Berlino 2024, tutti i film queer in corsa per il Teddy Award 2024

Pioggia di titoli LGBTQIA+ alla Berlinale. Scopriamoli insieme.

ascolta:
0:00
-
0:00
Berlino 2024, tutti i film queer in corsa per il Teddy Award 2024 - Teddy Award 2024 film - Gay.it
9 min. di lettura

É iniziata il 15 febbraio scorso la 74ª edizione del Festival internazionale del cinema di Berlino, con Lupita Nyong’o presidente di giuria e Orso d’oro alla carriera assegnato a Martin Scorsese. Tra i film in gara anche gli italiani Gloria! di Margherita Vicario e Another End di Piero Messina, con una gran quantità di titoli in corsa per il celebre Teddy Award, riconoscimento assegnato alle migliori opere a tematica LGBTQIA+ nato nel lontanissimo 1987, con Pedro Almodovar in trionfo grazie a La Legge del Desiderio.

Berlino 2024, tutti i film queer in corsa per il Teddy Award 2024 - Teddy Award 2024 - Gay.it

Il Teddy Award si presenta come “un onore politico e socialmente impegnato assegnato a film e persone che comunicano temi queer su un’ampia piattaforma sociale, contribuendo così alla tolleranza, all’accettazione, alla solidarietà e all’uguaglianza sociale“. Il Teddy Award viene dato per il miglior lungometraggio, il miglior documentario e il miglior corto, con annessi premio della Guria e premio speciale concesso a personalità eccezionali. I membri della giuria del Teddy Award 2024 sono Cerise Howard, Luís Fernando Moura, Diego Armando Aparicio, Kami Sid e Vic Carmen Sonne.

Questi i lungometraggi in gara.

All Shall Be Well di Ray Yeung (CINA)

Berlino 2024, tutti i film queer in corsa per il Teddy Award 2024 - All Shall Be Well - Gay.it

Angie e Pat sono una coppia lesbica benestante sulla sessantina. Vivono insieme da 30 anni nell’appartamento che Pat possiede a Hong Kong. La loro relazione è accettata dai loro amici e dalle loro famiglie, le due donne sono amate da coloro che le circondano. Dopo che Pat muore inaspettatamente, Angie non è solo supportata emotivamente dalla sua cerchia di amici, ma anche, almeno all’inizio, dalla famiglia di Pat. Tuttavia, a poco a poco, le discussioni sulla sepoltura e sull’eredità portano ad un allontanamento. Angie non ha il diritto legale di rimanere nell’appartamento che condivideva con Pat ed è in balia della sempre minore benevolenza della famiglia della sua defunta partner. Supportata dalla famiglia prescelta, Angie intraprende un viaggio di emancipazione in età avanzata.

Come in “Suk Suk”, Ray Yeung guarda ancora una volta alla vita quotidiana, spesso precaria, della vecchia comunità queer. Nel personaggio di Angie, crea un’eroina lesbica tranquilla ma allo stesso tempo straordinariamente resistente.

Between the Temples di Nathan Silver (USA)

Berlino 2024, tutti i film queer in corsa per il Teddy Award 2024 - Between the Temples di Nathan Silver - Gay.it

Ben, un cantante quarantenne, sta perdendo la voce e forse anche la fede. Mentre lotta per essere all’altezza delle aspettative del suo rabbino, della sua congregazione e di non una ma due madri ebree, una vecchia conoscenza ritorna improvvisamente nella sua vita: la vivace Carla, la sua insegnante di musica della scuola elementare che diventerà la sua futura Bat Mitzvah. Forse gli fornirà quella scossa di mezza età di cui non si era nemmeno reso conto di aver bisogno? Il loro legame inaspettato ma sempre più stretto è minacciato da due fattori esterni: il figlio di Carla, che è profondamente sospettoso della ritrovata religiosità di sua madre; e Gabby, anche lei alla ricerca dell’affetto di Ben.

Cidade; Campo di Juliana Rojas (BRASILE)

Berlino 2024, tutti i film queer in corsa per il Teddy Award 2024 - Campo di Juliana Rojas - Gay.it

Due racconti di migrazione tra città e campagna. Dopo le devastanti inondazioni nella sua città natale, la lavoratrice rurale Joana si trasferisce a San Paolo per trovare sua sorella Tania, che vive con suo nipote Jaime. Joana fatica a vivere in questa “città lavorativa”. Entrata nel mondo del lavoro precario, fa domanda per un lavoro presso un’impresa di pulizie. Lì, Joana si lega gradualmente ai suoi colleghi, la cui lotta collettiva per migliori condizioni di lavoro dà un nuovo significato alla sua vita. Nel frattempo, il suo rapporto sempre più profondo con il giovane Jaime risveglia i ricordi del figlio scomparso. Nella seconda parte del film, in seguito alla morte del padre separato, Flavia si trasferisce nella sua fattoria con la moglie Mara. Le due donne lottano per ricominciare da capo nel deserto. Vivendo nella casa abbandonata, Flavia scopre aspetti sconosciuti della vita di suo padre. La coppia subisce uno shock nell’affrontare la dura realtà della vita quotidiana rurale. Flavia comincia a sospettare che ci sia qualcosa nel bosco che circonda la casa. La natura costringe la coppia a confrontarsi con vecchi ricordi e fantasmi.

Des Teufels Bad di Veronika Franz & Severin Fiala (GERMANIA)

Berlino 2024, tutti i film queer in corsa per il Teddy Award 2024 - Des Teufels Bad - Gay.it

Austria, 1750. Uno stagno con i pesci riflette il cielo coperto. Una foresta profonda e oscura inghiottisce la luce del sole. Sulla cima di una collina è esposto il cadavere di una donna impiccata. Come esempio. Un avvertimento. Un presagio? Agnes, profondamente religiosa e molto sensibile, guarda alla donna morta con pietà. Ma anche con desiderio: si sente un’estranea nel mondo di suo marito Wolf, che ha appena sposato. È un mondo emotivamente freddo fatto di lavoro, faccende domestiche e aspettative. Agnes si chiude sempre più in se stessa. La sua prigione interiore diventa sempre più opprimente. Ben presto, la sua unica via d’uscita sembra essere uno scioccante atto di violenza.
Veronika Franz e Severin Fiala creano un ritratto psicologico profondo e inquietante di una donna fatta di carne e ossa, nervi e anima, interpretata da Anja Plaschg, autrice anche della colonna sonora. Des Teufels Bad dà voce alle contadine che in quel tempo erano invisibili e inascoltate, descrivendo la loro dura vita quotidiana definita da dogmi religiosi e tabù. Il film è basato su documenti storici reali legati ad un capitolo scioccante e inesplorato della storia europea.

Huling Palabas di Ryan Machado (FILIPPINE)

Berlino 2024, tutti i film queer in corsa per il Teddy Award 2024 - Huling Palabas di Ryan Machado - Gay.it

In ogni film che guarda, il sedicenne Andoy crea narrazioni che potrebbero aiutarlo a trovare le risposte alle domande che lo hanno sempre tormentato: chi è lui e chi è suo padre? La verità rimane sfuggente; nessuna delle sue ipotesi diventa realtà. Ma poi nella città natale di Andoy compaiono due personaggi che sembrano usciti da un film: Ariel, un parrucchiere che attira i giovani con il suo fascino inspiegabile, e Isidro, un misterioso uomo dai capelli lunghi che possiede un lettore VCD. Andoy si ritrova estasiato da entrambi. Ma più si ritrova invischiato nelle loro vite contorte, più la sua realtà comincia a vacillare.

I Saw the TV Glow di Jane Schoenbrun (USA)

I SAW THE TV GLOW (2024)

L’adolescente Owen sta cercando di sopravvivere nella propria vita di periferia quando il suo compagno di classe le mostra un misterioso programma televisivo notturno – una visione di un mondo soprannaturale che si trova al di sotto del loro mondo. Nella pallida luce della TV, la visione della realtà di Owen inizia a incrinarsi.

The Visitor di Bruce LaBruce (REGNO UNITO)

Bruce LaBruce The Visitor Berlinale Gay.it_

The Visitor è una rivisitazione inglese du Teorema di Pier Paolo Pasolini, del 1968. L’enigmatico protagonista, conosciuto da tutti come “il visitatore”, arriva a casa di una famiglia benestante e seduce uno dopo l’altro i membri della famiglia. Quando all’improvviso se ne va, lascia dietro di sé un vuoto che gli altri tenteranno di compensare in modi diversi…

Tú me abrasas di Matías Piñeiro (SPAGNA)

Berlino 2024, tutti i film queer in corsa per il Teddy Award 2024 - Tu me abrasas di Matias Pineiro - Gay.it

Tú me abrasas è un adattamento di “Schiuma d’Onda” di Cesare Pavese, pubblicato nel 1947. La poetessa greca Saffo e la ninfa Britomarti si incontrano in riva al mare e conversano sull’amore e sulla morte. Si dice che Saffo si sia gettata nell’oceano per il mal d’amore. Apparentemente Britomarti è caduta da una scogliera mentre fuggiva da un uomo. Insieme, le due donne discutono delle storie e delle immagini emerse intorno a loro per cercare di comprendere, almeno per un momento, la natura agrodolce del desiderio.

Banale Tage di Peter Welz (GERMANIA)

Berlino 2024, tutti i film queer in corsa per il Teddy Award 2024 - Banale Tage - Gay.it

Berlino Est, 1978. Thomas è un apprendista attrezzista, Michael è uno studente delle superiori. Il padre di Thomas è un operaio, mentre quello di Michael lavora al teatro Volksbühne. I due adolescenti sono in contrasto con i loro padri e con le autorità rappresentate dal caposquadra e dal preside della scuola. Si ribellano al sistema paternalistico che non dà ai giovani spazio per crescere e pretende il conformismo. Quando il padre di Michael definisce un’opera teatrale “sovversiva”, Thomas protesta apertamente. E tutto questo allerta la Stasi.

Betania di Marcelo Botta (BRASILE)

Berlino 2024, tutti i film queer in corsa per il Teddy Award 2024 - Betania di Marcelo Botta BRASILE - Gay.it

Betânia ha 65 anni ed è una fedele matriarca di famiglia. Dopo la morte del marito, le figlie la convincono a tornare nel villaggio dove è nata e dove vive tutt’ora il resto della sua famiglia. Il villaggio si trova ai margini delle dune di sabbia del parco nazionale dei Lençóis Maranhenses, nello stato brasiliano del Maranhão, in una regione recentemente desertificata non molto lontana dall’Amazzonia. Betânia lascia il suo stile di vita semplice e agricolo privo di elettricità e arriva in un luogo dove tradizione e modernità si scontrano. Spinti dal suono ancestrale del Maranhão, Betânia e la sua famiglia lottano per mantenere il proprio senso di identità. Nonostante le imponenti dune di sabbia, l’acqua inquinata, le difficoltà finanziarie e i litigi intergenerazionali, la vita trova una strada, come sempre.

Crossing di Levan Akin (SVEZIA)

Berlino 2024, tutti i film queer in corsa per il Teddy Award 2024 - Crossing di Levan Akin - Gay.it

Lia, un’insegnante in pensione, ha promesso di scoprire cosa sia successo a sua nipote Tekla, scomparsa da tempo. Quando Lia apprende da un vicino, Achi, che Tekla potrebbe aver lasciato la loro terra natale in Georgia per andare in Turchia, Lia e Achi partono insieme per trovarla. Arrivati a Istanbul scoprono una bellissima città piena di connessioni e possibilità. Ma cercare qualcuno che non ha mai avuto intenzione di essere trovato è più difficile di quanto si aspettassero, finché non incontrano Evrim, un avvocato che lotta per i diritti delle persone trans…

Cuckoo di Tilman Singer (USA)

Berlino 2024, tutti i film queer in corsa per il Teddy Award 2024 - Cuckoo di Tilman Singer - Gay.it

Gretchen si reca sulle Alpi tedesche con il padre e la matrigna. Nella località turistica dove alloggiano, si imbatte in alcuni oscuri segreti. Sente strani rumori ed è tormentata da visioni spaventose di una donna che la insegue. Gretchen viene coinvolta in una cospirazione che coinvolge bizzarri esperimenti da parte del proprietario del resort che riecheggia generazioni passate…

Langue Étrangère di Claire Burger (GERMANIA)

Berlino 2024, tutti i film queer in corsa per il Teddy Award 2024 - Langue Etrangere - Gay.it

Fanny, una studentessa francese di 17 anni, parte per un viaggio di scambio linguistico in Germania. A Lipsia incontra la sua amica di penna Lena, che ha la sua stessa età e che è desiderosa di impegnarsi nell’attivismo politico. Per impressionare Lena, Fanny, piuttosto timida e riservata, inventa una vita diversa, ma rimane presto intrappolata nel suo inganno.

Love Lies Bleeding di Rose Glass (USA)

Berlino 2024, tutti i film queer in corsa per il Teddy Award 2024 - Love Lies Bleeding - Gay.it

Jackie, un’ambiziosa bodybuilder in viaggio verso Las Vegas, si innamora di Lou, solitaria direttrice di una palestra. Ma il loro amore scatena la violenza, trascinandole nella rete della famiglia criminale di Lou, interpretata da Kristen Stewart.

Sex di Dag Johan Haugerud (NORVEGIA)

Berlino 2024, tutti i film queer in corsa per il Teddy Award 2024 - Sex di Dag Johan Haugerud - Gay.it

Due spazzacamini che vivono in matrimoni monogami ed eterosessuali finiscono entrambi in situazioni che mettono in discussione le loro opinioni sulla sessualità e sui ruoli di genere.In Sex di Dag Johan Haugerud, che si tratti di etero o omosessuali gli spiritosi giochi di parole sfidano le immagini normative degli uomini e della società nella moderna Norvegia urbana.

Sieger Sein di Soleen Yusef (GERMANIA)

Berlino 2024, tutti i film queer in corsa per il Teddy Award 2024 - Sieger Sein di Soleen Yusef - Gay.it

Mona, undicenne, e il resto della sua famiglia curda composta da sette membri sono fuggiti dalla Siria e sono finiti a Berlino. O, più precisamente, nel quartiere di Wedding dove Mona viene mandata in una famigerata scuola elementare frequentata al 90 per cento da “stranieri”. Nella scuola regna il caos. La maggior parte degli insegnanti sta avendo un esaurimento nervoso e il livello di frustrazione tra gli alunni cresce di giorno in giorno. Anche Mona lo sente. Parla a malapena il tedesco, ma ama il calcio. Nella sua città natale giocava spesso per strada. Le mancano la sua casa, i suoi amici e soprattutto sua zia Helin. Era l’eroina di Mona che ha sempre sostenuto la sua passione per il calcio. Tutto è diverso in Germania. Mona riesce comunque ad entrare nella squadra di calcio scolastica ma viene subito identificata come una outsider, tanto che giocare con le altre ragazze si rivelerà più difficile del previsto.

Young Hearts di Anthony Schatteman (BELGIO)

Berlino 2024, tutti i film queer in corsa per il Teddy Award 2024 - Young Hearts - Gay.it

Nel bel mezzo dell’anno scolastico, il quattordicenne Elias incontra il suo nuovo vicino Alexander, un ragazzo di Bruxelles che sembra sicuro di sé e testardo. I due si trovano subito d’accordo. Alexander chiede a Elias se ha una ragazza e rivela senza esitazione che anche lui ama i ragazzi. Ad Elias piace passare il tempo con Alexander, ma tiene per sé i suoi crescenti sentimenti. Impaurito dalle reazioni di chi lo circonda, rimane intrappolato in una rete di bugie finché non sa più come districarsi se non allontanando Alexander. Elias si sente completamente solo. Tuttavia, dopo una sincera conversazione con suo nonno su quanto amasse la moglie defunta, Elias si rende conto che l’amore è troppo prezioso per lasciarlo sfuggire. Deve trovare un modo per riconquistare Alexander…

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

B&B rifiuta coppia omosessuale a Busca in provincia di Cuneo

B&B di Busca che rifiuta omosessuali scovato da Gay.it: Booking.com non elimina l’annuncio, la titolare fornisce nuove versioni omofobe ai quotidiani

News - Giuliano Federico 16.7.24
Paola Turci e Francesca Pascale sarebbero in crisi

Paola Turci e Francesca Pascale hanno sciolto la loro unione civile

News - Redazione 18.7.24
Tale e Quale Show 2024, Carlo Conti svela il cast ufficiale. 11 protagonisti, alcuni molto poco conosciuti - Tale e Quale Show 2024 il cast - Gay.it

Tale e Quale Show 2024, Carlo Conti svela il cast ufficiale. 11 protagonisti, alcuni molto poco conosciuti

Culture - Redazione 18.7.24
Vladimir Luxuria Isola dei Famosi 2024

Palinsesti Mediaset 2024/2025. Vladimir Luxuria non condurrà più l’Isola dei Famosi. Verissimo incontra Amici

Culture - Redazione 17.7.24
Kit Connor di Heartstopper sarà Hulkling, supereroe gay, nel Marvel Cinematic Universe? - Kit Connor di Heartstopper sara Hulkling supereroe gay nel Marvel Cinematic Universe - Gay.it

Kit Connor di Heartstopper sarà Hulkling, supereroe gay, nel Marvel Cinematic Universe?

Culture - Redazione 17.7.24
Rocco Barocco attacca il Pride

Rocco Barocco, lo stilista apertamente gay attacca il Pride

News - Mandalina Di Biase 17.7.24

Hai già letto
queste storie?

raffaella-carra-opera-lirica

David 2024, c’è anche “Raffa” tra i candidati per il miglior documentario

Cinema - Redazione 26.1.24
Close to You, recensione. Il ritorno di Elliot Page, tanto atteso quanto deludente - close to you 01 - Gay.it

Close to You, recensione. Il ritorno di Elliot Page, tanto atteso quanto deludente

Cinema - Federico Boni 19.4.24
Scream 7 sarà diretto dal suo creatore Kevin Williamson. E torna Neve Campbell! - Scream - Gay.it

Scream 7 sarà diretto dal suo creatore Kevin Williamson. E torna Neve Campbell!

Cinema - Redazione 13.3.24
I film LGBTQIA+ della settimana 29 gennaio/4 febbraio tra tv generalista e streaming - film lgbt - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 29 gennaio/4 febbraio tra tv generalista e streaming

Cinema - Federico Boni 29.1.24
Cinque film di culto di Pedro Almodóvar tornano nei cinema d'Italia - Pedro Almodovar Rossy de Palma e Veronica Forque sul set di Kika – Foto di Jean Marie Leroy © El Deseo - Gay.it

Cinque film di culto di Pedro Almodóvar tornano nei cinema d’Italia

Culture - Redazione 10.5.24
"Orlando, my biographie politique", il manifesto trans di Paul B. Preciado arriva nei cinema d'Italia - Orlando my biographie politique 2 - Gay.it

“Orlando, my biographie politique”, il manifesto trans di Paul B. Preciado arriva nei cinema d’Italia

Cinema - Redazione 15.3.24
Downton Abbey 3, Imelda Staunton conferma che il terzo film si farà e sarà l'ultimo - Downton Abbey - Gay.it

Downton Abbey 3, Imelda Staunton conferma che il terzo film si farà e sarà l’ultimo

Cinema - Redazione 20.3.24
Andrew Scott in Estranei (2023)

Estranei è molto più di una storia d’amore gay

Cinema - Riccardo Conte 27.2.24