tecniche di microfiltrazione e di pastorizzazione più attente. Quindi si compra sempre il mezzo litro o il litro. Se avrà successo questo dipenderà dalla effettiva presenza di consumatori nell'area locale che cambieranno abitudini di acquisto. Non certo da dichiarazioni di caste politiche della vecchia accozzaglia. La pubblicità di "rottura" è coerente. Vedremo se ha successo.

Avatar
Valium 23.11.16 - 17:36

In 8 SECONDI di una pubblicità è stato detto di tutto. Quello è solo un uomo che per giocare con una bambina si è truccato pure lui. Non capisco cosa c'entrino i gay, le unioni civili, il fatto che sia zio o meno. Gente che esiste solo per polemizzare sul cazzo.

Trending

John Cena è su Only Fans?

Ma John Cena è davvero su Only Fans?

Culture - Riccardo Conte 23.2.24
Sentenza Bari due mamme Gay.it

Tribunale di Roma, sì alla trascrizione del certificato estero con due mamme

News - Redazione 26.2.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri - Specchio 8 - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri

Culture - Redazione 23.2.24
Foto: SchiDechDaily

Parità di genere nella Preistoria? Le donne erano cacciatrici come gli uomini (e anche meglio!)

News - Redazione Milano 20.2.24
Lewsi Hamilton rainbow

F1, il Bahrain vuole vietare la bandiera LGBTI+, cosa farà Hamilton in Ferrari?

Lifestyle - Redazione Milano 26.2.24
Rosso, bianco e sangue blu 2? Taylor Zakhar Perez alimenta le speranze di un sequel - Rosso bianco e sangue blu - Gay.it

Rosso, bianco e sangue blu 2? Taylor Zakhar Perez alimenta le speranze di un sequel

Cinema - Redazione 26.2.24

Hai già letto
queste storie?

lavoro lgbt diversity inclusion coppia lesbica.jpg

Lavoro, a che punto sono le aziende italiane in tema di inclusione della diversità?

News - Francesca Di Feo 29.11.23
TIM parità di genere - Lo spot di Giuseppe Tornatore

Cosa ne pensate dello spot sulla parità di genere che fa arrabbiare i Fascisti d’Italia?

Culture - Redazione Milano 4.1.24
milano fashion week settembre 2023

Milano Fashion Week, ecco cosa non perdere

News - Mandalina Di Biase 18.9.23
Buone notizie Italia 2022 Gay.it

Corte di Appello di Brescia: i figli hanno il diritto a vedere riconosciuti entrambi i genitori

News - Redazione 9.2.24
Chiara Ferragni con il volto martoriato nel post con cui Profit Ways ha pagato Meta per sponsorizzare le criptovalute

Il volto martoriato di Chiara Ferragni in un violento post Instagram

News - Redazione Milano 8.1.24
Pride Christmas Nutcracker (TARGET)

Schiaccianoci queer e Babbo Natale in sedia a rotelle? È subito polemica

News - Redazione Milano 28.11.23
Un Bagno di Folla: al Teatro Arcimboldi arriva il primo bagno genderless - Schermata 2023 10 02 alle 13.28.46 1 - Gay.it

Un Bagno di Folla: al Teatro Arcimboldi arriva il primo bagno genderless

Culture - Redazione Milano 2.10.23
The Lotus Sports Club

Una squadra di calcio queer in Cambogia: benvenutə al The Lotus Sports Club

Cinema - Riccardo Conte 26.10.23