“Pensavo che i gay fossero malati e perversi, ora li difendo”: il post di questa giovane musulmana è diventato virale

Perché la religione non può essere pretesto per odiare.

"Pensavo che i gay fossero malati e perversi, ora li difendo": il post di questa giovane musulmana è diventato virale - ala ama la igualdad 770x434 1 - Gay.it
2 min. di lettura

La religione non può essere pretesto per portare avanti discriminazioni di ogni sorta: a sostenerlo è una giovane ragazza di Roma, Sara A., il cui post all’indomani del Pride di Roma ha ottenuto migliaia di like e condivisioni.

Ero omofoba, ma adesso non lo sono più. Ero dell’idea che ammettere l’esistenza di musulmani omosessuali fosse qualcosa di blasfemo. Li rinnegavo, voltavo il viso ed esclamavo astaghfirullah – chiedo perdono ad Allah – se incrociavo un transessuale per strada o due uomini che si tenevano per mano”. Comincia così il post di Sara, 25enne musulmana laureata in Scienze delle Relazioni Internazionali e residente a Roma. “Me ne vergogno, ma ero dell’idea che l’omosessualità fosse una malattia da accettare nella speranza di poter guarire. È peccato, sono perversi, l’Islam lo vieta, l’Islam li condanna: erano affermazioni di cui ero fortemente convinta” continua.

Sara A. ha scelto di raccontare su Facebook l’evoluzione del suo pensiero, cambiato anche grazie alla figura di Wajahat Abbas, ragazzo pakistano omosessuale di religione musulmana da tempo attivo per i diritti dei gay musulmani. Il fortuito incontro (virtuale) con il profilo del ragazzo ha radicalmente stravolto le sue convinzioni: “Ho passato ore a leggere il suo profilo. Sono entrata in crisi e mi chiedevo come fosse possibile che la religione che amo profondamente bandisse in modo così cruento un suo fedele”.

Wajahat aveva visto in Allah la misericordia e la clemenza che lei, forse, non era riuscita a vedere: “Davanti alla sua foto con in mano il cartello Allah Loves Equality ho capito che ero offuscata dall’ignoranza e dalla paura”.

Come ha rivelato al magazine online TPI, specializzato in questioni di politica internazionale, Sara ha ricevuto molte critiche (anche da persone del suo stesso credo) ma anche numerosi messaggi di solidarietà: “Un ragazzo mi ha scritto che grazie a me stava rivedendo la sua posizione nei confronti dell’Islam. Un’altra, eterosessuale e musulmana, mi ha detto che apprezzava il mio coraggio per aver pubblicamente espresso un concetto così forte”.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano) - 1000056146 01 - Gay.it

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano)

Corpi - Gio Arcuri 29.1.24
Tom Daley e Stefano Belotti

Chi è Stefano Belotti, il tuffatore azzurro che augura buon compleanno a Tom Daley

Lifestyle - Mandalina Di Biase 22.5.24
Queer Planet, il trailer del doc sugli animali LGBTI+ scatena i conservatori d'America (VIDEO) - Queer Planet Official Trailer - Gay.it

Queer Planet, il trailer del doc sugli animali LGBTI+ scatena i conservatori d’America (VIDEO)

News - Redazione 21.5.24
Nemo vincitore Eurovision 2024

Nemo dopo l’Eurovision vola alla conquista degli States, ma “The Code” (per ora) non fa il botto

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
Paola e Chiara singolo estivo Festa totale

Paola e Chiara, arriva il singolo “Festa totale”: “Il nostro grido d’amore forte e libero”

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo - In from the Side cover - Gay.it

Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo

Corpi - Federico Boni 20.5.24

Hai già letto
queste storie?

Yemen, 13 persone condannate ad esecuzione pubblica per "omosessualità" - Indonesia fustigazione gay - Gay.it

Yemen, 13 persone condannate ad esecuzione pubblica per “omosessualità”

News - Redazione 9.2.24
Islam LGBTIAQ musulmani Politecnico Milano

Seminari e incontri islamici anti-LGBTQIA+: bufera sul Politecnico di Milano, ecco cosa è successo

Culture - Francesca Di Feo 11.4.24