Coldplay, contestazione di 300 musulmani fondamentalisti al concerto: “Sostengono la causa LGBTQIA+”

Critiche alla band anche dagli organismi di regolamentazione islamica. Cosa è successo a Jakarta.

ascolta:
0:00
-
0:00
coldplay indonesia musulmani
coldplay indonesia musulmani
2 min. di lettura

Centinaia di musulmani conservatori hanno manifestato di fronte al primo concerto dei Coldplay in Indonesia, entrando in conflitto con le forze dell’ordine e contestando gli spettatori. La ragione di questa protesta è il supporto della band britannica alla comunità LGBTQIA+.

L’accaduto è stato riportato da vari siti locali, tra cui The Borneo Post, secondo il quale centinaia di musulmani conservatori hanno protestato fuori dal primo concerto dei Coldplay, scontrandosi con la polizia e contestando gli spettatori del concerto a causa del sostegno della band britannica alla comunità LGBTQ+.

Diverse organizzazioni islamiche avevano chiesto che l’unico concerto dei Coldplay in Indonesia, un Paese a maggioranza musulmana, venisse cancellato a causa delle opinioni della band che, secondo loro, sono in contrasto con le loro convinzioni conservatrici. Qualcosa del genere era accaduto ai Maneskin anche in Malesia.

Lo spettacolo si è svolto presso lo stadio Gelora Bung Karno nella capitale Jakarta ed è stato parte del “Music of the Spheres World Tour” della band. All’esterno dello stadio, prima dell’inizio del concerto, almeno 300 musulmani conservatori si sono riuniti per cantare e tenere striscioni contrari allo spettacolo, secondo quanto riportato da un giornalista dell’AFP. Molti di loro facevano parte di un gruppo che si autodefinisce “movimento anti-LGBT” e, quando sono stati affrontati dalla polizia, i manifestanti hanno iniziato a spingere e scontrarsi con gli agenti. Hanno quindi fischiato gli spettatori del concerto che arrivavano allo stadio e hanno urlato accuse, additando i Coldplay come sostenitori della comunità LGBTQ+ come se questo fosse un’accusa. Su alcuni striscioni sono apparse scritte che accusavano la band di fare “propaganda LGBT” e di danneggiare la “fede e la morale” del Paese.

In Indonesia, l’omosessualità non è considerata illegale, ad eccezione della provincia conservatrice di Aceh, che segue leggi islamiche severe. Nonostante ciò, le coppie gay spesso sono soggette a persecuzioni e discriminazioni nel Paese, il più popoloso al mondo con una maggioranza di cittadini musulmani, e dove l’argomento dell’omosessualità rimane ancora un tabù. Il tema è di grande attualità in questi giorni, anche per la spinosa questione dell’appoggio di una larga parte della comunità queer mondiale alla causa palestinese, nonostante anche in Palestina la legge islamica perseguiti la comunità LGBTIQA+.

Riferisce AFP che AnwarAbbas, vice presidente del Consiglio degli Ulema Indonesiani, l’organismo di regolamentazione islamica più influente del Paese, ha espresso critiche riguardo alla decisione di mantenere lo spettacolo, sottolineando che nessuna delle sei religioni riconosciute in Indonesia permette o tollera la pratica LGBT.

Il portavoce della polizia di Jakarta, Trunoyudo Wisnu Andiko, ha informato i giornalisti che i manifestanti non avevano ottenuto il permesso per organizzare la loro protesta. La polizia ha dispiegato quasi 4.000 agenti per garantire la sicurezza del concerto, che aveva registrato il sold out.

I Coldplay non hanno rilasciato commenti sulle proteste. Nel 2019 Chris Martin Aveva ammesso: “Ero omofobo, poi mi sono detto: e anche se fossi gay?”. Nel 2017 durante la cerimonia per i Brit Awards, Chris Martin aveva “duettato” con George Michael, che era scomparso pochi mesi prima, nella canzone “A different corner”.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24
Mahmood: "Sono stato un ragazzino cicciotello per niente cool, ma più libero e sicuro di chi sono oggi"

Mahmood: “Sono stato un ragazzino cicciotello per niente cool, ma più libero e sicuro di chi sono oggi”

Musica - Emanuele Corbo 22.5.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri - Specchio Specchio - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri

Culture - Redazione 23.5.24
La Lega presenta una proposta di legge per "vietare l'insegnamento delle teorie gender nelle scuole" - Laura Ravetto - Gay.it

La Lega presenta una proposta di legge per “vietare l’insegnamento delle teorie gender nelle scuole”

News - Redazione 24.5.24
Tom Daley e Stefano Belotti

Chi è Stefano Belotti, il tuffatore azzurro che augura buon compleanno a Tom Daley

Lifestyle - Mandalina Di Biase 22.5.24
Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO) - Cannes 2024 Vivre Mourir Renaitre 3 - Gay.it

Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO)

Cinema - Redazione 22.5.24

I nostri contenuti
sono diversi

elezioni-indonesia-2024

Indonesia, estrema destra anti-LGBTI+ verso la vittoria, chi è Prabowo Subianto leader di Gerindra

News - Francesca Di Feo 16.2.24
andrea-saltini-gratia-plena-aggredito

L’artista Andrea Saltini aggredito da un integralista cattolico: le sue opere erano state definite “blasfeme”

News - Francesca Di Feo 29.3.24
report-amnesty-diritti-umani

Preoccupante regressione dei diritti umani, tra cui quelli LGBTQIA+, a livello globale: il desolante report di Amnesty International

News - Francesca Di Feo 29.4.24
orban ungheria

Come l’Ungheria è diventata illiberale, Orban e l’attacco alla democrazia

News - Lorenzo Ottanelli 1.2.24
Russia, il primo caso di "estremismo LGBTQIA+" finirà in tribunale: arrestati manager e direttrice del club queer Pose - VIDEO - russia club pose orenburg - Gay.it

Russia, il primo caso di “estremismo LGBTQIA+” finirà in tribunale: arrestati manager e direttrice del club queer Pose – VIDEO

News - Francesca Di Feo 22.3.24
Yemen, 9 uomini condannati a morte tramite “crocifissione e lapidazione” per presunta sodomia - crocifissione - Gay.it

Yemen, 9 uomini condannati a morte tramite “crocifissione e lapidazione” per presunta sodomia

News - Redazione 28.3.24
"È importante votare, e non accettare le altrui decisioni come accade in Cina": storia di unə rifugiatə LGBTQIA+ scappatə dalle persecuzioni del governo di Xi Jinping - cina intervista rifugiat lgbtqia 1 - Gay.it

“È importante votare, e non accettare le altrui decisioni come accade in Cina”: storia di unə rifugiatə LGBTQIA+ scappatə dalle persecuzioni del governo di Xi Jinping

News - Francesca Di Feo 24.5.24
ghana-disegno-di-legge-anti-lgbt-approvazione-marzo

Ghana, lo spietato disegno di legge anti-LGBTQIA+ verso l’approvazione a marzo

News - Francesca Di Feo 23.2.24