Foto

Corrado Cagli, l’artista queer che voltò le spalle al regime fascista, in mostra a New York – GALLERY

La mostra dedicata all'artista: fino al 27 Gennaio 2024 presso il CIMA di New York.

ascolta:
0:00
-
0:00
Transatlantic bridges: Corrado Cagli, 1938-1948
Transatlantic bridges: Corrado Cagli, 1938-1948
2 min. di lettura

Nella prima metà del XX secolo, Corrado Cagli era un punto di riferimento nel movimento pittorico moderno.

Nato ad Ancona e trasferitosi a Roma nel 1915 insieme alla famiglia, dopo essersi laureato presso l’Accademia di Belle Arti e aver fatto parte dello studio del  grafico e decoratore Liberty e Déco, Paolo Paschetto, Cagli si dedicò a progetti pubblici su commissione del regime fascista italiano: ma nel 1937, con l’emanazione delle prime leggi razziali, l’artista diventò una figura ‘scomoda’: non solo un reazionario per il regime, ma anche un omosessuale ebreo in totale opposizione con i valori del vero maschio italico dell’epoca.

Così, Cagli emigrò oltreoceano e cominciò una nuova era: diventò attivo nell’ambiente dei surrealisti anti-bretoni della rivista View e divenne protagonista di un momento fondamentale della cultura gay newyorkese, collaborando con artisti coinvolti con la Ballet Society e con Harper’s Bazaar, ed esponendo alla galleria di Alexander Iolas.

All’alba della seconda guerra mondiale, Cagli si arruolò nell’esercito americano, svolgendo addestramento sulla costa occidentale, per poi tornare in Europa e partecipare a eventi storici, tra cui la liberazione del campo di concentramento di Buchenwald – da cui trasse i crudi ritratti delle vittime della Shoah.

Con le sue opere Cagli contrastava la retorica fascista, mettendola in discussione, interrogandola, e mostrando uno sguardo sulla realtà per nulla piegato alle leggi del mercato. Al carattere ideologico delle leggi razziali, Cagli rispondeva con un’arte incatalogabile che non aveva paura di non essere fraintesa o criticata.

Vantando collaborazioni con il MoMA di New York, Irene Brin e la galleria romana L’Obelisco, al termine del conflitto mondiale, il suo contributo artistico fu essenziale per permettere un punto d’incontro tra Italia e Stati Uniti.

Se in questi giorni capitate a spasso per la Grande Mela, potete riscoprirlo con Transatlantic Bridges: Corrado Cagli, 1938-1948, mostra a cura di Raffaele Bedarida, dedicata all’artista fino al 27 Gennaio 2024 presso il CIMA (Center for Italian Modern Art) di New York (fondazione pubblica no profit finalizzata a promuovere l’arte italiana moderna e contemporanea al pubblico internazionale).

Disegni, dipinti, foto ed ephemera per (ri) esplorare Cagli, toccando diverse tappe fondamentali del suo percorso artistico (come la collaborazione con George Balanchine e la Ballet Society).

Tutto accompagnato da una serie di eventi aperti al pubblico (in collaborazione con il Centro Primo Levi (che da anni contribuisce allo studio e la divulgazione dell’artista), che attraverso talk e conversazioni affronteranno le varie tematiche delle sue opere.

Una preview nella nostra gallery.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Essere gay e candidarsi come sindaco in provincia, attacchi omofobi a Riccardo Vannetti: "La risposta è l'educazione alle diversità" - INTERVISTA - riccardo vannetti - Gay.it

Essere gay e candidarsi come sindaco in provincia, attacchi omofobi a Riccardo Vannetti: “La risposta è l’educazione alle diversità” – INTERVISTA

News - Francesca Di Feo 17.5.24
©AFP

Meryl Streep è nessunə e tuttə noi

Cinema - Riccardo Conte 20.5.24
daniel craig queer guadagnino

Queer: “È fantastico, dura 3 ore e sarà a Venezia”. Luca Guadagnino: “È il film che avevo in testa da 35 anni”

News - Redazione 20.5.24
Rainbow Map 2024, l'Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT - rainbowmap - Gay.it

Rainbow Map 2024, l’Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT

News - Federico Boni 15.5.24
iraq-donne-trans (2)

Iraq, la strage silenziosa delle donne trans, uccise dai loro familiari per “onore”

Corpi - Francesca Di Feo 20.5.24
HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano) - 1000056146 01 - Gay.it

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano)

Corpi - Gio Arcuri 29.1.24

I nostri contenuti
sono diversi

Michele Bravi ritratto da Mauro Balletti per 'Tu cosa vedi quando chiudi gli occhi?'

L’atlante di Michele Bravi, tra poesie e pornostar – l’intervista

Musica - Riccardo Conte 9.4.24
michael-stipe-binarismo-di-genere

Michael Stipe sul binarismo di genere: “Nel ventunesimo secolo stiamo riconoscendo le zone grigie”

Musica - Francesca Di Feo 15.12.23
Alessandro Magno, il docudrama Netflix sostiene la bisessualità del mitico re di Macedonia - Alessandro Magno - Gay.it

Alessandro Magno, il docudrama Netflix sostiene la bisessualità del mitico re di Macedonia

Serie Tv - Federico Boni 2.2.24
Cate Blanchett insieme a Coco Francini e la Dott.ssa Stacy L. Smith (Good Morning America)

Cate Blanchett a sostegno dellə cineastə donne, trans, e non binary

Cinema - Redazione Milano 19.12.23
Maestro (Netflix, 2023)

Maestro: la vera storia di Leonard Bernstein e Felicia Montealegre

Culture - Riccardo Conte 4.12.23
Biennale Arte Venezia 2024 - Foreign Everywhere by Adriano Pedrosa

Siamo ovunque: cosa aspettarci dalla Biennale queer e decolonizzata di Adriano Pedrosa

Culture - Redazione Milano 2.2.24
Re Giacomo I d'Inghilterra era davvero gay? La storia vera dietro la serie Mary & George - Mary and George - Gay.it

Re Giacomo I d’Inghilterra era davvero gay? La storia vera dietro la serie Mary & George

Serie Tv - Federico Boni 21.3.24
Omosessuale- Oppressione e Liberazione

Perché leggere oggi “Omosessuale: Oppressione e Liberazione”, un classico della Gay Liberation, intervista a Lorenzo Bernini

Culture - Alessio Ponzio 4.4.24