Della Vedova: “Vado al Gay Pride. Polemiche strumentali”

Il deputato del Pdl ha dichiarato ai microfoni di Radio Radicale che parteciperà al corteo del 28 giugno. “Sulle coppie di fatto siamo indietro rispetto a tutta Europa”.

"Io sarò al prossimo Gay Pride, non sarà la prima volta, ci sono andato in passato e penso che ci andrò quest’anno". Lo ha dichiarato ai microfoni di Radio Radicale il deputato del Pdl Benedetto Della Vedova, ex radicale ed ora membro della corrente liberale del partito di Berlusconi.

"La polemica sul patrocinio ministeriale al Gay Pride mi sembra strumentale – ha dichiarato Della Vedova – e anche un po’ stupida e come tale va considerata. Non è quello un problema. Rispetto al discorso più generale continuo a pensare che per quanto riguarda le coppie omosessuali in Italia vi è un problema serio di riconoscimento giuridico che rende la nostra legislazione diversa e deficitaria rispetto a quella della maggior parte dei grandi paesi europei dove anche le forze di centro destra, le forze del Ppe, hanno o direttamente promosso o comunque mai cancellato i vari strumenti di riconoscimento giuridico delle coppie omosessuali".

Cinema

Pepi, Luci, Bom e le altre ragazze del mucchio, 40 anni fa Pedro Almodovar faceva il suo esordio alla regia

Un film girato tra amici e con appena 400 pesetas di budget, in omaggio alla movida madrilena post-franchista, con una trama delirante e volutamente audace nel portare in scena i cosiddetti 'reietti' della società spagnola dell'epoca, vedi transessuali, omosessuali, bisessuali e donne sessualmente libere.

di Federico Boni