Cannes: il “Draquila” di Sabina Guzzanti scuote il festival

Sprazzi di ordinaria omofobia nell'efficace pamphlet "Draquila – l'Italia che trema" di Sabina Guzzanti presentato con successo sulla Croisette. "Robin Hood" kolossal spettacolare poco emozionante.

Cannes: il "Draquila" di Sabina Guzzanti scuote il festival - cannes 10 primaBASE 1 - Gay.it
4 min. di lettura

Cannes: il "Draquila" di Sabina Guzzanti scuote il festival - cannes 10 primaF1 - Gay.it

Una signora infastidita dai commenti di Sabina Guzzanti sugli scandali sessuali del premier Berlusconi replica: “Meno male che gli piacciono le donne e non è frocio!”. Lo stesso Presidente del Consiglio in visita a L’Aquila ironizza con un gruppo di operai impegnati nella ricostruzione: “E le donne dove sono? Tutti gay? La prossima volta che vengo a trovarvi le porto io… le veline!”. Ci sono anche questi sprazzi omofobici nell’intenso e perturbante documentario “Draquila – L’Italia che trema” di Sabina Guzzanti presentato oggi alla stampa in Sala Buñuel. Stasera, alla proiezione ufficiale, la regista sarà presente al Palais con tutte le maestranze tecniche che hanno lavorato al film, una cinquantina di persone.

Cannes: il "Draquila" di Sabina Guzzanti scuote il festival - cannes 10 primaF2 - Gay.it

Già si parla di ‘caso politico’, forte della risonanza internazionale dovuta anche al rifiuto del ministro Bondi di recarsi al festival, pur non avendo visto il film, in seguito allo “sconcerto per la partecipazione di un’opera di propaganda che offende la verità e l’intero popolo italiano”. Le Monde parla infatti di ‘broncio’ e accosta il comportamento del ministro alla reazione di Vittorio Mussolini, nipote del duce, indignato dopo la proiezione del viscontiano “Ossessione” e di Andreotti che tuona contro “Ladri di biciclette” perché “dà un’immagine deprimente del Paese”. L’associazione “100 autori”, esprimendo solidarietà alla Guzzanti, ha anche chiesto le dimissioni di Bondi “che continua a non mantenere neanche le promesse di reintegro del FUS”.

Cannes: il "Draquila" di Sabina Guzzanti scuote il festival - cannes 10 primaF3 - Gay.it

Accolto con apprezzamenti e caldi applausi, “Draquila” è un efficace pamphlet nello stile del giornalismo d’inchiesta alla Michael Moore (“The Hollywood Reporter” considera la Guzzanti proprio ‘la risposta italiana’ all’autore di “Fahrenheit 9/11”) in grado di ricostruire con sorprendente lucidità la tragedia del terremoto aquilano svelando la gestione ‘militaresca’ e onnivora della Protezione Civile, dotata di poteri quasi assoluti grazie alla disinvolta commistione di ‘emergenze’ e ‘grandi eventi’. Così, l’annientamento di una splendida città d’arte e di cultura si è trasformato per Berlusconi in un’eccezionale occasione di rilancio d’immagine e rivalutazione delle sue doti di imprenditore edile grazie alla costruzione della new town periferica che ha però congelato ogni intervento nel centro storico della città ormai abbandonato a se stesso (davvero toccante la testimonianza dell’unico anziano rimasto asserragliato nella sua abitazione).

Cannes: il "Draquila" di Sabina Guzzanti scuote il festival - cannes 10 primaF4 - Gay.it

La Guzzanti riduce abilmente la parte satirica e confina l’imitazione del premier all’inizio del film, sapendosi giustamente defilare per far parlare i fatti denunciando l’impasse dell’opposizione e dando anche spazio ai fan di Berlusconi (l’esaltazione per il porta-champagne feticcio col simbolo della Repubblica è semplicemente agghiacciante). E la sinistra profezia nel finale sulla durata della ‘dittatura della merda’ che ricorda l’omonimo girone di pasoliniana memoria non può certo lasciare indifferenti. Nel catalogo del festival l’autrice parla di ‘giovane democrazia assoggettata’ e ha già scatenato la furia degli esponenti del governo: per Margherita Boniver del Pdl si tratta di una ‘caduta di stile delirante’.
Intanto ieri sera si è inaugurato il festival con l’epico kolossal "Robin Hood" di Ridley Scott alla presenza degli attori Russell Crowe e Cate Blanchett, quest’ultima avvolta in uno splendido Armani Privé rosa in tripla organza che omaggiava la Lady Marian volpina del classico Disney. Il regista non era presente perché reduce da un’operazione chirurgica a un ginocchio.

Cannes: il "Draquila" di Sabina Guzzanti scuote il festival - cannes 10 primaF5 - Gay.it

Spettacolare, sontuoso, con grandiose scene guerresche di massa ma poco emozionante e troppo lungo – quasi due ore e mezza – è una sorta di trascinato prequel che cerca una (improbabile) veridicità storica su Robin Longstride, arciere nella Terza Crociata di ritorno a casa dopo la morte di Riccardo Cuor di Leone in battaglia con l’impegno di consegnare la spada di un cavaliere morente all’anziano padre. Prenderà l’identità del defunto affiancandosi alla vedova Lady Marian, inizialmente restia ad apprezzarne ardire e ardore (un’eterea Cate Blanchett volitiva e sensuale, l’unico personaggio che resta impresso).
Questo ennesimo Robin Hood cinematografico rinuncia alla grazia malandrina di un Errol Flynn o alla simpatica cialtronaggine del cartoon Disney per restituire nella pelle di Russell Crowe un eroe piuttosto grezzo e monolitico, incentrato sull’azione delle sue imprese più che sui rapporti interpersonali, ridotti a battute cameratesche e dialoghi minimali.

Cannes: il "Draquila" di Sabina Guzzanti scuote il festival - cannes 10 primaF6 - Gay.it

Tra i personaggi secondari poco approfonditi, spicca un Fra’ Tac apicoltore vagamente queer con tanto di cappello protettivo a tesa larga e veletta, prodigo nel far divertire la comitiva maschile a colpi di ingollate di idromele ristoratore. La cosa migliore della tonante versione di Ridley Scott restano i titoli di coda in animazione realizzati dall’italiano Gianluigi Toccafondo, quando Robin Hood finalmente si nasconde nella foresta di Sherwood con gli altri ribelli, in fuga da Re Giovanni.
Visto che nel film è accentuata la storica rivalità tra francesi e inglesi (l’infinita battaglia finale sulla spiaggia di Dover sembra in tutto e per tutto lo sbarco in Normandia degli alleati in "Salvate il soldato Ryan") si è pensato diplomaticamente di scegliere come madrina della serata inaugurale l’inglese Christine Scott-Thomas ormai naturalizzata parigina.

di Roberto Schinardi – da Cannes

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Luciana Littizzetto e la lettera a Maurizio Costanzo: "Grazie per aver parlato di diritti LGBT, per aver abbassato il provincialismo bigotto della nostra nazione" (VIDEO) - Luciana Littizzetto e Maria De Filippi - Gay.it

Luciana Littizzetto e la lettera a Maurizio Costanzo: “Grazie per aver parlato di diritti LGBT, per aver abbassato il provincialismo bigotto della nostra nazione” (VIDEO)

Culture - Federico Boni 21.2.24
La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura - Sessp 38 - Gay.it

La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura

Culture - Federico Colombo 20.2.24
Eurovision 2024, i BIG in gara per San Marino. Ci sono i Jalisse, Marcella Bella e (forse) Loredana Bertè - Una Voce per San Marino 2024 - Gay.it

Eurovision 2024, i BIG in gara per San Marino. Ci sono i Jalisse, Marcella Bella e (forse) Loredana Bertè

Culture - Redazione 19.2.24
Heartstopper 3, parla Joe Locke: "Sarà più cupa e sexy, parleremo anche di salute mentale" - Joe Locke - Gay.it

Heartstopper 3, parla Joe Locke: “Sarà più cupa e sexy, parleremo anche di salute mentale”

Serie Tv - Redazione 20.2.24
CameraModaUnarAFG photo da IG: Tamu McPherson

Milano Fashion Week e lotta alla discriminazione, siglato accordo tra Unar e Camera della Moda

Lifestyle - Mandalina Di Biase 20.2.24
Bruce LaBruce The Visitor Berlinale - Gay.it

La rivoluzione queer è una liberazione, Bruce LaBruce con ‘The Visitor’ alla Berlinale

Cinema - Redazione Milano 21.2.24

Continua a leggere

“La solitudine è questa”, in anteprima a Roma il doc di Andrea Adriatico dedicato a Pier Vittorio Tondelli - 001a. La solitudine e questa Lorenzo Balducci e Tobia De Angelis 1 - Gay.it

“La solitudine è questa”, in anteprima a Roma il doc di Andrea Adriatico dedicato a Pier Vittorio Tondelli

Cinema - Redazione 23.9.23
festival di cinema gay in italia e queer culture

Rassegne e festival italiani di cinema LGBTIAQ+ e cultura queer che nel 2024 dovresti conoscere

Cinema - Redazione 1.2.24
Saltburn, recensione. Barry Keoghan e Jacob Elordi tra sesso, bugie e satira sociale - Saltburn Jacob Elordi - Gay.it

Saltburn, recensione. Barry Keoghan e Jacob Elordi tra sesso, bugie e satira sociale

Cinema - Federico Boni 19.10.23
Berlino 2024, tutti i film queer in corsa per il Teddy Award 2024 - Teddy Award 2024 film - Gay.it

Berlino 2024, tutti i film queer in corsa per il Teddy Award 2024

Cinema - Federico Boni 22.2.24
saltburn

Roma 2023, tutti i film in cartellone alla Festa del Cinema. C’è Saltburn di Emerald Fennell

Cinema - Federico Boni 22.9.23
Ferzan Ozpetek lancia Nuovo Olimpo: "Io non racconto gay o etero, racconto le persone come sono fatte, senza censure" - Nuovo Olimpo di Ozpetek - Gay.it

Ferzan Ozpetek lancia Nuovo Olimpo: “Io non racconto gay o etero, racconto le persone come sono fatte, senza censure”

Cinema - Federico Boni 22.10.23
nuovo olimpo

“Nuovo Olimpo” di Ferzan Ozpetek in anteprima alla Festa del Cinema di Roma

Cinema - Redazione 18.9.23
Estranei - All of Us Strangers, recensione. Andrew Scott e Paul Mescal nel nuovo meraviglioso film di Andrew Haigh - 003 001 S 02013 - Gay.it

Estranei – All of Us Strangers, recensione. Andrew Scott e Paul Mescal nel nuovo meraviglioso film di Andrew Haigh

Cinema - Federico Boni 30.10.23