Video

Identity: documentario su trans e identita’ di genere

Quanto è comune per i trans lavorare nell'ambito della pornografia?

2 min. di lettura

Il regista Dave Naz ha pubblicato un documentario che riunisce trans, genderqueer, butch e queer intervistati sulle loro esperienze con l’identita’ di genere e la disforia di genere.

Dagli ormoni a com’è trovare un lavoro sino alla crescita personale ecco “Identity” di Dave Naz, con le testimonianze di 36 trans, genderqueer, butch e queer. Identity” viene descritto dal regista come una serie di illuminanti e accorate interviste.

I commenti si sono divisi tra il molto positivo e il molto critico.

C’è chi ha apprezzato la fattura del documentario e la voglia di racchiudere in un video cosi tante esperienze, ma c’è chi ha sottolineato un’importante, e allarmante, domanda: quanto è comune per le persone non conformi al genere lavorare nell’ambito della pornografia?

Dal documentario “Identity” è venuto fuori che fra i trans, genderqueer, butch e queer intervistati la gran maggioranza lavora nell’ambito della pornografia e i telespettatori si sono chiesti se la selezione degli intervistati fosse un caso o se, effettivamente, fosse l’occupazione lavorativa piu’ comune per trans, genderqueer, butch e queer.

Una risposta di una spettatrice della comunita’ transgender, indispettita dal video, ha particolarmente attirato la nostra attenzione per la sua alquanto cruda analisi. Dato che il commento è molto interessante, tradurro’ per voi la parte piu’ significativa dell’intervento:

Ci sono dei problemi per i giovani transessuali che si preparano alla transizione. Uno: non c’è educazione. Alcuni non sanno nemmeno che ci sia di piu’ oltre il travestitismo, quindi molti scoprono delle operazioni troppo tardi. Secondo: c’è troppo impatto sui media. Nessuno beneficia del sentire un trans parlare della propria esperienza, chi guarda questi video non fanno parte della comunita’ transgender, sono i curiosi. So che non è bello da dire, ma quello che la gente vede è qualche sano adulto trasformarsi in mostro per scelta. Quello che è rilevante è che la disforia di genere non è una scelta, non c’è via per conviverci e si associa all’incredibile alta percentuale del tasso di suicidio di questi uomo-donna che troppo spesso si vedono parlare della loro apparentemente normale situazione queer. La gente è stufa delle lobby lgbt, perchè le minoranze devono per forza esser vocali sul fatto di voler rimanere ancorati al loro status di fiocco di neve in faccia ad altri, sul web e in altre manifestazioni. Il problema è che si sceglie la cerchia sbagliata di persone a cui mostrare questi interventi. Se vogliono sapere possono chiedere e tutto li sara’ spiegato, ma considerato come i media ci dipingono, non è una sorpresa che le famiglie buttino fuori di casa i loro figli se si arriva a situazioni simili. Le fasi di una transizione passano per la politica e se le leggi non sono discriminanti tutto è apposto. Siate una donna e un uomo non un trans, prendete una posizione, e andate avanti.

 

Voi cosa ne pensate? Siete d’accordo col pensiero dell’utente oppure l’avete trovato esagerato e fuori luogo?

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Palinsesti Rai 2024/2025, slitta Sanremo, fuori Serena Bortone. Promossi Insegno, Sechi, Barbareschi e Giletti - Palinsesti Rai - Gay.it

Palinsesti Rai 2024/2025, slitta Sanremo, fuori Serena Bortone. Promossi Insegno, Sechi, Barbareschi e Giletti

Culture - Federico Boni 19.7.24
B&B rifiuta coppia omosessuale a Busca in provincia di Cuneo

B&B di Busca che rifiuta omosessuali scovato da Gay.it: Booking.com non elimina l’annuncio, la titolare fornisce nuove versioni omofobe ai quotidiani

News - Giuliano Federico 16.7.24
Chi è Noah Williams, il tuffatore con OnlyFans che affiancherà Tom Daley alle Olimpiadi di Parigi del 2024 - Chi e Noah Williams il tuffatore che affianchera Tom Daley alle Olimpiadi di Parigi del 2024 - Gay.it

Chi è Noah Williams, il tuffatore con OnlyFans che affiancherà Tom Daley alle Olimpiadi di Parigi del 2024

Corpi - Redazione 19.7.24
Maria De Filippi e Amadeus, Festival di Sanremo

“Festival di Sanremo” cercasi: su Canale 5 arriva “Amici-Verissimo”, sul Nove “Suzuki Music Party”

Culture - Luca Diana 18.7.24
Il Poiesis Quartet si esibiranno al XXIV Emilia Romagna Festival il 21, 23, e 26 Agosto

Poiesis Quartet, il primo quartetto queer nella storia della musica classica – Intervista

Musica - Riccardo Conte 20.7.24
Paola Turci e Francesca Pascale sarebbero in crisi

Francesca Pascale e l’addio a Paola Turci: “Un grande dolore, ho deciso io di allontanarmi. Berlusconi incancellabile”

News - Redazione 20.7.24

Continua a leggere

House of the Dragon e il full frontal di Ewan Mitchell che ha sorpreso i fan: "Non era una protesi" - House of the Dragon e il full frontal di Ewan Mitchell che ha sorpreso i fan - Gay.it

House of the Dragon e il full frontal di Ewan Mitchell che ha sorpreso i fan: “Non era una protesi”

Serie Tv - Redazione 5.7.24
Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24
Mahmood per Paper Magazine

Mahmood apre il dibattito: “Sputo o lubrificante?”, e i fan si scatenano. I commenti più divertenti

Musica - Emanuele Corbo 19.6.24
Mount Clitoris

“Mount Clitoris”, un (fake) reality show per imparare a farla godere

Corpi - Emanuele Corbo 13.6.24
Fedez annuncia apertura canale OnlyFans

Fedez cede a OnlyFans e apre il suo canale: “Mi consigliano di ripulirmi l’immagine e faccio il contrario”

News - Emanuele Corbo 21.6.24
Chemsex testimonianza di Filippo

Sono un utilizzatore di chemsex, la testimonianza (VIDEO)

Corpi - Daniele Calzavara 23.4.24
Le relazioni e il sesso come territorio ambiguo: "Di me non sai", intervista a Raffaele Cataldo - Sessp 41 - Gay.it

Le relazioni e il sesso come territorio ambiguo: “Di me non sai”, intervista a Raffaele Cataldo

Culture - Federico Colombo 19.3.24
Steven Miles, il pornodivo bisessuale, Proud Boy e trumpiano, condannato a 24 mesi di carcere per l'assalto a Capitol Hill - Steven Miles - Gay.it

Steven Miles, il pornodivo bisessuale, Proud Boy e trumpiano, condannato a 24 mesi di carcere per l’assalto a Capitol Hill

News - Redazione 20.2.24