#CinemaSTop: Velociraptor, come amarsi in attesa della fine del mondo

Al Festival In&Out di Nizza anche lo psico-teatrale 4:48 e il deludente Fort Buchanan

Il cinema queer messicano contemporaneo è tra i più originali e meno allineati, spesso alla ricerca di rappresentazione di mondi realmente alternativi con uno stile personale e incisivo: si pensi allo sperimentalismo visionario di Julian Hernandez o al quasi omonimo Julio Hernandez Cordon, rivelazione a Locarno 2015 con l’intrigante Te prometo anarquia.

È stato presentato ieri al cinema Mercury di Nizza, durante il festival In & Out che proseguirà fino a domenica per poi spostarsi a Beaulieu-sur-mer e Cannes, il catastrofico-sentimentale Velociraptor di Chucho E. Quintero in cui si immagina che l’Apocalisse sia imminente – si presume per motivi ambientali, visto che il cielo assume minacciosi colori plumbei, ma non viene chiarito – e due giovani amici, Diego e Alex (Carlos Hendrick Huber e Pablo Mezz, dotati di un’espressività fresca e spontanea) scoprono una reciproca attrazione mentre intorno a loro la gente si abbandona a gesti disperanti e il nichilismo impera.

Velociraptor

Velociraptor 2

Anche se la questione apocalittica resta piuttosto pretestuosa – il film si concentra sulle baruffe sentimentali tra i due, in particolare sul disagio di Alex nello sperimentare il rapporto anale passivo, e sembra davvero che siano totalmente disinteressati alla fine imminente – e il low-low budget mostra i limiti di una confezione evidentemente artigianale, alcuni momenti di intima confessione, tra speranze di condivisione e scoperta reciproca, ispirano una certa simpatia. Il titolo deriva dalla passione per i dinosauri di Alex, in particolare proprio il Velociraptor che campeggia sulla sua maglietta preferita.

Ti suggeriamo anche  Mamma si commuove nel ricordare il coming out del figlio 14enne alla prima di Tuo, Simon - video

4.48

Meglio il lesbico 4:48 (Sulle tracce di Sarah Kane) di Jacky Katu, in cui si tratteggia con buon acume psicologico e una funzionale fotografia desaturata il bel personaggio di Anaïs interpretato da una convincente Aurélie Houguenade, attrice teatrale letteralmente posseduta dal suo ruolo di Sarah Kane, l’acclamata commediografa britannica morta suicida a 28 anni, nella sua ultima opera 4:48 Psychosis. Ma il suo ruolo è conteso da un’altra attrice e il rapporto col regista è sempre più teso e per convincerlo del fatto che sia lei la migliore interprete, Anaïs s’identifica a tal punto con Sarah Kane e con la sua sensibilità esacerbata da stravolgere la propria vita privata: ripercorre i passi della sua eroina in un viaggio euforizzante a Londra, si innamora perdutamente di una donna, cerca di cancellare alcuni tratti della personalità di Anaïs (“Sono io Sarah Kane rivela a una sua amante). Grazie a una macchina da presa stretta sul corpo della Houguenade, che rischia un po’ di fagocitare l’intero film ma è bravissima a rendere credibile il transfert psicotico, lo spettatore entra nell’universo borderline della Kane fra eccessi fiammeggianti e down depressivi verticali, scoprendo un’artista tormentata di massima creatività.

Fort BuchananPotrebbe invece candidarsi al peggiore film gay della stagione e persino vincere, il deludente Fort Buchanan di Benjamin Crotty, imbarazzante e indefinibile ufo cinematografico in cui il fidanzato di un militare in missione a Gibuti si ritrova in una sorta di base militare persa nei boschi (ma sembra una comunità agricola un po’ hippy) insieme a un gruppo di donne sfaccendate che ogni tanto si lasciano a incongrue pulsioni lesbiche, si direbbe per ingannare la noia. Dura solo un’ora e cinque minuti ma sembra interminabile, la recitazione è sotto il livello di guardia e il ciondolamento reiterato non porta da nessuna parte (persino quando vanno a trovare il soldato a Gibuti, unico momento in cui sembra almeno che ci sia un minimo di contestualizzazione militaresca, non fanno altro che oziare e ubriacarsi in festicciole infinite). Vorrebbe scimmiottare l’atmosfera bucolica tipicamente rohmeriana – il protagonista belloccio ma inespressivo, Andy Gillet, aveva recitato ne Gli amori di Astrea e Céladon – ma suona falso e supponente. Pessimo.