Grindr e lo stigma del sieropositivo: “Fottiti, tanto nessun altro lo farà”

Una campagna australiana mostra il trattamento ricevuto dagli utenti HIV+ sulla celebre app di incontri. E non c’è nulla di cui andare fieri.

Disprezzato, insultato, spinto al silenzio o alla depressione. Questo è quanto può accadere se sei sieropositivo sulle app di incontri, che si confermano ancora una volta un luogo di discriminazioni, a volte anche violente.

Una campagna australiana lanciata dalla Queensland Positive People mostra in un video come il tema dell’HIV trasformi la tipica conversazione da grindr in battute d’odio: “Dovresti vergognarti, sei una malattia ambulante”, “Vile pezzo di merda”, “Ti blocco. Fottiti, perché tanto nessun altro lo farà”.

Il comportamento rivela ancora una volta lo stigma con cui si cerca di punire colui che ha contratto il virus, in una sorta di allontanamento del rischio contagio da sé. Per Simon Connor, il direttore esecutivo della campagna, “Lo stigma può essere peggiore del virus di per sé, perché non attacca solo chi è sieropositivo e ne è consapevole, ma costituisce anche una barriera psicologica a farsi controllare”.

Il video:

Ti suggeriamo anche 

'Sieropositivi in terapia antivirale non possono trasmettere l'HIV': la conferma da un nuovo studio

TV

25 anni anni fa finiva Non è la Rai: ecco 10 momenti cult – video

Il 30 giugno del 1995 dallo Studio 1 del Centro Palatino a Roma andava in onda l'ultima puntata di Non è la Rai, ecco 10 momenti indimenticabili che hanno fatto la storia delle televisione italiana.

di Redazione